Read Q by Luther Blissett Shaun Whiteside WuMing Online

q

In 1517, Martin Luther nails his ninety-five theses demanding reform of the Catholic Church to the door of Wittenburg Cathedral, setting off a period of upheaval, war, civil war and violence we now know as the Reformation.In this age devastated by wars of religion, a young theology student adopts the cause of the heretics and the disinherited. Across the chessboard of EuroIn 1517, Martin Luther nails his ninety-five theses demanding reform of the Catholic Church to the door of Wittenburg Cathedral, setting off a period of upheaval, war, civil war and violence we now know as the Reformation.In this age devastated by wars of religion, a young theology student adopts the cause of the heretics and the disinherited. Across the chessboard of Europe, from the German plains to the flourishing Dutch cities and down to Venice, the gateway to the East, our hero, a 'Survivor', a radical Protestant Anabaptist who goes under many names, and his enemy, a loyal papal spy and heretic hunter known mysteriously as "Q" play a game in which no moves are forbidden and the true size of the stakes remain hidden until the end. What begins as a personal struggle to reveal each other's identity becomes a mission that can only end in death. ...

Title : Q
Author :
Rating :
ISBN : 9780156031967
Format Type : Paperback
Number of Pages : 768 Pages
Status : Available For Download
Last checked : 21 Minutes ago!

Q Reviews

  • Stuart
    2019-01-18 07:08

    Who knew there was so much blood & guts spilled over the anabaptist heresy? This 768-page page-turner never lacks for action as the title character, a shady Vatican secret agent, plays cat and mouse with Gert of the Well, his opposite number on the Protestant side. Along with your history lesson you get proto-communism, free love, bank fraud, crypto-jewery, backstabbing, book-binding, Venetian whoring, and vivid ultra-vi in various medieval European locales. If they ever make a movie of this one I will be first in line to buy a bucket of popcorn.

  • Jonfaith
    2019-01-09 08:14

    I smile. No plan can take everything into account. Other people will raise their heads, others will desert. Time will go on spreading victory and defeat among those who pursue struggle.There is a scene in Alan Bennett's History Boys where the instructor tells his students, if you want to know about Stalin you should study Henry VIII. I felt similar illustrations throughout this sprawling epic. Recurring tensions and responses proliferate through history. Well over a month was spent with Q, a month occupied otherwise by the World Cup and numerous intrigues into the depths of Derrida and Foucault. The baggy novel concerns millenarianism but in the befogged era of the religious wars and the Reformation. Street Fighting Men battle princes and papal guards, while revolutions orange and velvet give way to failed Springs and betrayed Thaws. The narrative as such concerns two men, equally unknown with protean noms-de-guerre: they act observe and operate for the opposing forces in this weird rethink of early modernity. Luther Blissett is the pseudonym for four politically radical Italian novelists who will later in another incarnation be known as Wu Ming. This creative endeavor finds its historical subject in a most messy marriage, one that gleams even as it oozes.

  • Dvd (polemologico e pantoclastico)
    2018-12-24 10:57

    Quello che devo dire.Uno dei libri più ricchi che mi sia mai capitato di leggere.L'affresco storico più ben scritto e verosimile che si possa immaginare.La storia disperata d'un uomo che sceglie la parte sbagliata della storia, quella degli umili e degli ultimi, e che viene sempre sconfitto, morendo ogni volta per risorgere poi con un nuovo nome.La storia del suo misterioso nemico, Q, che come un'ombra agisce per disfare ciò che l'altro ha contribuito a tessere.Sullo sfondo, i trent'anni che hanno cambiato il volto dell'Europa come nient'altro era riuscito a fare dai tempi della caduta dell'Impero Romano: dalla rivolta di Lutero (1517) fino al compromesso di Augusta (1555), la frammentazione religiosa del continente, la lotta per il potere.In primo piano, la richiesta di riscatto delle masse sottomesse da clero e nobiltà, il bisogno d'una fede che sia ricerca e non obbedienza, il senso delle cause che poi porteranno alle rivolte proletarie degli ultimi due secoli.Una visione dal basso della storia, dal punto di vista di quelli che furono sempre sottomessi, con un occhio rivolto verso Marx, Gramsci.Un romanzo mai noioso, avvincente, sospeso a capitoli rapidi eppure densi, che mette sempre in moto il cervello.Fantastico.

