Read Il sentiero dei nidi di ragno by Italo Calvino Online

il-sentiero-dei-nidi-di-ragno

Pubblicato nel 1947, Il sentiero dei nidi di ragno è il romanzo d’esordio di Italo Calvino. Protagonista è un ragazzino, Pin, che vive in un clima di privazioni e confusione, nel periodo della Resistenza. Avendo rubato una pistola a un soldato tedesco, Pin decide di nasconderla in un sentiero sperduto, per lui quasi magico, dove i ragni fanno il nido. Il bambino entra poiPubblicato nel 1947, Il sentiero dei nidi di ragno è il romanzo d’esordio di Italo Calvino. Protagonista è un ragazzino, Pin, che vive in un clima di privazioni e confusione, nel periodo della Resistenza. Avendo rubato una pistola a un soldato tedesco, Pin decide di nasconderla in un sentiero sperduto, per lui quasi magico, dove i ragni fanno il nido. Il bambino entra poi in un gruppo di partigiani, ognuno con la sua storia e un indistinto, personale ideale da seguire. Il sentiero dei nidi di ragno è un romanzo di iniziazione alla vita, caratterizzato da un forte realismo, al quale s’intrecciano i fili del meraviglioso, del fantastico e del fiabesco. Una peculiarità stilistica che diventerà il tratto distintivo di Calvino negli anni della maturità....

Title : Il sentiero dei nidi di ragno
Author :
Rating :
ISBN : 9788804375913
Format Type : Paperback
Number of Pages : 159 Pages
Status : Available For Download
Last checked : 21 Minutes ago!

Il sentiero dei nidi di ragno Reviews

  • Violet wells
    2019-03-19 13:54

    Calvino’s first novel written shortly after his wartime experiences as a partisan. His prevailing priority seems to be to debunk the myth of the noble heroic freedom fighter. I can imagine its somewhat cynical tone would have caused a rumpus when first published in 1947. He states in the preface that his aim was twofold – to launch an attack at both the detractors of the resistance and against the “high priests of a hagiographic Resistance that was all sweetness and light.” Personally I saw a lot of the latter and little of the former. And that very flimsy "all sweetness and light" doesn't strike me as a very credible premise against which to launch a counterattack. No one's perfect and no one would make that claim for the partisans but they did fight the Nazis and for that alone don't warrant the mockery Calvino heaps on them here. We see the war mostly through the eyes of Pin. Pin is an orphaned child though far from innocent. He lives with his sister who is the town’s most notorious prostitute. He entertains the menfolk by singing bawdy songs and insulting them. Like most of the males in the town he is torn between siding with the fascists and the partisans. Pin is like one of Calvino’s fairy story characters drafted into a novel that aspires to providing objective realist commentary. Often you can feel the strain of Calvino’s attempt to anchor his imagination which always seems to be tugging at its leash. To be honest I found his preface a lot more fascinating than the novel. In the 23 page preface he describes how the novel came to be written, mentioning the unease he felt about this book for many years and the difficulties he underwent constructing it, especially achieving the transition between Pin’s picaresque village life and his enrolment in history when he joins the partisan band. He also mentions books that are written solely to illustrate a thesis (of which this novel is a little guilty). At the same time he justifies it by admitting Pin was a self-portrait, that he dramatized what he himself felt about the war – a sense of inferiority faced with the incomprehensible world of adults. Calvino’s sense of inferiority though stemmed from his middle class upbringing while Pin’s centres on his age. Calvino calls this a symbolic substitution. Anyway, the preface was brilliant; the novel itself just okay.

