Read The Garden of the Finzi-Continis by Giorgio Bassani Jamie McKendrick Online

the-garden-of-the-finzi-continis

This is a haunting, elegiac novel which captures the mood and atmosphere of Italy (and in particular Ferrara) in the last summers of the thirties, focusing on an aristocratic Jewish family moving imperceptibly towards its doom. Vittorio De Sica turned the book into a film in 1970, winning the Academy Award for Best Foreign Language Film in 1974....

Title : The Garden of the Finzi-Continis
Author :
Rating :
ISBN : 17213748
Format Type : Paperback
Number of Pages : 257 Pages
Status : Available For Download
Last checked : 21 Minutes ago!

The Garden of the Finzi-Continis Reviews

  • Kalliope
    2019-03-27 04:10

    An Elegy encapsulated in a garden. Recalled through the torn veils of memory this semiautobiographical interlude evokes the life of the Finzi-Contini, a Jewish and wealthy Ferrarese family, during the ominous late 1930s.Those lives are revived during a visit to an Etruscan cemetery twenty years later. Another kind of garden.The novel opens for us a garden of lost youth, where illusions grew in a fertile ground and where the possibilities seemed endless. Echoes of the primeval garden, of an overgrown paradise, or of theHortus Conclusus of protected virginity, welcome us from the beginning since the title of the book acts as a kind of Welcoming Banner.The tale has then the sweet and bitter taste of tragic nostalgia. Tragic because we know what is coming: the Italy of the black shirts. The inevitability of catastrophes in history easily seems evitable in posterity. But Bassani immerses us in the original development of events, and in its necessity we feel the imminence of tragedy. It shrouds with dark tones the scented story of youth, innocence and longing for love. And we are not mistaken in our expectations as we come up to the enclosing, limiting, ending wall.But we are to remember and books can be like the centennial trees. Witnesses of past ages.

  • Teresa
    2019-04-01 07:57

    ... for me, no less than for her, the memory of things was much more important than the possession of them, and in comparison with that memory all possession, in itself, seemed just disappointing, delusive, flat, insufficient....The way I longed for the present to become the past at once, so that I could love it and gaze fondly at it any time...It was our vice, this: looking backward as we went ahead. The inner flap of this edition mentions Marcel Proust, but even without that I'm sure I would've thought of him, not only with the above passage, but with the unnamed narrator's love for the tennis-playing Micòl, at an age when love equals jealousy, a love without the understanding that the insecurities and accusations that arise from the lesser emotion will not endear you to the beloved. Though she's seen through the narrator's rear-view mirror, Micòl is no Proustian Albertine. For only one thing, Micòl's family, not the narrator's, is the one with money; but more importantly, unlike Albertine, Micòl is not a concept but a character who speaks her mind, acts and reacts (though perhaps the two differences are not unrelated). It is Ferrara, though, with its city walls and ducal gardens, that is the main character, a city as insular as Micòl's family.We know from the beginning that this Jewish family living in Fascist Italy in the late 1930s is doomed. They continue to live as they always do, ignoring a certain future, even making plans to enlarge a tennis court that their non-Jewish friends are forbidden to play on. Political thought is represented in the character of their Communist friend, the forward-thinking Malnate, but even he cannot escape. The familiarity of the novel's tone nagged at me, though I can't put my finger on why it felt that way (and I'm not thinking of Proust now). Most likely, that feeling came from other backwards-looking novels of love and loss I've read that have become an amorphous mass in my so-called memory bank, but that doesn't mean this one isn't a special one.Because of events listed in the author's biography on the book jacket, I assumed this novel was semi-autobiographical; but it was only today, after paging to the front of the book before writing this review, that I noticed the dedication: To Micòl.*I read the first translated-into-English edition and encountered a couple of disconcerting, glaringly obvious, misplaced modifiers: I trust those were corrected in later editions.

  • StevenGodin
    2019-04-08 11:16

    Set in the northern Italian city of Ferrara against the rise of fascism during Mussolini's reign in power, it's late 1930's and our narrator, like Giorgio Bassani himself, is a member of Ferrara’s Jewish community, and this novel chronicles the early stages of the persecution of Italian Jews (and little did I realise many Jews actually joined the Fascist Party), and at first the racial laws don't really seem to bother many of the characters involved. As a student our narrator is blacklisted from his local tennis club so is invited onto the estate of the wealthy and previously aloof Finzi-Contini family which brings back memory's of his younger years where he had some feelings for the daughter Micol, so now along with her brother Alberto and some other intelligent friends they share many good times together in the gardens and later on he gets to know other members of the family and spends more time in their house, it isn't long before his feelings grow for Micol and is clearly much in love with her, but there is a sense that Micol and Alberto have led such a pampered life full of affluency that this may explain some of their behaviour at times especially Micol who I do believe was also in love but somehow struggled to show it. Although this sort of reads like a love story it's far more realistic than it is romantic in terms of how it deals with human emotions, also I would definitely class this as a slow burner but this works so well because you really get drawn into the characters and their surroundings, so plot makes way for mood and atmosphere during an important moment in their lives where war is looming, the Finzi-Contini estate becomes a safe haven and feels almost like a lost Eden in the eyes of those who spend time there. As I can only go by the translation (done very well by Jamie Mckendrick for this edition) Bassani's quality of writing shines throughout and he was clearly one of the great European novelists.