  • Moloch
    2018-12-29 06:16

    Non mi è piaciuto granché. Sì sì, si legge bene, ritmo incalzante (anche grazie alla furbata dei capitoletti brevissimi, 2-3 pagine), ma...Troppo netta l'antistorica demarcazione fra "buoni" e "cattivi". Cattolici e luterani sono tutti avidi, malvagi e oppressori, gli anabattisti tutti idealisti che si battono per i diritti di tutti...Un accumulo talmente esagerato di personaggi e fatti storici, in cui guarda caso il protagonista si trova sempre in mezzo, da apparire inverosimile e francamente ridicolo: basta dire che uno degli episodi più stupidi è l'incontro fortuito con il cardinale che di lì a poco diventerà papa, nientemeno. Perché non anche Carlo V allora, già che c'eravamo?Una scrittura che a volte, per voler essere a tutti i costi "moderna", esagera e stanca con il turpiloquio, cerca sempre di shoccare il lettore in modo troppo compiaciuto, altre, quando vuole essere "poetica", è troppo pretenziosa.La voce narrante, poi, è straordinariamente odiosa, con quel tono da autocommiserazione continua, "quante ne ho passate, quante ne ho viste"... e che noia! Senza contare che lui è sempre forte, intrepido, dalla parte dei deboli e del bene, si mette solo (ovviamente) con donne "bellissime" e coraggiosissime, ecc ecc.Alla fine, il più simpatico di tutti è proprio il povero Q.I didn't like it very much. Yes, it's easy to read and has a good rhythm (partly because of the fact that the chapters are really short, 2-3 pages), but...The unhistorical separation between "good" and "evil" ones is too strong. Catholics and Lutherans are all evil, greedy and oppressive, Baptists are all good and caring for the rights of poor people...There's such a monstrous mass of historical characters and events, in which, guess what, the main character is ALWAYS involved, so exaggerated to become frankly ridiculous. Just an example: one of the stupidest episodes is when the hero meets by chance the cardinal that is to become the next pope! So, why not making him meet the emperor Charles V too, while we're at it???The style at times wants to be "modern" at all costs and shock the reader, and turns to be really annoying, at times, when it tries to be "lyrical", is too pretentious.Also, the main character is unbearable, always complaining "how many things I've seen, how many things I've gone through...", just shut up! And he's obviously ALWAYS strong, brave, on the good side, he always falls in love with "beautiful" and intrepid women...In the end, the best one turns out to be poor Q!

