Read Cupid and Psyche by Apuleius Edward John Kenney Online

cupid-and-psyche

The story of Cupid and Psyche is part of The Golden Ass or Metamorphoses, a Latin novel by Apuleius (second century A.D.). It is both a charming fairytale and an allegory of the search of the Soul for happiness and fulfillment. This edition, the first with a full commentary in English to appear for eighty years, comprises a Latin text with facing translation, making the edThe story of Cupid and Psyche is part of The Golden Ass or Metamorphoses, a Latin novel by Apuleius (second century A.D.). It is both a charming fairytale and an allegory of the search of the Soul for happiness and fulfillment. This edition, the first with a full commentary in English to appear for eighty years, comprises a Latin text with facing translation, making the edition more accessible to students of comparative literature. An introduction and a commentary provide help with interpretation and up-to-date guidance to scholarship in the field....

Title : Cupid and Psyche
Author :
Rating :
ISBN : 9780521278133
Format Type : Paperback
Number of Pages : 256 Pages
Status : Available For Download
Last checked : 21 Minutes ago!

Cupid and Psyche Reviews

  • Angigames
    2018-12-25 14:02

    3 stelle e mezzoL’errore più grande è stato quello di non comprare l’intero volume e accontentarmi di questo breve racconto… (ma si può sempre rimediare lo stesso!)La favola di Amore e Psiche è la favola d’amore per eccellenza. La bellezza di questa narrazione è dovuta all’ antichità dei miti e delle leggende, al fatto che si è consapevoli di stare leggendo qualcosa di antico.Il racconto in se è molto istruttivo, è il viaggio di una donna (molto fortunata, tra l’altro) che ha come unico obiettivo quello di riconquistare l’amore che lei stessa ha tradito e quindi perduto.Psiche è di un’ingenuità quasi commovente e di una curiosità irritante! In poche pagine ci viene mostrata tutta potenza, la perfidia e l’umanità dei famosi Dei che erano preda di passioni e ripicche, ricatti e tafferugli proprio come i semplici umani…Devo recuperare il volume intero assolutamente!

  • Yukino
    2019-01-04 17:52

    LETTURA DI GRUPPO E&LHo anticipato i tempi ma non ho resistito. Letto a velocità della luce. È un piccolo libro di 70 pagine. Praticamente l'ho divorato. Non sapevo cosa aspettarmi. È stata una sorpresa. Meraviglioso. È una favola così dolce e amara, così leggera e intensa che mi ha totalmente rapito. Bella davvero. Peccato che sia così corta. Per questo quattro stelle. Ma ne è valsa la pena. Da rileggere con calma e assaporare ogni parola. Amore e Psiche semplicemente dolcissimi ❤️️ il mio cuore è stato in pena per tutto il racconto.

  • Simona Bartolotta
    2018-12-25 14:09

    Così, senza saperlo e per sua iniziativa, Psiche fu presa da amore per Amore.E' quasi impossibile recensire o anche solo dare un voto a questa storia, perché, in fin dei conti, essa non è altro che una favola: che giudizio esprimereste sulla vostra favola o fiaba preferita? Avreste il coraggio di darle un voto?Ed è per questo che io, ad Amore e Psiche, do un voto mediamente alto. Perché è senza tempo, breve e incisiva, forse noiosa, ma è pur sempre una favola, e se ne resta affascinati per questo. Senza contare che Apuleio ha certi colpi di genio!Sopra un'alta montagna lascia o re la fanciullaornata per le nozze di abiti funerei.Non aspettarti un genero nato da stirpe mortalema un crudele, un feroce, un mostro viperino,che volando con le ali nel cielo dà il tormento a tuttie con ferro e con fuoco distrugge ogni cosa;che lo stesso Giove teme, di cui gli dei hanno il terroreed anche i fiumi infernali e le tenebre dello Stige.Direste mai che questa è la descrizione di Amore? La descrizione di quel dio scapestrato, terrore e flagello degli uomini quanto degli dei? Di quel sentimento puro, insinuante, che sconvolge l'esistenza?Sublime.

  • laurakenji
    2018-12-28 19:11

    "Sopra un'alta montagna lascia o re la fanciullaornata per le nozze di abiti funerei.Non aspettarti un genero nato da stirpe mortalema un crudele, un feroce, un mostro viperino,che volando con le ali nel cielo dà il tormento a tuttie con ferro e con fuoco distrugge ogni cosa;che lo stesso Giove teme, di cui gli dei hanno il terroreed anche i fiumi infernali e le tenebre dello Stige."