  • Hugh
    2019-04-17 11:16

    A historical novel set among an Italian Jewish community in the late 1930s, this book has lyrical descriptive passages and a moving elegiac storyline. Very enjoyable.Like so many of the books I read long before joining GR, I would have to read this again to write a review that does it justice. It is part of a cycle of novels set in Ferrara and three of the others are now available in the same Penguin Modern Classics series. Like another of my favourite books, Hopeful Monsters by Nicholas Mosley, it transcends the series it is part of and can be read as a self-contained novel.

  • Dagio_maya
    2019-03-30 10:06

    "La mia ansia che il presente diventasse subito passato perché potessi amarlo e vagheggiarlo a mio agio era anche sua, tale e quale. Era il nostro vizio, questo: d'andare avanti con le teste sempre voltate all'indietro" Il testo di Bassani che oggi leggiamo è il risultato di almeno tre rimaneggiamenti che l'autore fece rispetto all'originaria edizione del 1962. Quello che fondamentalmente cambia è la prospettiva di questa storia che si svolge a Ferrara: dal racconto in terza persona,e dove il protagonista è di un 'altra città, si passa alla narrazione condotta da un anonimo giovane ebreo ferrarese (Bassani stesso?). Al centro del racconto c’è la storia di una famiglia dell'alta borghesia ebraica ferrarese, per l'appunto i Finzi-Contini ed, in particolare, la giovane Micòl.Prologo- La voce narrante rievoca un episodio: una scampagnata domenicale con un gruppo di amici e la loro figlia che si conclude con la visita alla tombe etrusche nei dintorni di Roma."«Papà» domandò ancora Giannina, «perché le tombe antiche fanno meno malinconia di quelle più nuove?» ".La bambina simboleggia la freschezza e l’ingenuità ma anche l'impegno che devono assumersi le nuove generazioni e con questo escamotage si tende il filo conduttore di tutto il romanzo: la memoria di cui occorre prendersi cura e portare rispetto. Il racconto stesso della visita alle tombe etrusche stimola il ricordo del cimitero ebraico ferrarese dove si trova la monumentale tomba dei Finzi-Contini. E così l'incipit la descrive:"La tomba era grande, massiccia, davvero imponente: una specie di tempio tra l'antico e l'orientale".La morte è sempre presente anche se non tutti se ne accorgono o non vogliono farlo.Un romanzo in sè estremamente metaforico dove la geografia stessa dell'ambiente in cui si dipana la storia parla di un "dentro" e di "fuori" rispetto al famigerato giardino dove i limiti sono dati da alte, ma non invalicabili, mura. Vita e morte si fronteggiano. Da un lato la vitalità e la spensieratezza dei protagonisti prima ragazzini e poi giovani universitari, dall'altro il sottofondo del fatale corso della Storia. Le leggi razziali sono un fastidio soprattutto quando al già esclusivo circolo sportivo vengono vietati i campi da tennis agli ebrei. Una vera scocciatura a cui Alberto e Micòl -i giovani Finzi-Contini- rimediano offrendo il campo che è all'interno del loro giardino. I cancelli dunque si aprono. Come dice Montale nella sua prefazione: "È un giardino in cui si entra solo con lunghi movimenti concentrici." e anche qui troviamo una metafora per cui anche una volta entrati a contatto con questa famiglia non significa nè che sia facile nè che sia scontato raggiungere il loro cuore.(view spoiler)[L'ignoto protagonista da qui concentrerà la sua attenzione su Micòl assediandola ed abbattendosi per i suoi rifiuti fino all'abbandono definitivo. (hide spoiler)]L'attaccamento al passato, un presente tollerato nella prospettiva che passi velocemente. Un futuro ignorato, una famiglia che cerca il distacco sociale, l'amore rifiutato, vaghi accenni all'omosessualità vissuta come vergogna, gli avvenimenti storici che non sono vissuti ma filtrati in discussioni al chiuso di una stanza fumosa...C'è molto, tanto, troppo?L'opera è evidentemente molto ricca e ben costruita.Per quanto mi riguarda, tuttavia, per vari motivi non è scoccata completamente la scintilla.La prima parte mi ha mal predisposto a causa di una scrittura esageratamente accademica (che, a onor del vero, poi si ridimensiona nelle parti dialogate).Una serie di periodi lunghi, ingarbugliati dove la lettura diventa una fastidiosa caccia al soggetto. Inizialmente attribuivo questa scelta stilistica ad un pavoneggiarsi di fronte al lettore – e soprattutto alla critica- per sfoggiare l'erudizione e per distinguersi (come dice Montale nella sua altezzosa prefazione) dalla dozzinale letteratura a lui contemporanea. Leggendo, tuttavia, il romanzo nel suo complesso la questione mi pare maggiormente attribuibile ad un attaccamento alla forma classica come segno di legame al tanto decantato passato. Questo è il secondo motivo per cui non ho completamente apprezzato questo romanzo.Ho pensato molte volte a come mi sarei comportata nel periodo fascista e di fronte alle leggi razziali. Non ho risposta perchè molto sarebbe stato frutto del contesto ma anche del caso, incontri... Non ci è dato sapere. Oggi, con il favore della distanza temporale possiamo capire la difficoltà di chi vive la Storia non riuscendo a coglierne l'evolversi. Ma mi chiedo come abbia potuto farlo il mondo intellettuale, colto e potenzialmente preparato ad analizzare il corso degli eventi. Ebbene è l'enfasi del passato che ritorna come unica cosa importante.Questo tripudio del "caro, il dolce, il pio passato" mi ha infastidita e così ho deciso che le mura di questo giardino preferisco non scavalcarle!