  • Antonio Nunez
    2018-12-27 13:18

    The cold war between pro-capitalist and pro-communist spooks is trasplanted into the killing fields of Reformation Holy Roman Empire by the collective of writers known as Luther Blisset. The story attempts to follow the careers of a radical protestant and an underground member of the inquisition ("Q") for over 30 years, as they circle and try to dispose of each other. The set-pieces (the battle of Frankenhausen, the revolution in Leyden) are well-told, but most of the characters are not well-defined and so it is difficult to care for them.It is as if though the characters are an excuse to retell the history of the times. That wouldn't be so bad, except that the history is not fairly told. The authors obviously intended the radical fringe of early protestantism as a metaphor for radical leftist revolutionaries of the XX Century. This impression is heightened if one considers the attachments to the book, which besides a few pictures of the main characters, includes instruments of torture of right-wing or pro-Western governments of recent times.In reality Thomas Müntzer, the radical theologician that led the German peasants into senseless slaughter at Frankenhausen was not an idealist who wanted to redeem the masses, but a millennarian prophet who cared more about destroying the old world than about creating a new one (see Cohn's "The Pursuit of the Millennium" for a fascinating review of Müntzer in the context of a very old tradition of religious radicals that actually reaches to our very day), whose rethoric of bloody extermination of opponents strikes a reader as very similar to that of Stalinists in the show trials of the 1930s. And it is surely ridiculous to attribute the failure of the Münster Anabaptists not to sectarian politics but to manipulation by popish agent-provocateurs as appears in this book. This is a common accusation among radical left groups, who are inclined to impute their inability to get along and work together to divisive actions by obscure class-enemies or imperialists.In fact, the hagiographic presentation of Müntzer is a dead giveaway of where this book is coming from: East German history presented this enemy of both Pope and Luther as a proto-Marxist, and in fact the largest painting in the world refers to Müntzer at the battle of Frankenhausen and is titled "Bourgeouis Revolution in Germany", painted by Werner Tübke, and commissioned by the East German leadership (400 feet long, 45 feet high, and still around, in its special built-to-purpose museum) prior to the fall of the Berlin Wall. The analogy between radical reformers and XX century Marxist revolutionaries is not subtly evinced, and it is a pity, for subtleness would have had more impact on the readers.The book is not only manichean in its portrayal of good, but misguided revolutionaries and an all-powerful and a malignant Catholic Church (represented by Cardinal Gianpietro Carafa, later elected Pope and known as Paul IV) where political calculations trump all religious commitment (as evidenced by s fictitious conversation with Cardinal del Monte who acknowledges his essential agreement with reform partisans, but indicates that he will be unable to do anything about it since he has just been elected Pope). It is also very defficient in character portrayal (as already noted, all characters sound the same), and has a a tenuous plot (it ties together many episodes that in reality were not connected, so that the parts of the book are greater than the whole). On the other hand, these episodes are so thrilling in themselves, and so little known about them by most people, that even a mediocre novel such as this one may be defended on the grounds that maybe some of the readers will be interested in learning more and finding out the truth. If you would like to know more about this era and can be bothered to take up a hefty but wonderful book, don't bother with this one. Go for Diarmaid McCullough's "The Reformation", which tells the whole story in a readable fashion, and without hidden agendas.