  • Diabolika
    2019-01-02 16:11

    Una stupenda scoperta, peraltro magistralmente rappresentata da Canova.Cupido e Psiche, Antonio Canova (1793)Questa bellissima favola si legge meravigliosamente, complice una bella traduzione, uno stile lineare, un sarcasmo irriverente ed una comicità devastante. Le divinità umanizzate diventano un alibi per ironizzare sulle debolezze umane. Il tutto immerso nei miti e nelle leggende dell'epoca.Ogni volta che entrava in scena “mamma” Venere mi piegavo in due dalle risate, per il suo carattere rancoroso - «Come?! Dunque io, l’antica madre della natura, l’origine prima di tutti gli elementi, la Venere che nutre l’universo mondo, a questo sono ridotta? A dividere con una fanciulla mortale gli onori dovuti alla mia maestà?...»; per il suo linguaggio popolano - «Mi avrà preso per una ruffiana quello scavezzacollo»; per la preoccupazione del “buon nome della famiglia” - «Proprio quello che ci voleva per la nostra famiglia e il tuo buon nome!»; per le prediche al figlio - «Quante volte hai dato addosso anche ai tuoi vecchi, senza un briciolo di rispetto! Perfino con me te la pigli, sì, con me che sono tua madre, pezzo d’assassino!»; per la sua inevitabile vanità - «Ve lo immaginate essere chiamata nonna io, nel fiore della giovinezza?»; e per la sua "delicatezza" - «Così dicendo, le si avventò addosso, le ridusse il vestito in mille pezzi, le strappò i capelli e le ammaccò la testa a furia di botte.»Insomma, come si fa a non ridere, immaginando che quelle parole sono pronunciate dalla bocca della Venere di Botticelli?La nascita di Venere, Sandro Botticelli (1485)Psiche è di una ingenuità irritante e di una curiosità quasi commovente. L’ingenuità la spinge a credere alle sue sorelle, cattive ed invidiose come quelle di Cenerentola.Psiche e le sue due sorelle, Jean-Honore Fragonard (XVIII-XIX sec.)La curiosità è la causa dei suoi mali. Sarà aiutata da un sacco di cose che, nella migliore tradizione panteistica, si animano e le parlano. Spassosi sono i consigli e gli aiuti delle formiche, della canna verde, dell’aquila e della torre.Psiche che apre l'ampolla d'oro, John William Waterhouse (1903)Divertente il banchetto finale, dove il potente Giove risolve la questione in modo molto pragmatico: «… tutta quella sua fregola di ragazzino gliela incavezziamo con un buon matrimonio. Già la ragazza se l’è fatta, le ha perfino tolto l’onore.»Spiritosi anche i personaggi di contorno: le “comari” Cerere e Giunone, il “banditore” Mercurio. Invidiabile il mezzo di trasporto dell’epoca: Zeffiro.Il messaggio della favola è di un ottimismo rassicurante: espiati i peccati di curiositas e di libido, con il superamento di una serie di prove, si raggiunge l’Olimpo.Psiche ammessa all'Olimpo, Raffaello (1517)Consigliato a chi ha voglia di leggere una bella favola, ovviamente con lo scontato lieto fine, facendosi anche quattro risate.