  • Whitaker
    2019-04-18 12:03

    You really can't read about a garden in a book from the Western tradition without thinking of that very first one: the Garden of Eden. Not when that garden is so much front and centre of a novel that it's in the title. And especially not when that garden is a walled-off sanctuary from the oppression of Facist Italy. There's even an alluring Eve. Any evocation of the Garden of Eden is, however, also an evocation of its consequence: the Fall and the loss of innocence. The Garden of the Finzi-Continis is a coming-of-age story of the narrator’s loss of innocence and entry into manhood. But more than that, it is also about the loss of innocence of a generation that never thought that something like the Holocaust was even possible. The Finzi-Continis, a family of Italian Jews, wall themselves off in their villa with its garden paradise, dreaming their sunlit afternoons away. But the year is 1939 and we know the Fall is coming; the family cannot hide in a world of dream forever. The novel begins in the 1960’s with a visit to the Etruscan catacombs. A little girl asks her father why people visiting the catacombs do not find them as gloomy as cemeteries. Her father replies that it is because they never knew the Etruscans, and don’t think of them as ever having been alive. The little girl then points out that by asking her question, they cannot help but recall that the Etruscans too once loved, played, and dreamed. The novel ends before the Finzi-Continis are expelled from their Eden. They live on in Bassani’s novel: a moving elegy to these people who too once loved, and played, and dreamed that their innocence could never end. What Others ThoughtReviewed by The Independent (12 May 2012)

  • Stella
    2019-04-10 10:09

    Un capolavoro. Tutto il resto che potrei dire mi pare non sia all’altezza di spiegare cosa regala questo libro. Chissà, poi, perché non l’avevo ancora letto.Bassani per quasi vent’anni corregge e rivede le versioni del testo: il risultato è un’opera raffinatissima, curata in ogni parte, in cui tutto, parole, immagini, vicende sembrano collocate al posto giusto, senza che sia rimasto nulla di ridondante o di superficiale. Tutti i vari piani del testo sanno fondersi, confondersi, trapassare l’uno nell’altro. Al centro della storia la vicenda di un gruppo di ventenni dell’alta borghesia ebrea che a Ferrara, nel 1938, cercano ostinatamente di vivere la spensieratezza della loro gioventù improvvisamente segnata dalla violenzìta discriminazione delle leggi razziali. Il cuore della vicenda è incarnato dal protagonista, di cui non si sa il nome, e dalla ragazza di cui si innamora, Micol Finzi Contini: Bassani sa disegnare due personaggi indimenticabili, raccontandone le sfumature psicologiche, le contraddizioni, le fragilità, costruendo personaggi a tutto tondo. Micol, poi, bella, brillante, colta, piena di vita, civetta, bugiarda è una delle figure femminili più riuscite di tutta la letteratura italiana. Intorno, ma senza mai essere solo contorno funzionale, amici e parenti. Indimenticabili anche Alberto Finzi Contini e Malnate. E straordinari i dialoghi, uno dei punti di forza dell’opera, soprattutto fra il protagonista e Micol; bellissimo anche lo scambio fra padre e figlio sulle delusioni d’amore. Bassani sa far convivere, in modo magistrale, la vividezza dei fatti, l’impatto forte dell’innamoramento, della delusione, della frustrazione, del corteggiamento, del tradimento, dell’umiliazione del razzismo antisemita con il costante presagio della fine, dell’imminente scivolare di tutta quella vita, piena di giovani speranze e di dolori pulsanti, verso il silenzio della fine, verso il baratro della guerra e dei campi di sterminio. Già nell’incipit, magistrale, bellissimo, lo scrittore descrive la tomba monumentale dei Finzi Contini nel cimitero ebraico di Ferrara: è vuota, anche se sono tutti morti. Ci anticipa l’epilogo tragico e crea un’atmosfera che avvolge il lettore: c’è un sentimento di distanza da quelle morti inghiottite dalla Storia, ma al contempo anche di partecipazione viva e pulsante nel rievocare la vicenda. La Storia non rimane sullo sfondo, ma sa intrecciarsi in modo significativo con la storia dei personaggi. E infine, non ultima, c’è Ferrara: viva, bellissima, amata, descritta nelle sue piazze, nelle strade, nelle mura, nelle biciclette che la attraversano, nel grandioso giardino privato, al centro della città, rigoglioso e spettacolare, che fu dei Finzi Contini (e che esistette davvero, proprietà di una ricca famiglia che scomparve nei campi di sterminio nazisti).

  • Joselito Honestly and Brilliantly
    2019-04-14 10:00

    There is no such thing as a happy place. All places bring sadness. Think even of places with the loudest laughter, like a carnival. Late in the night, when all the visitors had left, you'll see the ferris wheel and the other rides unmoving. This one gay place suddenly desolate, eery. In China there's an abandoned theme park. It has become, to the local inhabitants nearby, like a ghost town.In the back cover blurb and in the five-page prologue of this novel you'll learn at once that except for the narrator all the principal protagonists here--Italian Jews--had perished during the second world war after they've been arrested and transported to Germany. But this is not what makes this novel of unrequited love haunting. In fact, its story ends just before the outbreak of the war, the narrator just mentioning the deaths in a short, two-page epilogue. Like it doesn't really matter if these characters died the way they did.But the places! Then ancient tombs of the Etruscans, dead four or five thousand years ago, their forgotten lives given recognition by a nine-year-old girl; the mausoleum of the Finzi-Continis family, with its last dead, now unattended and had lost it fight against the relentless siege of the surrounding vegetation; the family's big house, where once the Finzi-Continis family lived, the father, the mother, their beautiful daughter and her brother, now equally isolated and forlorn; their tennis court, scene of untiring matches among the siblings and their young friends, now buried by weeds and detritus; the house's once glorious garden, where the love--central to the story--was thought to have had its blossoming, now but a dim shadow of its old grandeur. Not the memory, or the prose, but it is the places which carry the sadness of the world.