  • Garima
    2019-02-26 13:07

    What you read and what you experience in life are not two separate worlds, but one single cosmos.Here I go again! Another review and my Dearest Calvino.It’s been a spectacular reading year for me. I got to know some great people, got some great book recommendations and of course read some great books written by great authors. Of them I read the following writers for the first time (No Kidding!) : Vladimir Nabokov, Haruki Murakami, David Mitchell, David Foster Wallace, Virginia Woolf, Rohinton Mistry, Thomas Bernhard, Nikolai Gogol, Roberto Bolano to name a few. But Italo Calvino is someone I’m most glad to discover. I have never really believed in the concept of my-favorite-person,book,place,color,etc-is but I suspect Calvino is quickly turning into my favorite writer. This is his 4th book I read in less than 6 months and I hope he has written enough to last me this lifetime. So considering all the points I mentioned, it was important that I dig into the novel that marked the beginning of his magnificent literary career. The Path to the Spiders’ Nests, a book title which according to Salman Rushdie was one of the best in the post-war literature, was officially the very first writing of Calvino. Written in a few weeks time in 1946 at the age of 23, the novel was published in 1947 and was well received much to the surprise of Calvino himself. A reception that made him critically analyse his novel and this time, he rhetorically reacted: 'How on earth could I have written such things?' It’s not his best novel but it was definitely his first, a product of neo-realism of that time and Calvino’s naïve youthful phase, a novel which later became difficult for him to acknowlwdged as his own. He nearly abandoned it until 1954 when he revised few of its exaggerated elements revolving around anti-feminism, Political extremism and sexual vulgarity, but it was in 1964, much before writing his celebrated works for which he later became famous for, that he accompanied this book with a 23-page preface with its share of Calvinian elements, which remains his most substantial and revealing self-commentary, as well as an indispensable, objective analysis of Italian neo-realism. The Path to the Spiders’ Nests, is a story of an orphaned street urchin named, Pin, who lives with his prostitute sister, in a town on the Ligurian coast, Italy during World War II. Pin is a troubled little kid, who knows a lot about people and other things for his own good. He likes to be around grown- ups because they know and do things he wants to do and longs for their respect and at the same time wants to be the part of the group of kids his own age, but can’t really relate to them. As the story moves, to prove a certain point to amateur Partisans whom he regularly used to encounter in a tavern, he gets into trouble due to stealing a pistol from a German, who used to sleep with his sister. But soon got captivated by the deadly weapon in his little hands and hid it in spiders’ nests, a place only he knew whereabouts of. Written as part of Italo’s experience as a partisan in The Resistance, the freedom that post-war presented to the Italian literary world, inspired Calvino too but he had his share of inhibitions. I was a mass of complexes and inhibitions when confronted with all that I most dearly wanted to say. ..the world of literature did not open up for me like a straightforward and objective apprenticeship, but was more like a journey which I did not know how to start. Full of these youthful ambitions and anxieties, I lacked the spontaneous grace of youth…the symbolic protagonist of my novel was therefore an image of regression: a child.As the story moves further, Pin found himself caught by Germans and thrown into jail from where he escaped with the help of another Partisan and eventually landed up in one of the various detachments. A detachment consisting of men from various backgrounds and fighting for something they only have a vague idea about. This confusion is expressed from the vantage point of a child, who himself is confused as to how to define the bravado or heroism and idealism in the face of war. In his preface, Calvino admitted that Pin was to some extent an auto-biographical image of his own experience as a Partisan during Italian Resistance Movement. I later realized- The identification between myself and the protagonist had developed into something more complex. The relationship between the character of the boy Pin and the partisan war correspond symbolically with the relationship that I myself eventually had with that war.If I talk about the story alone, then it’s a 3 star for me in spite of accumulating all my prejudices together for Calvino. Notwithstanding my ignorance about the Italian History during WWII, there were many things that intrigued me which depicted a general viewpoint about human nature and its various facets during war time. A particular passage that caught my attention was Pin’s naïve fixation with killing.He too feels that sharp rasping urge to kill, even to kill the militiaman hiding in the chicken-coop….the urge is remote, vague, like the urge to love; it has an exciting and unpleasant taste like cigarettes or wine,an urge which all men have, he can’t understand why, and which if satisfied would probably be pleasurable in some secret, mysterious way.Pin is not lovable in any way. He is filthy, obscene and very stupid. He uses derogatory language, looks down upon good people and takes pleasure in pain of others but he’s just a child, a child born at a wrong place in the wrong time among wrong people. But he is someone who could have given an honest account of how despicable people can get during wartime. And Calvino cleared:Well, I’m going to write you a story about partisans in which nobody is a hero, nobody has any class-consciousness. I’m going to portray the world of marginal people, the lumpenproletariat.So Pin was meant to be like that. But despite all this I can’t overlook Calvino’s writing which was in its developing stage at that time. It’s a short book, not at all difficult and can be finished in a matter of hours. But it’s not a forgettable work. There are various interesting instances that shall stay with you after finishing it off. This book is not a example of great writing but it’s exciting. And Calvino graciously admitted it also. it is the book of a very young man.Almost every work of art has various regrets and choices made accompanying it. A completed book will never compensate me for what I destroyed in writing it.But every artist also experiences a coming-of-age phase which confirms his talent not only to the world but to the artist himself too. This is the first novel I wrote, almost my very first piece of writing. What can I say about it today? I will say this: It would be better never to have written your first novel.Mr. Calvino, I’m more than glad that you wrote your first, second and various other novels thereafter and kindly excuse if I’ve taken immense pleasure from your bitter experience related to this book. To my fellow Goodreaders, if not for anything else, get this book for that gem of a preface. It’s a 10 star for me and my apologies for quoting various extracts from it. I just felt they needed to be shared. My rating is based on the overall experience this book provided me of reading something written by a young, rebellious writerand also by a mature, wise and extremely talented one.

  • Fabian
    2019-03-04 13:48

    "You're only a child interested in spiders' nests, what can you do with a pistol?" (78)This little rascal, this wee imp, will make you laugh and cry. A true pariah, Pin mostly hangs out with adults and is treated like one. So when a German's gun goes missing, who goes to jail?I cannot help but compare this to American Huck Finn. The Everyboy is a figure that we both love and hate, it's emblematic though, yes, immature. Here, because there is a war going on, our wee one has to get his hands pretty dirty (which is vastly different than a trip down the lazy river....) and so his place & time are decidedly marked and the novel is truly a big beautiful metaphor for Italy at war.Also, this may be the best novel EVER written by a 23 (23!!) year-old!