  • ☠tsukino☠
    2019-01-22 18:02

    Sono rimasta perplessa, ho letto tante recensioni entusiastiche ma io, in questo racconto, non ho trovato magia.Sicuramente è molto attuale pur essendo antico.Sarò cinica (e un po’ lo sono) ma pensavo di leggere di un amore travolgente, poetico, invece …“Delicato e romantico, dolce, emozionante, l’archetipo dell’amore, l’amore, anzi di più, la più pura forma d'amore, una delle più belle storie d'amore” … ma dove? Qualcuno mi aiuti a capire, perché questo è quello che a me è arrivato:Psiche è ingenua? Ni.È stupida? SìÈ senza nerbo? Sì È manipolatrice? SìÈ la classica donzella che se non viene aiutata non sa fare niente di niente? Sì. Quindi che significato hanno le prove che doveva superare per “redimersi” se gliele fanno superare gli altri?Venere è una suocera sciocca, cattiva e megera.Ad Amore bastano due paroline dolci, due carezze, … e si fa manipolare come tutti gli uomini.Amore è un bambinone che va a piangere dalla mammina.L’amore di Amore (scusate il gioco di parole) è debole se basta così poco per farlo scappare (direi inesistente, era più interessato a fare zum-zum). E alla fine, non importa quanto tu sia intelligente, impavido, propositivo, se non lo sei, basta un bel musetto e c’è chi fa il lavoro per te e tutto ti viene concesso.Pensavo di ritrovare le emozioni che mi ha suscitato Amore e Psiche del Canova, invece niente … Peccato! Però mi è piaciuto il suo lato grottesco.Molto belli i riferimenti alla mitologia, ai capricci degli dei, etc.Probabilmente sono stata portata fuori strada dai suddetti commenti, ma se leggo “Credo che sia la Favola d'amore per eccellenza” o “La più bella e dolce storia d'amore mai scritta”, mi aspetto tutta un’altra cosa. Non so quale fosse l’intento di Apuleio (purtroppo non ho fatto studi classici) ma se era quello di evidenziare e prendere in giro, i tanti difetti umani quali perfidia, cupidigia, invidia, gelosia, superbia e curiosità (anche se quest’ultima, se usata nel giusto modo, è un pregio) etc., allora ci è riuscito in pieno ^^ il messaggio allegorico è arrivato e visto sotto quest’ottica riesco ad apprezzarlo di più.

  • Barbara
    2019-01-21 14:54

    "Perché forte come la morte è l’amore, tenace come gli inferi la passione."

  • Sophie Sinato
    2019-01-04 15:07

    Un grande classico, l'apologia della curiosità.Non entrerò nel merito dello stile di Apuleio, dato che si tratta di traduzione, il racconto è semplicissimo e scorrevolissimo.Quello che colpisce è la tematica affrontata, la curiosità, principale fonte dei guai umani ma aspetto caratterizzante e pertanto imprescindibile dell'umanità. Nella letteratura troviamo innumerevoli esempi di questo lato di noi, che ci crea spesso solo danni ma di cui non possiamo fare a meno: Pandora, Odisseo, giusto per citarne un paio di famosissimi.E se per Dante lo hybris è peccato che inevitabilmente porta l'uomo alla disfatta, in Amore e Psiche non possiamo fare a meno di parteggiare per Psiche, invece che osteggiarla, proprio per questo suo essere così umana. Sono contenta di aver letto finalmente questa storia per intero, perché penso che il pensiero razionale e la curiosità siano le caratteristiche che ci distinguono da tutte le altre creature.

  • Maria
    2019-01-16 11:15

    "Io non cercherò più di vedere il tuo volto e di niente avrò bisogno nelle tenebre della notte: ho te, e sei tu la mia luce".

  • Gaetano
    2019-01-05 13:02

    Bella favola scritta da Apuleio… qualche anno fa, mantiene alto l’interesse e, perché no, il divertimento nonostante l’apparente semplicità della trama e del finale.Gli dei, come talvolta accade da quelle parti, hanno gli stessi difetti degli uomini: gelosia, ira, avarizia, invidia. Ed anche Venere non ci fa una bella figura, facendoci di molto sorridere per la sua incredibile ira.Sorprendente l’aiuto dato anche dalle formiche alla nostra candida e curiosa protagonista che viene aiutata da tutti per affrontare le terribili prove a cui deve sottoporsi.La bellezza non è tutto, ma forse un po’ aiuta, magari se fai pace con la sua dea!Incredibile scoprire quante opere d’arte siano ispirate a questa piacevolissima e breve favola.

  • Fede
    2019-01-13 17:05

    Racconto bellissimo, che mi ha colpito in modo davvero inaspettato.Lo stile di Apuleio è piacevolissimo, anche divertente in certi passaggi. Ho amato particolarmente la caratterizzazione degli dei e la capacità dell'autore di riutilizzare così tanti elementi appartenenti alla vita quotidiana della Roma imperiale, che offrono la possibilità di capire molte cose sulla società e cultura del tempo.Una storia d'amore senza tempo, sicuramente consigliata.

  • Sara
    2019-01-17 11:13

    3.75 stars.

  • ray angel
    2019-01-15 17:58

    Eh niente, grazie prof!

  • Jessica
    2019-01-10 14:10

    Sub par ending to one of the stories. Otherwise, pretty good.

  • Vale76
    2019-01-13 19:00

    Racconto mitologico bello come una fiaba popolare, si legge brevemente.