  • Sandra
    2019-03-28 04:10

    Un romanzo di formazione, una storia di iniziazione all’amore e alle sofferenze della vita adulta, una testimonianza della situazione degli ebrei italiani durante gli anni che precedettero immediatamente la guerra e delle conseguenze delle leggi razziali, tutto questo può dirsi e molto altro ancora di un romanzo che è un capolavoro della letteratura ; tutto questo è stato per me, trascinata nella lettura come dalla piena di un fiume dalla scrittura limpida e perfetta di Giorgio Bassani, ed immersa in una atmosfera di sorda malinconia, di tristezza e di morte dalla prima pagina, in cui al narratore torna in mente la storia dei Finzi Contini dopo aver visitato le tombe etrusche di Cerveteri, fino all’ultima, in cui il destino dei membri di una famiglia che raffigura un intero popolo si è oramai realizzato, con la consapevolezza, pagina dopo pagina, che la vita e la giovinezza che regnano nella magna domus dei Finzi Contini e nell’immenso parco che la circonda non sono altro che un monumento alla morte che incombe, un grandioso monumento come quello funebre nel cimitero di Ferrara appartenente alla famiglia Finzi Contini. Un romanzo bellissimo.

  • Sara
    2019-04-19 04:01

    Un classico italiano di rara bellezza di cui tutto ciò che ricordavo della mia prima lettura alle scuole medie era soltanto la figura di Micol, che non mi era mai stata simpatica durante tutto il romanzo. L'amore del narratore di cui non conosciamo il nome per la figlia dei Finzi-Contini è il vero filo rosso del romanzo ed è ciò a cui ruota attorno ogni evento raccontato dal protagonista: le numerose partite di tennis nel giardino della famiglia di lei, il corteggiamento di lui, i tentati allontanamenti fisici da un amore non corrisposto a cui però non si riesce a stare lontani, fino a quando non sarà l'orrore della guerra e della persecuzione razziale a separare per sempre. Ho amato tutto di questo libro di Bassani e sono contenta che classici come questo mi facciano riscoprire ed apprezzare la letteratura italiana.

  • Nick Pageant
    2019-04-11 05:03

    Gorgeous. Proper review when I've recovered.