  • Stela
    2019-03-24 15:00

    Ragni e luccioleCom’era generosa e affascinante quell'epoca frenetica della “littérature engagée” che investiva l’autore non solo con l’autorità di diventare la portavoce della Storia ma anche con la capacità di influenzare le masse! Com’era seducente e quanti scrittori l’hanno corteggiata, tra cui Llosa, Calvino e tanti altri. Anche se dal loro giovane entusiasmo non sono nate capodopere, ci hanno regalato comunque qualche opera rimarcabile, lontana dall’ideologismo assurdo che prolifererà sotto il nome di realismo socialista nei paesi communisti dopo la Seconda Guerra.Certo, Il sentiero dei nidi di ragno non è espressionista nel senso sartriano della parola, ma neanche troppo neo-realista lo è, e lontano del senso peggiorativo del termine. Nella prefazione, l’autore lo chiama, più adeguatamente, neo-espressionista, ma gli aggiunge una dimensione magica quando sceglie la perspettiva di un bambino, Pin, quello che dà alla narrazione quel “tono fiabesco” rimarcato da Cesare Pavese, spiegando nello stesso tempo l’inclusione dell’Isola del tesoro, di Stevenson, tra i modelli letterari che hanno influenzato il romanzo, accanto a Per chi suona la campagna, di Hemingway, L’armata a cavallo, di Babel e La disfatta, di Fadeev, libri che ad un primo sguardo sembrano più appropriati, siccome evocano sia la Guerra di Spagna sia la Guerra civile di Russia.Detto questo, ammetto che ho trovato difficile (e frustrante!) aggiungere altro all’autoanalisi estensiva e pertinente del romanzo che Calvino fa nella prefazione, soprattutto visto che, di solito, mi fa un enorme piacere provare che l’interpretazione che dà del solito l’autore alla sua opera è incompleta e a volte anche di sbieco. Beh, non è il caso qui – tutto è coperto, dalla motivazione (scrivere un libro sulla Resistenza come non è mai stato scritto), fin alla spiegazione della sua scelta dei personaggi e della trama (da una parte rispondere a quelli che credevo che la Resistenza abbia fatto crescere la delinquenza e mostrare che anche i peggiori partigiani si sono gettato nella lotta con sincerità, d’altra parte polemizzare con la “cultura di sinistra”, il suo eroe positivo e le sue immagini normative, pedagogiche e di condotta sociale).Dunque, che si può dire di più? Forse che la scelta di Pin come narratore indiretto ha una seconda motivazione oltre all’identificazione con l’autore, che confessa di essersi sentito alieno e troppo intellettuale tra i partigiani, il mondo di cui gli pareva tanto incomprensibile quanto il mondo dei grandi a Pin. E questa seconda motivazione, sostenuta dal leitmotiv della nebbia che più di una volta avvolge paesaggi e personaggi, suggerisce che le azioni dell’uomo catturato nel vortice della Storia non hanno mai una spiegazione chiara in quel momento critico – che solo dopo il suo sacrificio guadagna valore, benché non necessariamente un valore politico o sociale (che è piuttosto una giustificazione per guerre e violenze future), ma almeno un valore letterario come in quell’immagine finale della Casa in collina in cui si riconosce solo ai morti il diritto di parlare, giudicare per mettere fine alla violenza. E così, le due visioni apparentemente opposte sulla guerra di Calvino e Pavese, l’una attiva e l’altra passiva, portano alla stessa conclusione: che non esiste altra evasione dalla crudeltà della contingenza e dall’assurdità della Storia che la trasposizione in “illo tempore”, dove le azioni e gli uomini ottengono valore esemplare, dove nascono e si muoiono gli eroi, dove si può mantenere un’illusione di grandezza, dove le lucciole, come le colonne di Partenone, si contemplano sempre da lontano per non spogliare il loro ineffabile splendore: - C'è pieno di lucciole, - dice il Cugino.- A vederle da vicino, le lucciole, - dice Pin, - sono bestie schifose anche loro, rossicce.- Sì, - dice il Cugino, - ma viste cosi sono belle. E continuano a camminare, l'omone e il bambino, nella notte, in mezzo alle lucciole, tenendosi per mano.

  • Bettie☯
    2019-03-20 10:10

    (view spoiler)[Bettie's Books (hide spoiler)]

  • Marica
    2019-03-25 06:58

    Pin il bambinaccioÈ il primo romanzo di Calvino, scritto nel 1946. Nel comprensibile tentativo di filtrare la propria personale esperienza di guerra partigiana, Calvino sceglie un protagonista del tutto diverso, bambino e sottoproletario. È un garzone di ciabattino con sorella prostituta, che conosce il modo di vivere degli adulti ma ancora gliene sfugge il senso. Cerca la compagnia degli adulti, li trova in osteria dove tracanna vino e fuma sigarette e soprattutto cerca di attrarre l’attenzione su di sè, cantando, facendo scherzi salaci e raccontando i fatti privati di tutti. Fra le tante cose che Pin non capisce c’è naturalmente la guerra e che differenza c’è fra partigiani e brigate nere. In questo libro non riconosco il Calvino delle opere successive nel realismo col quale racconta le avventure di Pin, bambino abbandonato, malizioso e sempre in procinto di fare una bravata di troppo, mentre c’è già il tono fiabesco delle opere successive nei pensieri di Pin quando è solo e fantastica di quello che gli piacerebbe avere, soprattutto un grande amico al quale dire tutto e potersi fidare completamente. Una delle cose più belle del libro è guardare le colline liguri con gli occhi di Calvino, i paesaggi sono raccontati con la passione di chi li ha guardati, percorsi e interiorizzati. Sono colline terrazzate con olivi e muretti, prati, coltivazioni di garofani e, in fondo o vicino, l’urlo blu del mare. Altra cosa interessante e molto divertente, è il campionario umano che si trova nella brigata nella quale va a finire Pin. Premesso che era stata messa su con l’intenzione di separare gli elementi peggiori dagli altri, è in effetti un gruppo eterogeneo e scalcagnato di personaggi in buona parte privi di coscienza politica e di classe: cuoco di marina pieno di tatuaggi con moglie sgualdrina; 4 cognati calabresi uno dei quali con largo cappello contadino, ma mi piace immaginarmelo da brigante; il Cugino, largo volto da mascherone di fontana, per il quale la colpa di tutto è sempre delle donne; Il Dritto, capo della brigata, che sembra minato dal desiderio di essere riassorbito dalla terra. Le speranze della Resistenza non sono affidate al piccolo protagonista ma a due funzionari venuti per incontrare il capo Dritto. Loro rappresentano la coscienza partigiana di Calvino. Questa parte suona un po’ estranea rispetto al racconto e doveva essere meglio collocata, secondo me. Il libro è una lettura interessante e per niente banale. Alla fine, viene da chiedersi che vita avrà fatto Pin, se ha avuto la possibilità di una vita onesta, migliore di come era cominciata. L’edizione che ho letto ha una bella prefazione di Calvino scritta negli anni 60, da leggere rigorosamente DOPO il libro, in cui per esempio racconta come per anni aveva provato rimorso nell’avere usato i compagni partigiani come personaggi del libro, non come tali ma deformandoli e rimodellandoli secondo le sue necessità.