  • Vitani Days
    2019-01-10 12:11

    "Amore e Psiche" è una storia che probabilmente sarebbe potuta nascere solo in seno alla cultura Greca e Romana. Questo perché è una favola così calda, umana e colorata che solo un ambiente climaticamente caldo e dolce come il Mediterraneo avrebbe potuto favorirne la nascita.La storia è nota: Psiche, terza figlia di un re e tanto bella da essere paragonata a Venere, viene rapita da Amore che ne fa la sua sposa. Ma le cose, complice anche la vendicativa Venere, non sono destinate ad andare lisce.Le possibili interpretazioni di questa breve favola sono molteplici, spiegate molto bene nell'introduzione di Alessandro Fo, che mette tra l'altro in risalto la curiosità come tema centrale dell'opera.La curiosità spinge Psiche a guardare Amore, la curiosità la mette nei guai con Proserpina.Psiche è un'anima pura, ingenua, bella esteriormente e interiormente.Amore è un Cupido adolescente dalla "personalità doppia", poiché dell'Amore ha la bellezza ma anche la tendenza all'eccesso. Venere è, come già detto, oziosa e vendicativa. Tutte le divinità presentate hanno, comunque, un tratto di riferimento che le rende umane al massimo grado. Sono l'esaltazione dei difetti e delle virtù di chi le prega. Né dèi né uomini sono esentati dall'invidia, dall'ira e dal dolore.Lo scenario naturale è quello idilliaco dell'Arcadia, che si contrappone al mondo più brutale e corporeo della montagnosa Grecia. Si tratta in ogni caso sempre di una natura strettamente collegata all'agire degli uomini, che a pieno titolo ne fanno ancora parte.Favola ricca di suggestive immagini, non sorprende il successo che ha avuto e continua avere nei secoli.

  • Greta
    2018-12-26 16:12

    Favola inserita nelle “Metamorfosi”, ha conservato la sua fama nei secoli, al punto da essere ricordata ancor più del romanzo nel quale è inserita. Nonostante il lieto fine, i lettori tendono a ricordare la favola per il dolore e la sofferenza che Psiche deve affrontare pur di riabbracciare l’amato. La ragazza, inizialmente ingenua, semplice e “debole”, diventa con il procedere della vicenda più determinata: dopo la fuga di Amore si sente disperata tanto da tentare il suicidio, ma ben presto si fa coraggio e affronta le dure prove che Venere le sottopone (aiutata da vari personaggi). La storia di Amore e Psiche è da sempre stata letta come condanna della curiosità, la stessa che spinge la ragazza prima a spiare il volto dell’amato su istigazione delle sorelle, poi ad aprire il vasetto datole da Proserpina per la dea Venere. In entrambe le situazioni, Psiche paga il proprio difetto a caro prezzo: nel primo caso Amore fugge; nel secondo la ragazza cade in un sonno mortale (dal quale sarà salvata dall’amato). La condanna della curiosità di Psiche si lega poi alla condanna della curiosità di Lucio – vero protagonista delle “Metamorfosi” – che appunto paga l’interesse per la magia trasformandosi in un asino. Secondo l’interpretazione cristiana Amore e Psiche rappresentano l’unione di anima e corpo umani con la divinità. Si può affermare che Psiche simboleggi tutti noi: il desiderio di conoscere a fondo la persona amata e lottare con ogni mezzo pur di vivere pienamente l’amore.

  • Flaminia
    2019-01-12 11:52

    I miti riguardanti gli Dei hanno sempre quel fascino che ti trasporta indietro nel tempo e ti fa vivere la loro storia come se fossi personaggio di essa, non un semplice spettatore. L'atmosfera idilliaca che si crea è incredibile, ti assorbe nella storia raccontata ed è difficile distrarsi dal racconto. Apuleio ha la capacità di descrizione di un dio, fantastico! "Sopra un'alta montagna lascia, oh re la fanciullaOrnata per le nozze di abiti funebri.Non aspettarti un genero noto da una stirpe mortaleMa un crudele, un feroce, un mostro viperinoChe volando con le ali nel cielo dà il tormento a tuttiE con ferro e con fuoco distrugge ogni cosa Che lo stesso Zeus teme, di cui gli dei hanno il terroreEd anche i fiumi infernali e le tenebre dello Stige"Non credo esista persona al mondo che non sia a conoscenza del mito di Eros e Psyche, ma se pure esistesse, chi sarebbe in grado di trarre l'immagine di Eros da questa descrizione? Il mio unico rimpianto, per quanto riguarda questo racconto, e che ha precluso l'ultima stella è proprio la mia ignoranza del latino. Non avendo la possibilità di leggere il testo originale, che sono convinta essere più poetico, in ho potuto cedere alla tentazione di inserire l'ultima stella. Una lettura consigliatissima, come ogni mito classico.