  • Gauss74
    2019-04-11 08:20

    Me lo avevano detto in tanti, che “Il giardino dei Finzi Contini” era la migliore opera di Giorgio Bassani, persino meglio degli “Occhiali d’oro”, eppure facevo fatica a crederci; non ultimo perché lo ricordo come uno dei tanti mattonazzi adolescenziali che ci venivano propinati dalla professoressa di lettere di turno.Ed invece no, il problema non era il libro bensì la professoressa, che dava da leggere libri troppo complessi a studenti troppo giovani (evidentemente dando per scontato che la gioventù degli anni ottanta fosse la stessa per sensibilità e modo di pensare a quella del ventennio): perchè questo romanzo insieme storico e di formazione è un autentico capolavoro.Quello che davvero ho apprezzato di questo nuovo capitolo della serie dei romanzi di Ferrara di Bassani, è che come tutti i grandi romanzi non si lascia chiudere un una interpretazione univoca o semplicistica, ma è suscettibile di numerosi livelli di lettura, uno più di qualità dell’altro. Si va dal romanzo di formazione al romanzo storico, dall’analisi sociale alla struggente rievocazione di una città che sta cambiando…Anche se l’ ambientazione (siamo nella Ferrara dei mesi immediatamente precedenti l’inizio della seconda guerra mondiale) e la scelta dei personaggi principali (una grande famiglia ebraica che comincia a piegarsi sotto il peso delle vergognose leggi razziali) lasciano pensare che il livello principale sia quello storico, io sono invece convinto che la chiave di lettura più importante sia quella del romanzo di formazione: da questo punto di vista la storia è curata con la stessa delicatezza e la stessa conoscenza dell’animo umano che avevo già trovato negli occhiali d’oro.L’innamoramento adolescenziale del protagonista per Micol Finzi-Contini non è mai né troppo drammatico né troppo scontato, e gli scontri ed i dialoghi a cui porta sono quelli che tutti noi abbiamo vissuto a quell’età (incluso, ed è una pagina bellissima, il chiarimento sulla natura mai troppo buona, anzi intrinsecamente aggressiva dell’amore: e ce ne sarebbe da parlare, in tempi di violenza di genere). A fianco dell’esperienza amorosa sono davvero molto ben descritte l’amicizia giovanile ( con gli amici si vivono le prime esperienze su cui si costruisce la vita adulta, ma l’amicizia potenzialmente può diventare rivalità nei primi innamoramenti) e soprattutto il cambiamento del rapporto con i genitori che passa dall’ autorevolezza alla complicità, soprattutto nella figura del padre.Non credo che tanta importanza data alla descrizione dei rapporti umani e del loro evolversi tolga efficacia alla resa del cruciale momento storico, anzi contribuisce a renderlo realistico ed a capire meglio cosa sia successo. Come hanno potuto gli ebrei dell’epoca non rendersi conto del baratro, del dramma che nel romanzo non viene mai nominato direttamente se non alla fine, ma che aleggia come una tenebrosa ombra nella mente di chi legge? Semplicemente perché gli ebrei, come tutti, erano troppo impegnati a vivere per rendersi conto della portata di una minaccia tale che, se accettata, alla vita stessa avrebbe tolto ogni senso.Su tutto, l’appassionato amore di Giorgio Bassani per la sua città, quella Ferrara alla quale ho la fortuna di vivere abbastanza vicino e che ancora oggi è un gioiello di architettura e vivibilità. Sembra di vederle quelle vie e quelle piazze, mentre il grande scrittore ferrarese con amore si dilunga a descriverle; tuttavia ho la sensazione che anche questa appassionata ambientazione non sia fine a se stessa, ma che sia un altro pezzo del puzzle da comporre per capire le radici della tragedia. Il giardino dei Finzi-Contini, più ancora che lo scenario della crescita di un giovane, è un muro di difesa. Una profondissima fortezza architettonica insuperabile persino dallo sguardo dei curiosi, che separa l’ aristocratica famiglia che lo abita dal resto del mondo, sia geograficamente che storicamente.Bisogna capire bene che siamo alla fine degli anni trenta, quando il mondo stentava ad uscire dalla prima grande crisi economica dall’inizio dell’età industriale: fame e disperazione del futuro dominavano ovunque, e da situazione come questa non possono che nascere odio e furore ( parola splendidamente scelta da John Steinbeck per descrivere lo stesso fenomeno negli Stati Uniti della stessa epoca).Il furore ha bisogno di un bersaglio: ed in una Italia schiacciata ormai da anni da un pesante totalitarismo, e da un nazionalismo che nel tentativo di non sembrare una farsa diventa feroce, gli ebrei sono un bersaglio davvero troppo facile. Una enclave di etnia, cultura e tradizioni estranee a quelle della maggioranza e che di quella estraneità ne fa un punto d’onore. Una enclave che in un mondo di affamati naviga in acque molto più tranquille della maggioranza, e che quelle risorse le usa per separarsi (anche attraverso profondissimi giardini) ed isolarsi, con un meccanismo di difesa che alle masse ignoranti sarebbe potuto sembrare spocchia, o classismo. Troppo facile, quasi immediato, capire cosa è successo.“il giardino dei Finzi-Contini” è anche un chiarimento che diventa un atto di accusa. Delle leggi razziali Adolf Hitler può essere stato sicuramente l’ispiratore, ma la responsabilità è tutta italiana. Benito Mussolini aveva bisogno di dare in pasto al popolino qualcuno da odiare, ed il trippone di Predappio (siamo nei paraggi tra l’altro) aveva tra le mani un agnello sacrificale davvero troppo facile, troppo comodo. Allo stesso modo guardando alla classe dirigente ebraica, sembra che Giorgio Bassani non riesca comunque a perdonare tanta classista e sciovinistica cecità. I borghesi ebrei dell’ epoca hanno sottovalutato il furore delle masse disperate (pure l’esempio staliniano era lì davanti ai loro occhi) ed hanno sopravvalutato la complicità che avevano stabilito col fascismo contro le aspirazioni dei poveri, che venivano supportate (menzogna su menzogna) da una fiammeggiante stella rossa: si sono sentiti molto più borghesi che ebrei.Hanno sbagliato nemico, hanno sbagliato amici. Si sono sentiti al sicuro dietro un muro, dietro un giardino: e questo li ha perduti.P:S: E i muri di oggi, contro quel furore che la nuova crisi ha fatto tornare, serviranno? La storia insegna che no, eppure gli avvenimenti politici di questi ultimi mesi sembrano mostrare che questa è una lezione che non abbiamo imparato. Speriamo solo di non dover pagare ancora una volta un prezzo così alto.

  • Alessia
    2019-04-10 07:13

    Quando la mia professoressa mi ha comunicato che per quest'anno avrei dovuto leggere "Il giardino dei Finzi-Contini", non ero poi così entusiasta della cosa, perché mi erano giunti commenti poco positivi su questo libro. Leggendolo, mi sono ricreduta ampiamente. E' un lungo ricordo, questo libro, un modo come un altro per far rivivere un amore che non c'è più, ucciso dalla follia del nazismo, un amore mai corrisposto, ma pur sempre amore. Questo libro è il tentativo disperato di Giorgio Bassani di far rivivere ancora Micòl, e Alberto, e il professor Ermanno, e la loro bella casa, il loro giardino, il loro campo da tennis, gli anni della spensieratezza e dei primi dolori. Un tentativo disperato di salvare dall'eternità della morte frammenti di vita, di emozioni, di ricordi appartenenti a una mente che invecchia e che dimentica. E Bassani lo fa con tenerezza. Parla di una famiglia distrutta da una tragedia con la dolcezza e il tepore di un ricordo, sfiora appena il loro triste destino, perché il suo scopo non è raccontare la loro morte, ma farli rivivere sulla carta esattamente come vivono nella sua mente, ancora, dopo anni.

  • Denis
    2019-04-12 09:55

    A Masterpiece. One of Italy's greatest novels, about Jewish people during the rise of fascism, but also about many other things that are universal: youth, the lure of beauty, unrequited love, untold desires, decadence. It's as elegiac and heartbreaking as a piece of great literature can be. One of those novels that touch the heart and the mind, that illuminates the human spirit, and whose melancholic enchantments remain haunting long after the book is closed.