  • Guido
    2019-02-27 13:55

    Non so nulla della Resistenza. Be', qualcosina la so: ho ascoltato e letto qualche racconto. Ma leggere delle avventure di Pin è stato più utile e vantaggioso: il punto di vista di un bambino come lui - povero, dispettoso, indipendente - è un terreno più fertile di qualsiasi tentativo di narrazione dall'interno. Non possiamo pretendere che Pin ci conduca nei luoghi dell'azione militare, delle notizie storiche, delle battaglie ideologiche: siamo costretti a seguirlo nell'osteria del paese dove canta e scherza con gli adulti; per le strade dove gli altri bambini, obbedienti ai richiami delle loro madri, lo evitano; nei luoghi dei suoi giochi solitari, nel fango dove fanno il nido i ragni; e, più tardi, tra i partigiani che lo adottano. Così vediamo la Resistenza di sbieco, non la guardiamo mai in faccia, e non possiamo concederci il lusso di un giudizio unico e condivisibile: ciò che riusciamo a intravedere ha diverse forme, non sempre positive, e spesso opposte. Non tutti i partigiani hanno ben chiare le loro intenzioni, pochi di loro concordano sui motivi e sugli obiettivi della rivolta; si lasciano spesso andare a sentimenti d'invidia e rivalità, tra loro e nei confronti delle altre divisioni.Non vediamo Pin crescere o maturare, il racconto dà piuttosto l'impressione inversa, e questo mi è piaciuto molto: sembra quasi adulto tra i fascisti del suo paese, ma confrontandosi con i partigiani ridiviene bambino. Non può capire quanto questo sia importante, e ne prova rabbia; ma riconosce facilmente la bontà o la slealtà di chi lo prende per mano e di chi gli chiede di cantare. Gli adulti, dal suo punto di vista, sono precipitati a un livello morale che non merita attenzione né fiducia. La loro vita è fatta di tradimenti e inganni, e per questo motivo non può permettersi di considerarli amici: spesso li canzona e li insulta, e li ferisce: il tocco di Pin è sincero, e allontana gli altri. È facile e gratuito rimarcare l'indipendenza dei suoi giochi e dei suoi vagabondaggi, ma questa qualità, che suscita tanta ammirazione in chi lo osserva, per lui non è che solitudine. Per sua fortuna non mancano adulti portati a soffrire della stessa malinconia, ma queste persone sono davvero rare: per un po' può evitare di darsene pensiero, ma poi capita sempre qualcosa, per quel suo modo di toccare gli altri e urtarli, che lo costringe a fuggire e perdersi nei luoghi di casa.Pin desidera una compagnia che non sembra possibile nel mondo degli adulti, dove la guerra, per quanto lui può ricordare, c'è sempre stata; dove si stringono alleanze per poterle tradire, si scambiano complimenti e offese senza intenzione. Quando può trovare un'amicizia ai margini di questo mondo dimentica i suoi dispetti e i suoi insulti, diventa un bambino affettuoso e riconoscente: allora non esistono più la guerra, la dittatura, la rivoluzione, i tradimenti; esistono soltanto cose troppo belle o troppo brutte per essere viste da vicino e raccontate con verità. Il suo sguardo obliquo sulla Resistenza diventa il nostro, e ci lascia intuire l'esperienza di chi l'ha vissuta in prima persona, e ha visto e ricorda con chiarezza ciò che un bambino non dovrebbe mai vedere: così, grazie a Pin, Calvino può descrivere quelle tristi circostanze senza mai permetterci di osservarne i dettagli, offrendoci una percezione indistinta della loro presenza e della loro importanza, come l'impressione di un ricordo.

  • Ronald Morton
    2019-02-26 12:09

    Something irreparable has happened to Pin now — as irreparable as when he [redacted due to spoilers]. Never again will he be able to return to the detachment, never will he be able to go into action with them now. It is sad to be like him, a child in a world of grown-ups, always treated as an amusement or a nuisance; and never to be able to use those exciting and mysterious things, weapons and women, never to be able to take part in their games. But one day Pin will be grown-up too, and be able to behave really badly to everyone, revenge himself on those who have behaved badly to him; how Pin would like to be grown-up now, or rather not grown-up, but as he is yet admired and feared, a child and yet a leader of grown-ups on some marvellous enterprise. The Path to the Nest of Spiders was Italo Calvino’s first novel, and it shows. Not in a lack of quality – even here Calvino is one hell of a writer – but in that the novel lacks the experimentation, or the singularity of purpose as displayed in his later works. As Calvino points out in his prologue, “resistance” novels were all the rage at the time, and so he found himself writing a resistance novel. Up until that point his short stories had all featured himself as the protagonist, and he originally started the novel in the same way. He found that it wasn’t working, and it was only when he revised the novel with the child Pin as the focus did it really work (he also admits that he started out writing something shorter that turned into a novel).The inclusion of Pin, and the prominence of his aloof independence, his eagerness to find a friend, or just to fit in, the alienation his youth brings, and the guarded innocence with which he approaches his interactions with the world bring a distinctly poignant perspective to the novel. Pin moves through the resistance groups, but is never truly a part of them, but the interactions occurring around him highlight the disconnect between the other resistance fighters, and their longing for acceptance and inclusion that matches Pin’s own.So, the writing is good, the general perspective is good, but there really isn’t anything here that really points the way to the writer that Calvino would become. So it’s interesting when Calvino says (in the prologue): This was my first novel, almost my first piece of writing. What can I say about it today? I will say this: it would always be better not to have written one’s first book.As long as your first book remains unwritten, you possess that freedom which you can use only once in a lifetime. Your first book already defines you, while you are really far from being defined. And this definition is something you may then carry with you for the rest of your life, trying to confirm it or extend or correct or deny it; but you can never eliminate it. Because of course it’s true that one can never eliminate their first book, but Calvino never really allowed any one book to define him or his writing, and always seemed to bring “that freedom” with him into each new book he wrote. This is an interesting beginning, but it’s only a beginning; where Calvino went from here is where things really get interesting.(really this more like 3.5 stars, and I really leaned towards flat 3, but eventually just rounded up because it's Calvino. I really hate rating books sometimes)