  • Rita
    2018-12-27 13:13

    UNA FIABA ALLEGORICAUna favola vera e propria e, in quanto tale, capace di stregare il lettore con la sua atmosfera magica ed incantata, ma anche con la potenza del suo significato metaforico. La protagonista, Psiche, è infatti allegoria dell'anima che viene punita per la sua eccessiva curiositas e deve espiare la sua colpa superando innumerevoli prove. Ella, con la sua ingenuità e la sua debolezza ((view spoiler)[ad un certo punto ho perso il conto dei suoi tentativi di suicidio! (hide spoiler)]), è la perfetta raffigurazione dell'indole umana che, purtroppo, non impara mai dai propri errori ((view spoiler)[Psiche aprirà il cofanetto contenente il dono della bellezza, commettendo lo stesso peccato (hide spoiler)]).Solo quando essa sarà totalmente purificata potrà ricongiungersi con l'Assoluto, il Dio la cui essenza è amore e quindi, nel racconto, Cupido. Dalla loro unione nasce la Voluttà, quel piacere che può derivare soltanto da una perfetta armonia tra l'uomo e il divino e che sia Lucio (il protagonista delle "Metamorfosi") sia Apuleio sperimentano con l'iniziazione al culto della dea Iside.Nulla da fare, la letteratura latina è l'unica ad aver raggiunto tale livello di perfezione: non vedo l'ora di ricominciare a studiarla all'università!

  • Simona
    2019-01-01 16:49

    La favola di Amore e Psiche - Apuleio Ho trovato questa bella edizione moderna della Newton Compton in un mercatino a tre euro; ha il testo in latino a fronte e la traduzione è di una docente di italiano e latino. La premessa è invece del più famoso Francesco Piccolo.Questo è un racconto contenuto nelle "Metamorfosi" di Apuleio edè una favola che comincia in maniera molto popolare; viene raccontata da una vecchia per consolare una fanciulla presa in ostaggio dai briganti e tenuta nascosta in una grotta. Nonostante il latino, la favola è riferita ai miti greci e narra delle vicende d'amore tra la bellissima Psiche e il dio Amore, il Cupìdo alato, figlio della dea Venere. È una storia bellissima, che si dipana tra invidie, passioni, difficoltà e prove disperate da affrontare per la tanto ingenua e curiosa, quanto fortunata Psiche. Inevitabile il lieto fine che rincuora e fa sorridere.Solo a una cosa dovrei mirare ora: alla lettura delle intere Metamorfosi.

  • Lady Alice
    2019-01-18 11:15

    Da amante delle fiabe e delle favole quale sono, non posso dare meno di 5 stelle a questo breve racconto. Amore e Psiche, parte de Le Metamorfosi, è considerata la prima fiaba moderna, dalla quale la tradizione popolare ha creato le suo più famose favole, per arrivare fino ai fratelli Grimm. In effetti, è evidente come le sorelle di Psiche richiamino le sorellastre di Cenerentola, il suo sonno quello della Bella Addormentata e le prove finali quelle che possiamo trovare nella maggior parte delle fiabe oggi conosciutissime.Una favola davvero bellissima, che vuole evidenziare l'incredibile irascibità delle divinità greche, al tempo di Apuleio ormai quasi decadute. Altro tema è quello della curiositas dell'uomo, che momenti di sofferenza in Psiche, ma che poi conduce ad una condizione più alta.Storia che può essere letta su più livelli. In ogni caso una semplice, deliziosa e piacevolissima lettura.

  • Solor
    2019-01-09 12:03

    "It is a difficult matter to keep love imprisoned"A tale within the story of the Golden Ass (as Saint Augustine nicknamed The Metamorphoses of Apuleius), this is a witty and clever take on various themes dear to Roman writers such love, jealousy and Fortune. Especially envy, a nasty quality shared by gods and humans, takes the center stage as the force centrifuge that is cause and effect of the fluctuating Fortune/Fate.The jealousy of the Goddess will initiate a series of events that will unveil the rapacity and maliciousness at the bosom of a sisterhood bond.Eventually, love will triumph over all adversities (like "il sommo" Virgil said) and the cupidity and spite of the sisters are tragically punished by Destiny."Omnia Vincit Amor"