  • Davide
    2019-03-30 05:12

    Lettura di qualche annetto fa (trenta). Approfondito riassunto coevo:Il libro racconta una parte della vita dell'autore nella Ferrara ebrea; con i suoi amici Micol ed Alberto Finzi Contini e Malnate.

  • • Frannie •
    2019-04-20 10:01

    Era il "nostro" vizio, questo: d'andare avanti con le teste sempre voltate all'indietro.Lo devo ammettere, alla fine la famiglia Finzi-Contini ha stregato pure me. In una Ferrara funestata dalle leggi razziali fasciste che impediscono a molti giovani l'accesso a biblioteche e club privati, il magnifico giardino dei Finzi-Contini rappresenta un'occasione per riunirsi, passare dei pomeriggi spensierati, far crescere degli amori e delle amicizie, coltivare, nonostante l'angoscioso clima della guerra, delle speranze per il futuro. Per quanto bellissima, è però anche una bolla dorata, che ben presto, proprio come Micòl, la donna da lui così tanto amata, con il sopraggiungere di tempi più bui e dell'età adulta, dovrà essere abbandonata dal protagonista. Quello di Bassani è un romanzo di una delicatezza unica, malinconico, intriso del sentore della morte eppure così abile nel tratteggiare la vita, o perlomeno il ricordo di essa. Sorprendente.

  • Geoff
    2019-03-23 04:56

    God damn mutherfucking William fucking Weaver is the fucking translator par exce-motherfucking-llence of god damn Italo fucking Calvino and no shit he went and fucking translated this bitch ass fucking book by Giorgio fuckshit Bassani well good god damn I guess I better look into this sonofabitch of a fucking book, eh Amazon.com.

  • William1
    2019-04-08 06:09

    Exquisite.

  • Tintaglia
    2019-04-20 07:12

    4.5Come sia riuscita a tenermi lontana da tutta una serie di classici così belli è uno dei misteri della scuola italiana.

  • wutheringhheights_
    2019-03-27 10:04

    Micòl ripeteva di continuo a Malnate che a lei del suo futuro democratico e sociale non gliene importava un fico, che il futuro, in sé, lei lo abborriva, ad esso preferendo di gran lunga "le vierge, le vivace et le bel aujourd' hui", e il passato, ancora di più, "il caro, il dolce, il pio passato". E siccome queste, lo so, non erano che parole, le solite parole ingannevoli e disperate che soltanto un vero bacio avrebbe potuto impedirle di proferire, di esse, appunto, e non di altre, sia suggello qui quel poco che il cuore ha saputo ricordare.

  • Gattalucy
    2019-04-04 08:11

    Come mi piace rileggerlo ogni tanto!

  • Rebecca
    2019-03-21 04:23

    "Quanti anni sono passati da quel remoto pomeriggio di giugno? Più di trenta. Tuttavia, se chiudo gli occhi, Micol Finzi-Contini è ancora là, affacciata al muro di cinta del suo giardino, che mi guarda e mi parla. Era poco più che una bambina, nel 1929, una tredicenne magra e bionda con grandi occhi chiari, magnetici. Io, un ragazzetto in calzoni corti, molto borghese e moltp vanitoso, che un piccolo guaio scolastico bastava a gettare nella disperazione più infantile. Ci fissavamo entrambi. Al di sopra di lei, il cielo era azzurro e compatto, un caldo cielo già estivo, senza la minima nube. Niente avrebbe potuto mutarlo, e niente l'ha mutato, infatti, almeno nella memoria."Ho adorato questo libro fin dalle prime parole. E l'ho adorato fino alle ultime. Finendolo in un lampo, nonostante la lentezza che gli impegni e il poco tempo a disposizione mi hanno imposto. Avevo nella lista book-to-read "IlGiardino" da anni, probabilmente una decina, ma poi refrattaria come sono ai classici (e questo per quanto recente lo è) non ho mai trovato l'occasione giusta per leggerlo. Le book challenge sono una manna dal cielo, proprio per questo. Grazie a quella in corso e a quella dello scorso anno, ho letto e scovato tanti libri su cui forse non avrei mai messo le mani. O che sarebbero rimasti a languire dieci anni tra i miei vari propositi di lettura senza mai arrivare al dunque, come in questo caso.Non posso che esortare pigri e procrastinatori come me a darsi una mossa e fiondarsi in biblioteca o libreria per la vostra copia del giardino, perché ne vale davvero la pena.Uno di quei libri che, pur iniziandolo con aspettative altissime, non solo le attende, ma le supera anche.Consigliato, consigliato, consigliato!!

  • Iain McNab
    2019-04-10 08:01

    This is a wonderful book, a heavily autobiographical novel published in 1962. In my opinion it brilliantly embeds a personal memory of first love into a specific historical and social context - the condition of Italian Jews in late 1930s Ferrara, as the Fascist Racial Laws are introduced and Italy begins to align itself more closely with Nazi Germany. So much is packed into just 250 pages of resonating prose - and yet the power of the book as a memorial for a doomed family, a vanished way of life, comes as much from what is unsaid, or only alluded to in the most oblique way, which makes it all the more moving somehow. There is no getting around the fact the book is stuffed with allusions to Italian and Jewish culture, which had me reaching for the reference books, but it's all to a purpose. Can't speak too highly of this great novel. Excellent new translation too.