  • Mustafa Şahin
    2019-03-07 12:16

    Yaşıtlarınca dışlanan ve yalnızlığına çözüm olarak büyüklerle arkadaşlık edinmeyi deneyen Pin'in gözünden savaş psikolojisine dair bir metin. İç savaş, çeteler, yerel mücadele, örgütlenmeler, esir düşülen zamanlar bir çocuğun düşünceleriyle aktarılmış.Calvino'nun ilk romanı olmasının yanında kendi hayatından izler taşıması açısından da önemli bir eser Örümceklerin Yuvalandığı Patika.

  • Patryx
    2019-03-05 07:55

    Calvino, attraverso gli occhi di un bambino, racconta i partigiani e la resistenza. Il suo racconto è lontano dall'agiografia della resistenza restituendo agli uomini che combattevano i tedeschi tutta la loro umanità, fatta di difetti e, in alcuni casi, di assenza di ideologia (ma non per questo di valori). Nonostante la scarsa opinione che lo stesso Calvino ha di questo suo romanzo, secondo me vale la pensa leggerlo per capire il clima politico e culturale dei primi anni del dopo guerra.

  • AC
    2019-03-10 12:55

    Garima's "It’s not his best novel but it was definitely his first..." sums it up pretty well. Maybe it sounds better in Italian. But as is, meh.

  • Mattia Ravasi
    2019-03-19 13:56

    Featured in my Top 5 Italo Calvino Books: https://www.youtube.com/watch?v=wHHJq...Although not quite as elegant as Calvino's later efforts, The Path remains a heartbreaking work about one of Italy's most painful historical moments, and a novel where misery (although abundant) never manages to dispel hope.

  • Auntie Pam
    2019-03-22 12:02

    Con Calvino è difficile sbagliare e leggere un libro mediocre. L'autore ha il dono del racconto onirico e anche questo suo primo romanzo, molto diverso da quelli che ne seguiranno, ha la forza e la bellezza come di un sogno. Pin è un bambino nel mondo degli adulti, la guerra viene raccontata dal suo punto di vista e proprio per questo il romanzo acquista veridicità e potenza. Una lettura bella e intensa.

  • Vale
    2019-03-24 14:11

    "Il sentiero dei nidi di ragno" è uno dei primi libri scritti da Italo Calvino. L'autore decise di pubblicare il proprio romanzo dopo aver curato per Einaudi "Una questione privata" di Fenoglio. Perché? Innanzitutto Calvino si rese conto che l'Italia aveva bisogno di narrazioni del dolore per ricollegare frammenti di storie tra gli italiani. La guerra aveva diviso, aveva suscitato odio, ma come un pianto spezzato, questo dolore era muto perché si voleva dimenticare, si voleva rimuovere. La narrazione serviva a questo: a far riemergere un "rimosso" che come un tumore divorava cellule sane di un Paese in ricostruzione. C'è, però, un'altra ragione. Il libro di Fenoglio narrava di un'esperienza privata nell'ambito della guerra e così il romanzo di Calvino: piccoli uomini che non compariranno nei libri di storia, che mentre combattono cercano anche di vivere, che non vivono la guerra come uno iato-temporale, ma che amano ed esistono. Il brano che segue è il fulcro di questa tematica: la vita e la storia. Kim, un giovane partigiano, riflette sulla Storia. La fanno solo i prìncipi e i dittatori?«Io invece cammino per un bosco di larici e ogni mio passo è storia; io penso: ti amo, Adriana, e questo è storia, ha grandi conseguenze, io agirò domani in battaglia come un uomo che ha pensato stanotte: «ti amo, Adriana». Forse non farò cose importanti, ma la storia è fatta di piccoli gesti anonimi, forse domani morirò, magari prima di quel tedesco, ma tutte le cose che farò prima di morire e la mia morte stessa saranno pezzetti di storia, e tutti i pensieri che sto facendo adesso influiscono sulla mia storia di domani, sulla storia di domani del genere umano».

  • Tyler Jones
    2019-03-13 09:15

    For the last year or so I have been dipping now and again into the big collection of Calvino's letters that was published in English a couple years back. Today I read something that shocked me at first, but then made total sense when I thought about it - in a 1964 letter (March 20, to Franco Lucentini) Calvino writes: I continue to maintain that I have never loved any writer as much as Hemingway, even though his character can be vulgarized. This seems astonishing on the surface of it. It is hard to think of two writers as dissimilar in style as the fanciful impossiblist Calvino and the macho realist Hemingway. But I suppose one can never escape one's roots and the influence of Hemingway clearly shows in Calvino's first novel, written in his early twenties.Set in Italy during the Second World War, the plot follows a young boy (typical mischievous, impudent little bastard) who ends up with a band of Partisans fighting against the fascists. The book is both a war novel and a coming-of age novel. There is innocence and humour and also great senselessness and brutality. It is raw and yet, somehow, wonderfully naive. It has been years since I read this, but I still can feel the raw emotion of the book. It is very Hemingwayesque to be sure, but there are glimmers of Calvino's positive nature shining through as well. Highly recommended.