  • Giovanna
    2018-12-26 17:03

    Difficile valutarlo...Un punto a favore è la descrizione di Amore: geniale.“E senza por tempo in mezzo chiamò quel suo figlio alato e scanzonato il quale, non curandosi della pubblica moralità coi suoi cattivi costumi, va in giro di notte armato di frecce e di fiaccole nelle case degli altri, profana i letti nuziali e impunemente ne combina di tutti i colori, senza fare mai niente di buono.”“Non aspettarti un genero nato da stirpe mortale ma un crudele, un feroce, un mostro viperino,che volando con le ali nel cielo dà il tormento a tutti e con ferro e con fuoco distrugge ogni cosa; che lo stesso Giove teme, di cui gli dèi hanno il terrore ed anche i fiumi infernali e le tenebre dello Stige."

  • Paolo
    2019-01-18 15:05

    È una delle favole, termine consono a quest'opera, più famose nella storia della letteratura latina e non. Un amore strano, tormentato e anche un po' noioso. Psiche ti fa arrabbiare: non si accontenta di usufruire delle ricchezze e della prestanza sessuale del dio dell'Amore(e ho detto tutto). Credo che sia più interessante l'allegoria nascosta: l'ingordigia dell'uomo ovvero l'andare oltre i limiti imposti dalle divinità. Psiche è la nostra anima. Il messaggio di Apuleio fondamentalmente è negativo. Il libero arbitrio non esiste e gli esseri umani sono manovrati dalle divinità del monte Olimpo. Nessuna speranza. Esistenza programmata. Lettura indispensabile. Alla prossima recensione.

  • alice
    2019-01-22 15:50

    L'epica greca mi ha interessato particolarmente fin da piccola, quando la sera pregavo sempre mia madre di raccontarmi ancora una volta le avventure di Ulisse e Achille. I miti delle divinità mi hanno sempre intrigato e le loro straordinarie e intricate vicende non smettono mai di affascinarmi. La favola passionale tra Eros e Psiche, come tutte le più avvincenti storie di questo genere, è costellata da destini avversi e divinità adirate e permette di incrementare la conoscenza di questi soggetti. Inoltre Apuleio (almeno nella traduzione italiana) scrive in maniera impeccabile e possiede le doti di un grande cantastorie.

  • Blu
    2019-01-01 17:50

    La più grande delle fortune si rivela essere la più grande delle disgrazie! Mille prove e pericoli da affrontare che conducono, come in tutte le favole, ad uno splendido lieto fine.Quella di Amore e Psiche è una favola dai toni delicati e dalle atmosfere magiche e incantate, che racchiude in sè tutti gli elementi tradizionali di questo genere narrativo. Una lettura semplice e piacevole che ha come unico difetto quello di leggersi in un soffio: troppo breve per poterla assaporare come si deve.

  • Dawn Tagala
    2018-12-30 15:02

    shows the whole story behind Cupid and Psyche's love affairs but not entirely in full detail. the Golden Ass part was also unnecessary. It would have worked if they showed the relation of the story to the story of Cupid and Psyche.

  • l.
    2019-01-12 13:11

    "As to your face, I ask nothing more; even the darkness of night does not blind me; I have you as my light"gorgeous translation. commentary could be better though.

  • Giornata_di_sole
    2018-12-28 16:56

    "Bevi Psiche e sii immortale! Eros non ripudiera' il vincolo che lo unisce a te. Da oggi siete marito e moglie per l'eternita' "

  • Crystal Dawn
    2019-01-18 14:13

    A beautiful, classic tale of love conquers all which is sure to bring a smile to any hardened soul. Both lovers make extreme sacrifices to both protect and be with one another whilst the cruel goddess Venus (or Aphrodite) continues to tear them apart and attempt to put an end to her life. It's a tale of hubris and sacrifice and is very clearly one of the kosher seeds for original, beloved fairy-tales like Cinderella, or The Little Glass Slipper, Beauty and the Beast and Rumpelstiltskin. The book loses a star, simply from the style of translation my copy has. It kept its original dialogue in a traditional prose however changed all descriptions and storytelling into a modern passage. It was just too jarring to ignore so I would not recommend it. On the other side of the coin however, it was incredibly easy to understand, and if you're a first time reader to the genre, then it may be a go too. I'll leave it here regardless; http://www.pitt.edu/~dash/cupid.html.When I eventually come across it again in a different translation, or in its original book this will most likely change.