  • Marcela
    2019-04-05 07:20

    4.5. Un libro precioso. El tema y el tono es la nostalgia, así que le gustará a todos los nostálgicos y aquellos que añoran y aprecian los valores de la aristocracia. Es también una historia de juventud y del descubrimiento del amor, "a coming of age story". Las minuciosas descripciones del narrador, sin llegar a ser tediosas, logran recrear perfectamente el ambiente de la época, del jardín de los Finzi-Contini (jardines como los del mejor de los palacios) y de la amistad que une al narrador con esta familia a la que está profundamente atado. Y esa nostalgia que siente el narrador al recordar aquellos tiempos y, especialmente, a Micòl, la hija de los Finzi-Contini, se nos va impregnando lentamente a medida que pasan las páginas. Si el tono es la nostalgia, el ritmo, como es de esperar es lento pero profundo, las frases y las descripciones largas, pero significativas. Aquí un ejemplo donde se describe el comedor de la "magna domus" de los Finzi-Contini: "Lo que mayor impresión me causó, ya aquella primera noche, fue sin duda el comedor en sí: con sus muebles de madera rojiza, en estilo floreado, con su amplia chimenea de boca arqueada y sinuosa, casi humana, con sus paredes revestidas de cuero, excepto una, totalmente encristalada, que se abría sobre la oscura tempestad del parque como el ojo de buey del Nautilus: tan íntimo, tan recogido, casi diría tan sepultado a propósito para mi yo de aquel momento, sobre todo, ahora lo comprendo, tan adecuado para proteger aquella especia de perezosa brasa, en que tantas veces consiste el corazón de los jóvenes".Una lectura deliciosa.

  • Amandine
    2019-04-16 09:12

    Review: italiano / françaisHo prima avuto un pò di male a veramente essere nella storia, ma alla fine della parte seconda, ho riuscito: comincia a piacermi e non ho più fermato la mia lettura. E la storia della famiglia ebrea dei Finzi-Contini avanti la seconda Guerra mondiale. Il narratore s'innamora della figlia di questa famiglia, Micol, ma lei non vuole di lui e è la sola a capire che non sono fatti l'uno per l'altro. La fine, il lettore la conosce già dall'inizio, nel prologo: la famiglia non soppraviverà alla guerra e al nazismo. Non è la voglia di sapere o il suspense che domina dunque in questa lettura per me, ma piuttosto lo stilo dell'autore, sopratutto nelle ultime parte, quando il narratore è innamorato e sfortunato (e lirico).Una bella storia che consiglio.J'ai d'abord eu un peu de mal à vraiment être dans l'histoire, mais à la fin de la deuxième partie, j'ai réussi: ça a commencé à me plaire et je n'ai plus arrêté ma lecture. C'est l'histoire de la famille juive des Finzi-Contini avant la seconde guerre mondiale. Le narrateur tombe amoureux de la fille de cette famille, Micol, mais elle ne veut pas de lui et est la seule à comprendre qu'ils ne sont pas faits l'un pour l'autre. La fin, le lecteur la connaît déjà dès le début, dans le prologue: la famille ne survivra pas à la guerre et au nazisme. Ce n'est donc pas l'envie de savoir ou le suspense qui domine dans cette lecture pour moi, mais plutôt le style de l'auteur, surtout dans les dernières parties, quand le narrateur est amoureux et malheureux (et lyrique).Une belle histoire que je conseille de lire.

  • Valentina
    2019-04-14 12:21

    Parto col dire che questo libro mi è stato dato da leggere a scuola, e che io sono il tipo di persona che odia che la scuola interferisca con le sue abitudini letterarie, ma stranamente questo non ha influenzato la mia lettura. Fin dalle primissime pagine mi sono ritrovata a rileggere le stesse righe più volte, incantata dalla prosa lirica e delicata di Bassani, e desiderando assaporarla fino in fondo. La mia copia è costellata di orecchie e sottilineature in due o tre colori di evidenziatore diversi, avendo sentito durante la lettura l'urgenza di sottolineare, di marcare, di bloccare la bellezza incapsulata nelle parole e farla mia. Che dire dei personaggi? Che dire di Micòl? Che dire del friendzonamento più struggente di cui abbia mai letto? I personaggi si smascherano a vicenda, l'autore ce li spoglia davanti uno dopo l'altro, descrivendoli con espressioni semplici ed essenziali, ma di una incisività disarmante, talvolta rivela il loro io con un'unica frase perfettamente calibrata. Un gruppo di ragazzi ebrei si ritrova in un grande giardino a giocare a tennis, a discutere dei propri studi, di politica e a innamorarsi, niente di troppo astruso, no? Ma è molto più di questo, è il concedere una storia e un volto a coloro che le hanno perse nella confusione e nella tragedia, è la storia del prima cancellata da quella del dopo.

  • Nancy
    2019-04-20 05:21

    This novel has been languishing on my bookshelves for years and years. I can't quite say why I never started reading it, but I think I shied away from the subject matter.I don't know if another translation would have made a difference in my reading experience, but I had a really hard time getting into this book. The descriptive passages were just too dense; the details in the writing overwhelmed me; and, I was waiting for something to happen (other than the inevitable political upheaval).As I approached the last 1/3 of the book, I was enjoying it more but perhaps it was just because I knew I was romping toward the story's conclusion. I am not sure what failed to interest me in this book: it could be simply that I expected too much of it. The romantic title and grave subject matter (pre-Holocaust Jewish society in Europe)suggested a dramatic story and I found it painfully slow-moving.