  • Stela
    2019-01-19 11:24

    Dopo lotte secolari che durarono non trent’anni (come scherzava un grande drammaturgo rumeno) ma all’incirca tre mesi, cioè dopo averlo preso, lasciato e ripreso parecchie volte, finalmente, l’ho finito! Come impressione generale, questo romanzo è… quasi. Quasi storico (come fedele ricostruzione di un’epoca, voglio dire), quasi epopeico (come grandezza delle immagini, dei personaggi e del soffio narrativo), quasi postmoderno (come struttura, linguaggio, tematica), in poche parole – quasi grande. E sarebbe talmente potuto esserlo, perché tutto era lì! Ora mi spiego.Come romanzo storico non è sempre convincente: nonostante la descrizione dei luoghi, abiti, abitudini, credenze, il linguaggio resta troppo moderno e l’allegoria (benché voluta) troppo evidente, non soltanto derubando il lettore del piacere di una lettura ingenua, da intrepretare come vuole, ma anche con un tono troppo militante,che rischia di inviare il romanzo nella categoria tanto bestemmiata dell'arte tendenziosa.D'altra parte, benché, per quanto mi riguarda, non abbia niente contro la discontinuità temporale quando rifletta il disordine del pensiero, the stream of consciousness, la memoria involontaria e così via, qui, il viavai tra anni e periodi storici mi ha dato l’impressione di una disordine, per cosi dire, troppo organizzata, come l’accozzaglia di fogli sul tavolo di uno storico che aspetta pazientemente di mettere i suoi documenti in ordine cronologica. Questo potrebbe spiegare perché, nonostante la sua lunghezza, Q non riesce a diventare epopeico, cioè invece di grandioso sembra piuttosto smisurato, perfino qua e là noioso da morire (devo ammettere vergognosamente che ho saltato qualche pagina o almeno l’ho letta obliquamente☺). Eppure ci sono anche pagine molto alerte, molto vive e scorrevoli, che riscattano il romanzo. La figura di Q, per esempio, elusiva e inquietante, eminenza grigia della trama, è realizzata con grande abilità e finezza, almeno fino al punto in cui gli scrittori hanno ritenuto necessario inserire il suo diario, inutile nell’economia del testo e per nulla convincente – dato che quasi tutto quello che è scritto dentro si poteva dedurre. Invece di rendere la sua personalità più complessa, le toglie il mistero, trasformando il maestro burattinaio in uomo banale. Altrimenti, Q è davvero affascinante, un sottile Mr Hyde del protagonista:…siamo le due facce della stessa moneta, (…) abbiamo combattuto alla stessa guerra e nessuno dei due non esce vincitore.L’incontro finale tra i due mi è sembrato abilmente diritto, un interessante miscuglio tra romanzo di cappa e spada (mi ha fatto pensare all'armistizio finale tra d’Artganan e Rochefort) e romanzo psicologico (gli sforzi introspettivi dell'eroe per capire il suo proprio atteggiamento verso il suo nemico di una vita) in una vera sintesi postmoderna:Lascio correre lo sguardo sulle tombe. Su ognuna poteri leggere il nome di un compagno, ripercorrere le tappe che mi hanno portato qui. Ma non riesco a provare odio. Non ho più la forza per disprezzare. Guardo Gresbeck e vedo soltanto un vecchio.Questa scena dell’incontro è uno dei motivi per cui ho cambiato idea e ho deciso di assegnarli tre stelline invece di due. Un altro motivo è stato la lettura facilissima (e per questo voglio dire che il mio italiano non ha avuto molte sfide da superare ☺), perché ho vissuto momenti in cui dubitavo sinceramente che abbia finito di leggerlo se non fosse stato scritto in italiano. Infine, ho trovato alcune frasi astute:“L’ironia della sorte è che aspettavamo gli sbirri e invece sono arrivati i preti.”“Lutero ha strappato ai preti il vestito nero, soltanto per ricucirlo nel cuore di tutti gli uomini.”“Non. Proprio non pensavo di poter fare soldi con il contrabbando dei libri.” “Gente che si nutra assai male (…) ma sa scegliere con cura le letture.”In tutto, romanzo molto ambizioso, spesso arrogante (a volte perfino pomposo, stilisticamente parlando: “Sono stato tra questi. Dalla parte di chi ha sfidato l’ordine del mondo.”), che ha forse raggiunto l’orizzonte di attese di alcuni lettori ma non so se ha veramente raggiunto quello dei suoi propri autori, cioè, di fare un po' di differenza nel mondo:Essere puri non significa separarsi dal mondo, condannarlo, per obbedire ciecamente alla legge di Dio: se vuoi cambiare il mondo degli uomini devi viverlo.

