Read Il Malpensante by Gesualdo Bufalino Online

il-malpensante

Malpensante è chi pensa male, tecnicamente parlando. Ma è, soprattutto, chi pensa il male e ne accarezza i nodi dentro di sé, senza risolversi a tagliarli con un’energica scure. Di entrambi i significati sostiene d’essersi ricordato Gesualdo Bufalino nell'intitolare la presente raccolta di aforismi, note azzurre, fusées, greguerias, obiter dicta, goliarderie, malumori e umMalpensante è chi pensa male, tecnicamente parlando. Ma è, soprattutto, chi pensa il male e ne accarezza i nodi dentro di sé, senza risolversi a tagliarli con un’energica scure. Di entrambi i significati sostiene d’essersi ricordato Gesualdo Bufalino nell'intitolare la presente raccolta di aforismi, note azzurre, fusées, greguerias, obiter dicta, goliarderie, malumori e umori, disposti a mo’ di barbanera retrospettivo e offerti al passeggero, come si usava un volta. Uno zibaldone (o anche un diario travestito da libro sapienziale, un’opera dei pupi indecisa fra divertimento e passione) assai voluminoso in origine, ma da cui l’autore ha estratto solo le schegge che gli apparissero anticipi o riassunti delle sue più tenaci ossessioni. Non già, figurarsi, per inseguire modelli altissimi o alti, da Leopardi a Baudelaire, da Karl Kraus a Bierce, a Lee, a Flaiano; ma speranzoso che qualche lampo, sebbene livido e storto, si sprigioni dalle sue carte e induca un salutare sconcerto nel benpensante lettore....

Title : Il Malpensante
Author :
Rating :
ISBN : 9788845201189
Format Type : Paperback
Number of Pages : 140 Pages
Status : Available For Download
Last checked : 21 Minutes ago!

Il Malpensante Reviews

  • Evi *
    2019-06-11 12:51

    AUTOBIOGRAFIA IN PILLOLELeggendo queste 74 pagine di aforismi, riflessioni, citazioni, frammenti di poesia, ipotesi di romanzo, idee di possibili titoli di opere, tanti sassolini bianchi che l'autore rilascia e annota nel tempo di una vita, ci si può approssimativamente fare un'idea della sua personalità.Ne emerge un uomo dal carattere un po’ astioso, non proprio simpatico, molto caustico, narciso, fine letterato.Traspare l'ombra delle sue paure che trovano forma in un grande cavallo nero, la belva che nella sua immaginazione lo atterrisce di più .E si delinea il rapporto ambivalente con le donne alcune delle quali così complicate che senza le note a piè di pagina è impossibile comprendere per cui gli rimarrà sempre il dubbio se preferiscano essere prese, comprese o sorprese.Un Bufalino il cui campanello d’allarme quando si sta innamorando suona per l’impulso che lo coglie a prenderla a braccetto una donna invece che abbracciarla, per poi sussurrarle teneramente all’orecchio “Come eri bella ieri al telefono”E’ un uomo di circa 70 anni quando dà forma a Il Malpensante, sente la morte come una possibilità che si approssima, consapevole che ci sarà un momento nella vita di ognuno di noi in cui si riderà per l'ultima volta senza saperlo, e che ogni giorno si è più vecchi di ieri ma più giovani di domani.Anche romanticamente tentato dall’idea bizzarra, pavida e coraggioso a un tempo del suicidio, con uno sguardo all’indietro sulla vita percorsa a cercare di isolarne brani di felicità e allora salviamo quei dieci minuti nell'aprile del '36, o quella sera di mezz’inverno a Lugano ricordandoci che a volte capita di sentirsi per un minuto felici, ma ci avverte: non facciamoci cogliere dal panico, perché è solo questione di un attimo poi passa, e forse di due infelicità sommate, se ne potrà fare una sola.Aforismi che mettono in evidenza l'uomo dotto, il letterato che da bambino imparava i nomi di personaggi famosi girando per le vie del paese leggendo le targhe delle vie.Scrittore, poeta che riscrive la stessa identica poesia sempre fino alla morte, e che si difende dall’accusa dell'eccessivo barocchismo della sua scrittura dicendo che in realtà il suo é un barocco apparente: dove sembra che gridi, in verità tace o bisbigliaTraduttore dal francese, importante il suo lavoro di ricostruzione de Les fleures du mal di Baudelaire, nobilta e innalza nella filiera libro la figura del traduttore, che definisce l’unico autentico lettore di un testo, perché nemmeno l'autore lo conosce quanto colui che lo ha tradotto.Bufalino ateo convinto che però cerca continuamente Dio, anche solo per litigarci un po’, e meno ci crede e più ne parla.Un’autobiografia in pillole che dice più di quello che sembra dire, si regge sul genere minore dell'aforisma, che ha i suoi natali lontano nel tempo, amato da Leopardi, da Flaiano, elevato a strumento autorevole per spiegare la realtà anche da Nietzsche che su esso scrisse:L'aforisma, la sentenza, […] sono le forme dell'”eternità”; la mia ambizione è dire in dieci frasi quello che chiunque altro dice in un libro, – quello che chiunque altro non dice in un libroBrevi sentenze ficcanti, che in otto parole diventano un precipitato di verità, perché ci dice Gesualdo Bufalino che un aforisma benfatto deve stare tutto in otto parole.L’aforisma, modalità espressiva moderna sintetica efficace che sta al passo dei tempi e alla richiesta di brevità e velocità di fruizione, quella che ci richiedono i social, lo spazio di una finestra di commento in cui farci stare tutto e bene, forse.Quindi orsù aforismiamo e twittiamo appassionatamente!

  • Claudia Falzarano
    2019-06-07 18:05

    "Metri, metronomi, meridiane... L'uomo presume, misurando lo spazio e il tempo, di vincerli, mentre sono essi che misurano lui."

  • Maurizio Manco
    2019-06-08 11:51

    "L’impazienza di Dio nel pubblicare il mondo non finisce di sbalordirmi. Cose così si tengono nel cassetto per sempre." (p. 27)

  • Andrés Morán
    2019-06-14 10:52

    Me ha sido imposible de encontrar en Bogotá.