  • Roberto
    2019-03-07 07:57

    Il passato è vivoIl passato perché era un vecchio libro comprato a 20.000 lire e mai letto, il passato perché i grandi italiani del dopoguerra li avevo abbandonati alla loro noia e alla loro tristezza, il passato perché condizioni, valori, azioni e coraggio descritti li abbiamo dimenticati. Nonostante i sacrifici di chi ha provato a lasciarci un mondo migliore che dovevamo solo gestire, non dissipare.Ma un passato che ho riscoperto vivo e potente perché di quella gente, della sua confusione, determinazione e speranza ci sarebbe bisogno ora come dell'aria per respirare. Perché ho ritrovato con piacere il mio Calvino leggero ma sempre profondo nell'individuare e rispettare la natura delle cose. Perché alle origini anche gli scrittori italiani del dopoguerra parlavano di vita e di morte vera, non di (puntini) mentali guardando un muro. E vivevano le loro storie e facevano vivere per sempre i racconti di vita vissuta straordinaria della loro gente.Sono stato contento di questa atmosfera fresca, di questo ritrovare un vecchio amico. Solo mi dispiace che i nostri tempi e noi stessi che li abbiamo costruiti non siano all'altezza di tanto genuina forza e verità. Oggi, dall'alto delle nostre comodità e supponenze, siamo solo dei dilettanti della vita.

  • Carlo
    2019-03-05 15:11

    Mentre leggevo le prime pagine, pensavo di parlare di romanzo di formazione, ma non è così. Il protagonista è il preadolescente Pin, ragazzo di strada aggressivo e sbruffone per mancanza d’affetto: la sua incapacità di comunicare con il mondo degli adulti, infidi e pericolosi, non muta, anzi la diffidenza cresce via via che aumentano le delusioni. Questo vale sia per le pagine, quasi picaresche, ambientate nel carruggio, sia per quelle che descrivono la vita di uno scalcinato distaccamento partigiano: la conclusione di Pin è sempre che dei grandi non c’è da fidarsi, neppure se sono poco più che ragazzi. Calvino scrive questa storia con la foga dei vent’anni, utilizzando una lingua veloce, spigolosa e il meno letteraria possibile: il desiderio, encomiabile, di aderire al parlato popolare fa sì che alcune parti risultino un po’ datate perché nulla invecchia presto come uno slang. Delle due parti, la più interessante è quella partigiana: l’autore era appena sceso dai monti quando componeva il romanzo e probabilmente ricicla sue esperienze e sensazioni dei mesi di guerra. Di certo, il reparto del Dritto ha funzione antiretorica ma, anche se a volte la scelta tra il fazzoletto rosso e la brigata nera è quasi casuale, l’autore fa chiaramente intendere che comunque una differenza c’era tra lo stare da una parte o dall’altra. Tutti i personaggi del libro hanno più difetti che pregi, e Pin li osserva sempre più disincantato con il desiderio di ritirarsi nel suo piccolo luogo sicuro: alla sua età può ancora sognare una vita senza compromessi.

  • Cheol's Star
    2019-02-23 10:00

    2.5/3 stelle.Non sono ancora sicura, nonostante abbia letto questo libro ormai un annetto fa, della valutazione da dargli. Parto con il dire che ho apprezzato il personaggio del protagonista perchè descrive, con gli occhi di un ragazzino, la cruda verità, senza evitare di usare parole troppe pesanti. Mi ha, in un certo senso, commossa, la voglia di amicizia che ha questo giovane protagonista e come il ragazzino provasse a farsi amici gli uomini del paese, nonostante venisse preso in giro da tutti quanti.Non sono riuscita a portare a termine questo libro, però, perchè era abbastanza crudo e sono una persona facilmente suggestionabile, quindi decisi di smettere di leggerlo.