  • Marco Simeoni
    2019-01-06 11:09

    Da una singola lettera l'intreccio di più viteUn punto d'origine, Memorie che ricompongono i frammenti di un'epoca. La mia. E quella del mio nemico: Q.Ho creduto si trattasse di un libro sulla vendetta. Ho pensato fosse un libro che effettuava un revisionismo storico, immaginavo di osservare attraverso gli occhi di un protagonista che ha più nomi che morti sulla coscienza la caccia a una spia avvelenatrice di ideali. Q è questo ma, al contempo, è molto altro. Come Q scriveva le sue lettere così il camaleontico protagonista di questo romanzo diventa, suo malgrado, esso stesso una testimonianza vivente di carneficine ispirate da sciocchi ideali. È un circolo vizioso che si ripete: la rivolta dei contadini, gli Anabattisti, le banche, Venezia. Tutto ha origine da un legame stipulato da uomini e donne nella speranza di una fede libera, una vita migliore.Colui che viene dall'alto è al di sopra di tutti; ma chi viene dalla terra, appartiene alla terra e parla della terra... Ricordi?Quando la libertà religiosa può diventare un ariete che arrischia di scardinare lo status quo?In più c'è la stampa, appunto; questa tecnica stupefacente, che come un incendio d'estate secca e ventosa, si sviluppa giorno dopo giorno, ci dà idee...StoriaUna fede diversa ogni volta, sempre gli stessi nemici, un'unica sconfitta.Il romanzo è ambientato intorno alla metà del '500. Abbraccia distanze talmente vaste e si fregia di mostrare singoli aspetti di città in maniera talmente prospiciente, che è quasi impossibile non patteggiare per le sorti del Protagonista. Mi ha stupito molto la narrazione in prima persona. Ero certo che un testo del genere ne avesse risentito e invece ne sono stato risucchiato come affetto da una malia (non nego che sovente mi sono fermato nella lettura per assimilare quanto letto o rileggere parti per riassaporarle una seconda volta). Il ritmo è incalzante ma, al tempo stesso, scandito da capitoli che cullano oltre l'orrore che è avvenuto e che si riaffaccerà di nuovo oltre il baratro dell'oblio, ad accogliere nuovi dimenticati.Ho persino "paura" a parlarne troppo perchè non voglio svelare nulla. Leggetelo. Se lo apprezzerete sin dalle prime pagine, vi rapirà.La poetica narrativa usata dai Wu MIng per Q non deve far scordare le molte scene volgari e cruenti presenti tra le varie pagine del tomo. Adesso pensi che quelle mani sporche e callose che hanno sempre saputo costruire soltanto castelli di merda non riusciranno mai a impastare la malta.Detto questo, se proprio devo fare un appunto, oltre la "normale" mancanza di obiettività perchè filtrata dagli occhi del protagonista, spesso, nelle scene cruente si tende a usare un linguaggio troppo aulico:Saetta dal nulla di polvere acre e dangue, la belva bardata piomba su un manipolo di sventurati, resi immobili dal terrore, accucciati in preghiera, o rigidi in attesa della sentenza fatale. Picca spianata ad altezza di torace, zoccoli e zampe scartano da un corto fosso, [...] Sguaina un'elsa dalla lunga lama sottile, scalcia tra i corpi scuotendo l'armatura, l'abbatte su un cristo che gli si para a destra implorando pietà.Ma questo non toglie al romanzo la sua munificenza letteraria, la sua rivisitazione storica, le sue emozioni che trasudano dai battiti di un uomo e nutrono la convinzione di essere stato uno dei fortunati ad aver letto Q.Una lettera, un quadrello della stampa di Gutenberg porta con sé tante sfaccettature, tradimenti, riflessioni. Condite da descrizioni dettagliate dell'epoca (Mi di calcare l'acciottolato di Münster o i canali di Venezia), da personalità di spicco, da debolezze così smaccatamente umane da accettarle e, purtroppo, comprenderle.Oppure no. A volte penso che questa sia stata l'illusione che è servita per continuare, per tracciare nuove rotte, per non fermarmi e ammettere che più di tutto sono stati gli anni a tradirmi.Io sono stato dentro quest'illusione per oltre un mese e quando ne sono uscito, mi sono sentito arricchito.Ringrazio Intortetor e Ubik per avermelo consigliato.

  • Victoria Young
    2019-01-18 09:22

    This is one of the most challenging books I've read and I vacillated between loving and hating it. So to be fair, I'd really like to give this 3.5 stars but it seemed worthy of rounding up, rather than down.It became obvious very early on in the piece that this book would be very difficult because of my lack of background knowledge of the Reformation and papal intrigues. There is an enormous cast of characters, often bearing similar names (there's more Jans and Johans than you can poke a stick at). But my edition had a helpful appendix with portraits of the historical figures and that made the reading somewhat easier. Another difficulty I encountered was the ever shifting identity of the protagonist. We never learn the original or 'true' name of the hero of this book and keeping up with his aliases through the non-linear time shifts kept me on my toes.All of that is ok though, as long as you have the patience and willingness to concentrate on the very complex plot. What really brought down the rating for me was the pacing of the book. The narrative stops and starts very abruptly as it jumps back and forth across forty-odd years of tumultuous history. One minute the protagonist is in the thick of a pitched battle; the next, you have to wade through twenty pages of meditations on life and hardship taking place two or three years later. I suppose that is at least partly to do with the novel's being a collaboration between four authors, but I certainly would have enjoyed the reading much more (and probably completed it in much shorter time) if the suspense and action had been a little more consistent.Now that my gripes are out of the way, there's plenty of reasons why it's still a great book. Firstly, the sheer ambition and scope of this book is fabulous. To cover such a huge swathe of complex history in one unified plot is an impressive achievement. And I learned so much about the history of the Catholic church and its challengers. What's more, even though the historical detail is exacting, the themes of challenging authority and dogma, money and power, rebellion, making wealth communal etc have a lot of relevance to the modern zeitgeist.Another aspect that I paticularly enjoyed was the way the seemingly disparate elements of a sprawling narrative came together in the end. It was a great mystery, and bits of the plot that I never expected to be related came together and I was totally taken by surprise by the final 'reveal'. And even then, when all the players were unmasked it plot still took a few odd twists, and the reader is left with a kind of thoughtful, wryly hopeful resolution, rather than the usual neat, cliched ending of just desserts served to all.I'd recommend this to anyone willing to take on a challenging read, with an interest in 16th century European history. If you like Umberto Eco's novels or the Showcase series The Borgias, there's a good chance you'll enjoy Q as well.