  • aithusa
    2019-04-07 05:56

    Iniziato più volte e altrettante volte abbandonato, finalmente sono riuscita a portarlo a termine!Giorgio Bassani scrive "Il giardino dei Finzi-Contini" basandosi su una famiglia di ebrei ferrarese realmente esistita, il capofamiglia Ermanno Finzi-Contini è, infatti, ispirato alla figura di Silvio Magrini che fu arrestato nel 1943 e trasferito poco dopo nel Lager di Fossoli.Il romanzo comincia con una visita alla necropoli etrusca di Cerveteri dove il narratore è in gita con alcuni amici, la mente del protagonista inizia così a viaggiare nel passato ricordando il cimitero ebraico di Ferrara e in particolare la tomba monumentale della famiglia Finzi-Contini.La storia è ambientata durante gli anni immediatamente precedenti allo scoppio della Seconda Guerra Mondiale, quando emanate le leggi razziali gli ebrei si trovano a essere esclusi dalle scuole pubbliche, dai circoli, dalle biblioteche... E' a questo punto che la riservata famiglia Finzi-Contini, che prima il protagonista incontrava soltanto durante le funzioni al Tempio, apre i cancelli della casa accogliendo i giovani amici dei figli Alberto e Micol. E' nel giardino che i ragazzi passeranno i loro pomeriggi, tra partite di tennis, in un tentativo di ritrovare una normalità che all' "esterno" non è più possibile. Ed è sempre qui che nasce l'amore, non ricambiato, del protagonista verso la bella e affascinante Micol.Non di difficile lettura, ho trovato molto belle le descrizioni , ma non mi ha appassionata granchè, l'ho trovato un po' troppo lento e non troppo coinvolgente.

  • (P)Ila
    2019-04-04 09:00

    Per nulla amante della letteratura italiana, mai avrei pensato di assegnare un voto così alto a questo libro ma Bassani mi ha conquistata.Nella Ferrara degli anni '40 in pieno regime fascista, il Narratore, di cui mai verremo a sapere il nome, ci racconta la storia, la sua, di un amore tormentato perchè mai corrisposto e di un'amicizia interrotta, della speranza che dovrà arrendersi davanti all'evidenza e di una vita pervasa dalla malinconia.L'amore inizia come un sentimento adolescenziale che da semplice amicizia, affetto, diventa un amore irresistibile e irrefrenabile, un amore che lo spinge continuamente a cercare Micol, la ragazza che incarna questa passione, e che lo influenza in ogni gesto, un amore che diventa quasi un'ossessione, un continuo cercare in tutti i modi di poterle stare accanto; ma quando la verità non può più essere celata, quanto l'uomo capisce definitivamente che Micol non sarà mai sua, la speranza ancora non si arrende, ogni movimento è calcolato, ogni frase è detta per colpire l'altro, ogni amicizia è usata per arrivare a lei.La speranza è dura a morire, si dice, ed è questo il caso almeno fino a quando sarà possibile resistere ancora.Il giardino dei Finzi-Contini è un romanzo meraviglioso e delicato come lo stile di Bassani, ricercato e accurato, ma è interamente pervaso da un senso di malinconia e di solitudine, la presenza della morte che aleggia sui personaggi è qualcosa di poetico. E' un'opera di una calma influente, una storia che potrebbe sfociare nella tragedia in parecchie occasioni ma che non lo fa mai, una narrazione pacata a cui fa da sfondo l'Italia delle leggi razziali, qui non ci sono eroi che vogliono cambiare il mondo ma solo un gruppo di ragazzi costretti a cambiare la loro vita e che si riunisco per rimanere legati a quel passato che li accomuna; il contesto storico c'è e si fa sentire attraverso le discussioni politiche dei ragazzi, gli usi e i costumi ebraici in tutte le loro sfaccettature, l'amore per l'arte e per la letteratura mi fanno ripensare per esempio alla traduzione di Micol di una poesia di Emily Dickinson.Insomma, questo gioiello è tante cose ma soprattutto è un ricordo intimo del protagonista, un insieme di emozioni forti e pure."Io ero rimasto qui, e per me che ero rimasto, e che ancora una volta avevo scelto per orgoglio e aridità una solitudine nutrita di vaghe, nebulose, impotenti speranze, per me in realtà non c'era più speranza, nessuna speranza."

  • Chiara (Catullina)
    2019-03-29 08:14

    "Ti passerà (...) e molto più presto di quanto tu non creda. Certo, mi dispiace: immagino quello che senti in questo momento. Però un pochino anche t'invidio, sai? Nella vita, se uno vuol capire, capire veramente come stanno le cose di questo mondo, deve morire almeno una volta. E allora, dato che la legge è questa, meglio morire da giovani, quando uno ha tanto tempo davanti a sé per tirarsi su e risuscitare..."Una storia liscia, pulita, "rotonda". Scritta con uno stile pacato, morbido. Come una fotografia di un tempo passato, di un momento preciso, di un luogo, di una famiglia, di pochi rapporti umani. Mi è piaciuta la sua calma e bellissima semplicità. Mi sono lasciata cullare dolcemente da queste pagine, malinconiche e con una venata tristezza tragica di fondo, ma non chiassosamente disperate.È stata una lettura tranquilla, seppur assolutamente non superficiale, che paragonerei ad una dolce voce che, prima di addormentarsi, ti sussurra nelle orecchie, mentre una lacrima le riga silenziosamente il volto.