  • Raúl
    2019-03-21 13:50

    Calvino, criado en el seno de una pacífica familia burguesa, culta y autodenominada 'librepensadora', había desertado del ejército y se había echado al monte junto con su hermano para unirse a las Brigadas Garibaldi, y lo había hecho considerándolo la única respuesta posible en una Italia fascista sumergida en la guerra. Así, un joven que siempre había repudiado la violencia pasó por el trance de tener que usar un arma. Los partisanos que conoció estaban comprometidos con la política, como él, pero descubrió también a otros muchos que no lo estaban, o lo estaban menos, o luchaban por otras razones; algunos, incluso, se parecían demasiado a los Camisas Negras fascistas, y la única diferencia era que combatían en bandos contrarios. Esa era la realidad, cruda y compleja, que desbordaba el ideal. Cuando acabó la guerra, muchas voces se dedicaron a criticar a los partisanos, a desprestigiar su lucha. Frente a esto hacía falta una defensa comprometida. Sin embargo, Italo Calvino eligió alejarse de la retórica y, a diferencia de otros, alejarse también de los héroes y los modelos positivos que se impulsaban entonces.Así que, tras muchos titubeos, Calvino decidió que su historia debía ser la de un niño huérfano, hermano de una prostituta, un desheredado entre los desheredados. Todos los personajes de su novela pertenecen a los márgenes, siendo ejemplos de lo que el movimiento comunista consideraba 'proletariado sin conciencia de clase', poco positivos y nada apropiados para una historia de partisanos. Sin embargo, nuestro escritor consideraba necesario hacer de estos los verdaderos protagonistas de la historia, y los personajes que creó, incluido Pin, fueron reflejos de personas reales que había conocido. La forma en que los esculpió, deformes y grotescos como caricaturas, le pesó mucho, hasta el punto de que el arrepentimiento le persiguió durante algún tiempo. Además, centrar la novela en la visión de un niño era para él lo más apropiado, pues decía verse a sí mismo inmaduro ante la guerra. ¿Pero quién no lo sería, llegado el momento? 'El protagonista simbólico de mi libro fue pues una imagen de regresión'.Acompañaremos al pequeño Pin a través de tabernas de marinos borrachos, prostitutas, adolescentes irascibles con un arma en la mano, hombres maduros que se comportan como idiotas, envidias, celos y violencia. El misterioso mundo de los grandes, esa 'raza ambigua y traidora' que no tiene en los juegos 'esa seriedad terrible de los chicos'. La ideología política y la crítica a la injusticia social no están ausentes en ningún momento, y no es casualidad que los personajes del lumpen que irán apareciendo sean tanto más absurdos o infelices en la medida en que no disponen de trabajo o son manejados por el fascismo. El acierto es que en muchas ocasiones nosotros somos los que nos imaginamos lo que está ocurriendo, pues la narración en tercera persona, de estilo y lenguaje sencillos, pasa por Pin y la forma en la que afronta cada nuevo descubrimiento e interpreta lo que ve. El supuesto 'objetivismo' se transforma en una suerte de expresionismo que moldea la realidad. Además del guiño a 'La isla del tesoro' en cuanto a la relación de admiración y aprendizaje entre niño y adulto en los personajes de Pin y el Primo, como niño de la guerra sin infancia, criado en un ambiente violento, falto de cariño y necesitado de algún lugar mágico en el que poder jugar e imaginar, Pin me ha recordado al protagonista de 'La infancia de Iván' (1962). Pero las dos obras - la película de Andrei Tarkovsky y la novela de Italo Calvino - están alejadas en cuanto a su sentido: mientras que Tarkovsky se centraría en mostrarnos la infancia deformada y lo terrible de la guerra, dejando de lado las ideas y banderas de los bandos contendientes, Calvino encerró en su historia un necesario despertar de la conciencia política, tomando claro partido en la propia contienda. Personalmente considero que ambos autores se situaron en la postura más adecuada a sus respectivos contextos.Como aspectos negativos, decir que la novela no siempre mantiene el mismo ritmo ni me ha transmitido el mismo interés, habiendo pasajes dialogados verdaderamente geniales y momentos llenos de lírica - el final es de esos que consiguen emocionar con sutileza, de quitarse el sombrero -; pero también otros en los que Calvino cae en la retórica ideológica que pretendía evitar, por ejemplo en diálogos concernientes al trabajo como la esencia del hombre o incluso un capítulo en el que la narración abandona a Pin y nos las vemos con reflexiones en las que parece hablar el propio Calvino, en boca del comisario político Kim, y sirven para sobre-explicar la propia novela. En cualquier caso, creo que hay que ser comprensivos ante estas licencias y entenderlas dentro de la preocupación del autor de que su obra fuese interpretada correctamente. No olvidemos que hay aquí un claro compromiso político y una respuesta (una más, entre las muchas que hubo de parte de escritores e intelectuales) a las voces que surgieron en el momento concreto en que fue publicada esta obra.

  • Scott
    2019-02-28 13:08

    4.5 STARS

  • Tonino Mangano
    2019-03-04 12:58

    Da molto tempo provavo il desiderio di leggere questa che è la prima opera di Calvino. Prima de Il sentiero dei nidi di ragno, ho molto apprezzato questo autore per il ciclo de I nostri antenati e Se una notte d’inverno un viaggiatore (che fra tutte le opere finora lette, è quella che mi ha particolarmente colpito).Avvicinarsi a Il sentiero dei nidi di ragno dopo aver letto alcune delle opere più mature, fa un certo effetto, così come fa un certo effetto quando non si leggono libri di autori nell’ordine cronologico di produzione. In questo libro ho notato un Calvino molto diverso, un neorealista a tutti gli effetti, pronto a sottolineare in modo “oggettivo” quanti più aspetti possibili della sua esperienza tra i partigiani della Resistenza italiana sulle Prealpi liguri. Eppure, in mezzo alla sua oggettività – e a tratti crudezza stilistica -, ho avvertito la presenza del Calvino delle opere successive.Per tutto il libro, salvo per il capitolo nove in particolare (in cui spiega e cerca di ordinare le sue idee sul significato assunto per i più dall’esperienza della partecipazione alla Resistenza), Calvino ha fatto solo intendere ciò che pensava della Resistenza, cercando di trasmettere a ogni lettore i giudizi più differenti su quelle che erano le vite dei combattenti estratti dai contesti sociali più disparati (operai, militanti comunisti, contadini, disoccupati, ex fascisti ecc.). Se per un verso si potrebbe provare una certa pietà per la situazione difficile in cui i partigiani si sono ritrovati ingabbiati, da un altro, qualcuno potrebbe odiare determinati personaggi che, nel loro eroismo da partigiani, hanno ostentato dei comportamenti non proprio adatti a rispettabili commilitoni. Ma nonostante tutto, è proprio in questi personaggi nella cui etica traspaiono elementi chiaroscurali che si avverte tutta la vita e la forza prorompente degli animi infuocati e forgiati dalla lotta che imperversava per sentieri montani in quei difficili anni del Secondo Conflitto Mondiale.Spero che la mia recensione non stia facendo pensare a un noiosissimo romanzo solo pieno di nozioni storiche e nessuna trama, perché in effetti, Calvino tratta della lotta partigiana in modo molto più semplice, analizzando il tutto tramite gli occhi di un bambino discolo e senza freno alcuno che vive le disavventure tipiche di un sovversivo antifascista: sperimenta la prigione; la presenza di truppe tedesche sul suolo della Repubblica di Salò; ha contezza dei bombardamenti tedeschi sui villaggi ritenuti sede di movimenti partigiani; vive in prima persona la vita montana delle squadre di Resistenza; le separazioni tra italiani che per paura si legano al regime fascista e italiani che invece scelgono l’esodo in zone poco ospitali. E poi, Pin, giovane protagonista picaresco di questo romanzo, sperimenta la battaglia e la fuga dal campo di battaglia dove truppe tedesche affrontano la Resistenza.Leggendo questo romanzo si ha contezza della sua natura di “primo romanzo” dell’autore, che manca dell’originalità dei lavori successivi, dato che in questo si limita a usare una tecnica del tutto neorealista, con un taglio narrativo decisamente schietto ed essenziale, che cerca solo di consegnare al lettore un’istantanea quanto mai veritiera della realtà (aggiungendo volentieri anche cadenze dialettali di alcuni dei partigiani).Il sentiero dei nidi di ragno è un romanzo molto piacevole, e forse le mie quattro stelle sono state il frutto di una certa influenza degli altri romanzi di Calvino che ho letto e la cui quasi netta differenza con questo, vi hanno gettato un’ombra di “delusione” rispetto a chissà quali aspettative mi ero prefigurato.Allo stesso tempo, però, a farmi apprezzare al meglio questo romanzo è intervenuta la prefazione dell’autore (letta a seguito del romanzo e per quanto – almeno penso – non bisognerebbe tenerla in considerazione in quanto esterna alla narrazione vera e propria) con cui Calvino ha cercato di ricostruire le correnti letterarie nate in quegli anni, sottolineando le necessità letterarie provate dagli autori, comprese le sue, e “giustificando” le sue scelte narrative, tanto da svelarne un senso più profondo che arricchisce di gran lunga la cronaca “oggettiva” e a tratti un po’ vuota di pathos del romanzo.