  • Knjigoholičarka
    2019-01-19 05:19

    Q, bejbi, stvarno moram da vratim knjige u biblioteku, vikaće ona teta na mene, a ni članarinu nisam platila za ovu godinu, biće belaja. Čitamo se u drugom životu.

  • Mieczyslaw Kasprzyk
    2019-01-09 10:24

    I noticed this book on a shelf in Waterstones nine years ago. It called to me but the appeal went unheard. I don't know why. The other day I was in Blackwells just idling time whilst waiting for the lunchtime concert to begin at the RNCM... Some books lure you as they spot you from their shelves. They whisper in your head; "I am full of wondrous things... I am full of promise.... you will never forget me". All the great books I've ever read did that to me; a quirky title ("The Name of the Rose", "Man's Rise to Civilization") or an intriguing cover (the Rorschach test of that Panther "Inferno" that started me on a quest that still goes on).So it was with "Q". I sat, as I waited for lunch in Brodsky's, and started reading... I read it on the steps as I waited for the concert hall to open... I read it on the tram on my way home and I read and I read and I read.This is a wonderful book. It was written for me. I first became fascinated with the Radical egalitarian movements of the 1500s when I read Norman Cohn's "The Pursuit of the Millennium" - it appealed to the ardent anarcho-Christian-socialist I was then. The Reformation and the Renaissance went hand in hand with the striving for freedom, with its roots long before in the peasant uprisings of the Middle Ages. That struggle has continued through the debates of the Levellers and the Diggers, the confrontations of the Anarchists, and the sacrifice of Socialists down the ages. "When Adam delved and Eve span, who was then the gentleman?" are words carved on my heart just as "Calais" was carved on Queen Mary's.This is an exciting book. At the centre of it is a spider spreading his web in order to manipulate the course of history, Carafa. It is the history of two men: one, Carafa's Eye, Q, a secret agent; the other, our hero, an unnamed man of many names, an ardent idealist. It is the story of their battle of wills over the years. It is a tale of idealism and extremism, of persecution and faith, of lost causes and dreams, of power and what men will do to hold it. Across its stage stride the great figures of the first half of the 16th century and whilst it deals with events so long ago it resonates with a more modern agenda as if to say "these are not just things of the past, all this is still relevant today." This is a well-written book whose words flow and capture your imagination. It is like a drug - you can't put it down. The pace is constant yet there are moments of peace and calm. There are also moments of horror and earthly brutality. It begins with action, men fleeing from the bloody weapons of a conquering army. We feel the adrenalin pulse, the breath painful in our chest. Panic and fear. It ends in a calm, civilised room, warm and luxuriant, over a cup of coffee.This is a great book.

  • Cristina
    2019-01-06 13:07

    Recensione fatta a fette e a fatti.Sia chiaro che trattasi di recensione sarcastica e umorale. Non conosco i Wu Ming, l'editore e nemmeno l'editor che sono qui totalmente e completamente inventati e frutto della mia fantasia.L'Editore ai Wuminghi...Bel nome Wu Ming, ma che come mai vi chiamate correttore Wu Ming?Beh, veramente noi saremmo il Collettivo Wu Ming. Si, insomma, siamo cinque, non uno, come dire, l'unione fa la forza, l'apporto del singolo alla forza del gruppo, le esperienze di ognuno di noi arricchiscono l'insieme..Mah, a mio parere una volta divisi gli utili dei diritti d'autore più che arricchiti sarete impoveriti.Ah, si. Già che ci siamo, noi non crediamo nel diritto d'autore, siamo fermamente convinti che i libri debbano girare liberamente. pensavamo di permettera a tutti di scaricarsi i file...L'editore cambia improvvisamente colore, virando al blu. Cerca di slacciarsi il colletto e comincia a tossire. Dopo qualche minuto di tosse nervosa cade riverso al suolo.Interno di un ufficio al 198esimo piano della Casa editrice, un paio di mesi dopo. Questa volta i Wu Ming sono a cospetto dell'editor.Editor ai Wu Ming.Con me niente scherzi. La storia dei diritti d'autore con me non attacca. E poi il sig. Editore c'ha quasi lasciato la buccia con la vostra uscita. Il cardiologo ha detto che lo hanno preso per i capelli.E infatti con sta storia dell'infarto è riuscito a convincerci a usare uno pseudonimo, pure inglesizzato, che vende meglio dice.E c'ha raggione, il sig. Editore, si sa che in italia lo straniero vende meglio. Comunque basta perde tempo parliamo del vostro libbro. Bel mattonazzo, a proposito. A portarmelo in giro m'è venuta la sciatica, m'è venuta. Avete scommesso a chi scrive più pagine? Non è che vi pagano un tanto a parola eh!I Wu Ming tacciono, ma l'occhio destro di WM1 comincia a tremare per un tic.L'editor prosegue, incosapevole.Oh, bello è bello. E pieno di informazioni. Tocca leggerlo con l'Enciclopedia Britannica aperta vicino ma scorre, và. Ma è tutto vero? Vero vero, intendo. Sto Martin L'utero, è esistito davvero?WM2 ha uno spasmo nervoso. WM3 lo accompagna fuori, con una scusa.Sarebbe Martin Lutero (WM4 mette molta enfasi sul cognome), e si, a parte il protagonista e il suo antagonista sono quasi tutti personaggi veramente esistiti. Abbiamo fatto una ricerca certosina, analizzato testi storici, verificato fonti, siamo orgogliosi del nostro lavoro.Certosino? Che centra il formaggio ora? (WM4 cerca disperatamente una via per fuggire dall'ufficio. Cerca disperatamente le scale antincendio, ma non ve ne sono. Lanciarsi di sotto non pare opzione praticabile) Comunque tutta sta Storia è pesante, dopo un pò. Pagine e pagine di citazioni, nomi, fatti. Che palle! Sangue e merda ci vuole. Su su. Tagliate 300 pagine di dati e metteteci dentro più sangue e più merda. E gnocca. La gnocca va sempre bene. Ah, anche i soldi. Si sa che gnocca e soldi fanno girare il mondo. Sta roba religiosa, bella bella, ma già ce la ficcate nella prima metà del libro, la seconda voglio gnocca e soldi. E nalla prima parte, più sangue e più merda, ok? Vi rivoglio qui tra un mese con le bozze corrette. Su su, fuori, che ho l'autore di Rovente passione che mi aspetta.Usciti dall'ufficio WM1-4 devono trattenere WM5 da schiantare il cranio sulla parete.Dopo questa recensione pregna di significati, corro a leggere il rimanente 40% del libro.Segue recensione seria, se mai mi andrà.

  • Hilda
    2019-01-15 09:08

    Este libro me ha encantado por su audacia y precisamente por la misma complejidad de la que algunos lectores se quejan. No cualquier lector puede hacer frente a la multitud de personajes que se presentan brincando de un tiempo a otro. Desconcertante al principio y exigiendo nuestra atencion y concentracion, "Q" es un libro delicioso que nos invitar a ir construyendo la trama y su historia, pagina a pagina, hasta aquella en la que todo queda claro y con suspiro de admiracion, se agradece enormemente la aventura que los autores nos han ragalado !