  • Glo Aleotti
    2019-03-13 09:09

    I had to read it for school. It isn't a good book, of those I would choose to read. But it isn't that bad either.

  • Damy
    2019-03-24 10:54

    Örümceklerin Yuvarlandığı Patika bitti! Bana nedense başından sonuna kadar Alper Kamu/Cehennem Çiçeği kitabını hatırlattı. Bunun en büyük sebeplerinden bir tanesi ise her iki kitabında kahramanlarının çocuk olması ve de bir yetişkin gibi davranması. Cehennem Çiçeği'nde ki Alper nasılsa Örümceklerin Yuvarlandığı Patika'da ki Pin öyle. Pin'de Alper gibi bir yetişkin gibi hareket edip onların arasında yaşamayı seviyor. Tek farkları birisi Türkiye'de yaşarken birisi 2. Dünya savaşı yıllarındaki İtalyasında yaşıyor. Ortamlar ve şartların farklı olması her ikisininde gözlerini karartıp çılgınlıklar yapmasına engel değil. İşte bunlar kitabı daha da eğlenceli hale getirenler şeyler. Ben hayatımda ilk defa Italo Calvino okudum ve sanırım okumayada devam edeceğim. Kalemi farklı olsa da kendi dünyasına çeken bir gizem olduğunu düşünüyorum bu yazarda. Ayrıca kitapta bulunan çizimlerede bayıldım!

  • Mateo R.
    2019-03-02 09:58

    Intertextualidad:Menciones directas:* Superpolicíaco (¿Libro real? ¿Superpolizia?).* El conde de Montecristo (1844) de Alexandre Dumas.* El libro de la jungla (1894) de Rudyard Kipling (alusión).Indirecta:* Según el autor (en el prólogo) este libro está influido por: Conversación en Sicilia (1941) de Elio Vittorini, De tu tierra o Allá en tu aldea (1941) de Cesare Pavese, Hombres o no (1945) de Elio Vittorini, Por quién doblan las campanas (1940) de Ernest Hemingway, Caballería roja (1924) de Isaak Bábel; La derrota (1926) de Aleksandr Fadéyev; La isla del tesoro (1883) de Robert Louis Stevenson y Las confesiones de un italiano (1867) de Ippolito Nievo.

  • ferrigno
    2019-03-09 08:59

    Punto di vista obliquo sulla resistenzaUn punto di vista obliquo sulla resistenza: il protagonista è un bambino, per di più finito nella scalcitata compagnia del "Dritto": irregolari, sbandati, indisciplinati.Ho ammirato la capacità dell'autore di focalizzare l'attenzione del lettore attorno a dei "vuoti narrativi". Alla fine della lettura è proprio attorno a questioni poco raccontate che la mente continua a fantasticare. Cugino è un assassino? Il Dritto viene fucilato?Nell'introduzione Calvino dice di sentirsi in colpa per aver voluto a tutti i costi disegnare i partigiani come brutti, cattivi, cinici, nichilisti, stupidi, per il gusto di voler creare un opera in contrapposizione a certe agiografie.

  • Alex
    2019-03-03 09:13

    Calvino lite (to be expected, it was written when he was 23 to some, 24 to Harold Bloom). Imagine a bowl in which you mix Hemingway's dry narrative with Fellini's childish sense of wonder and playfulness (the latter becoming the key, defining elements of his later work). Ivan's childhood. A very fun concoction, however forgettable. With 'Invisible Cities' Calvino lands on Mars, while in 'Path to the spiders' nests' he has his lift-off. The latter book, As Faulkner would say, 'has the germ of my apocrypha in it'. A quick, fun read, well worth going through if not just to see how Calvino's style evolved over the years.

  • Federica
    2019-03-03 14:56

    Non è il primo romanzo di Calvino che leggo, ma questo mi ha preso tantissimo! Uno sguardo nella realtà della Resistenza italiana ma dal punto di vista di un bambino, costretto a crescere troppo in fretta. Si legge velocemente e lo stile di scrittura è il migliore che io conosca (Calvino è il top, lo amo amo amo amo). Ne vale proprio la pena!!

  • Isla McKetta
    2019-03-17 07:03

    Calvino's first novel. There's so much Pavese in here and yet what glimmers most are the nuggets of the writer Calvino will become - from the fantastical elements to the crystalline way he sees straight into the human condition.

  • Tretratti
    2019-03-22 11:55

    Delicato, nonostante tutto.

  • Martina Sabbioni
    2019-03-24 11:06

    "Forse un giorno si arriverà ad essere tutti sereni, e non capiremo più tante cose perché capiremo tutto."