  • Valetta
    2019-01-16 13:15

    Non voltarti indietro, non rimanere prigioniero della tua storia. Prendi il mare, recidi le cime che ti inchiodano a terra, tieni la mente a prua e salpa. Salpiamo. Un mondo finisce, un altro comincia, è questa l'Apocalisse e noi ci siamo in mezzo.Questa è una storia di combattenti, sognatori e rivoluzionari, di grandi ideali, cocenti delusioni e speranze perdute, è la storia di un uomo senza nome perché in lui prende forma quello spirito di riscatto e ribellione che periodicamente riaffiora in ogni popolo ad ogni latitudine, prontamente soffocato dai rigurgiti autoritari ma pronto a risorgere e attecchire in un nuovo mondo e in una nuova epoca. Questa è la storia di un Europa in fiamme, percorsa in lungo e in largo da un fuoco riformatore che sembra inarrestabile, acceso dalle tesi di Lutero contro le indulgenze papali e prontamente ravvivato da nuovi riformatori non appena la prima fiammata sembra spegnersi sotto la coperta soffocante delle autorità politiche e ecclesiastiche che con abilità riescono a incanalare nelle proprie rigide gerarchie ogni anelito riformatore. "Omnia sunt communia" , tutte le cose sono comuni, predica il visionario Thomas Muntzer trascinandosi dietro un esercito di idealisti e contadini destinato al massacro ma non all'oblio perché il loro messaggio di rivolta verrà raccolto e diffuso dai reduci e usato per dare il via a nuove predicazioni, nuove rivolte fino all'eresia anabattista e alla follia suicida di Munster. Il nostro eroe senza nome partecipa ad ognuna di queste avventure vivendo ogni volta la cocente delusione di vedere i propri sogni andare in fumo, annientati da un nemico che sembra essere sempre un passo avanti, mentre pian piano si fa strada in lui il sospetto del tradimento, il dubbio di un nemico invisibile che da sempre lo accompagna nelle sue avventure distruggendo le sue aspirazioni e i suoi affetti. E' lui, Q, emissario del potentissimo cardinale Carafa, la mano nell'ombra, il motore di ogni evento, il fedelissimo servitore dell'ordine costituito, un servitore così devoto alla causa da non rendersi conto di non esistere più se non in funzione di essa, tanto che anche di lui non conosceremo che il soprannome con cui si firma. La storia di questa spia inafferrabile si incrocia più volte con quella del nostro protagonista dando il via ad una incessante caccia all'uomo che movimenterà tutta la seconda parte del romanzo trasformandolo in un'appassionante spy-story. Così come questo libro è denso di personaggi ed eventi, esso è altrettanto ricco di possibili interpretazioni, alcune più o meno implicitamente confermate dagli stessi autori, altre lasciate più alla diversa sensibilità di ogni lettore. E' indubbia la critica di ogni forma di autoritarismo, l'esaltazione di un ideale di lotta per far sì che i propri diritti vengano rispettati, una condanna dell'atteggiamento repressivo tenuto dalla Chiesa Cattolica nel corso dei secoli ma ancora si dibatte se il messaggio finale sia un messaggio di rassegnazione e disillusione o se al contrario i capitoli finali non esaltino un atteggiamento di speranza e perseveranza. Personalmente propendo per la seconda interpretazione ma, al di là di tutto questo, credo sia opportuno per prima cosa affrontare Q come un gustoso, appassionante romanzo storico il cui unico difetto, almeno a mio parere, è l'eccessiva lentezza dei primi capitoli che sembrano più un asettico resoconto da libro di storia e faticano a coinvolgere il lettore nelle vicende narrate. In effetti statisticamente pare che i primi capitoli mietano numerose vittime, soprattutto tra coloro che hanno crisi epilettiche solamente a nominare la Storia, ma garantisco che vale proprio la pena di resistere e gustarsi ogni passaggio con calma. Infine, per quanto riguarda la volgarità di cui si sono lamentati alcuni lettori, forse ero troppo assorbita dalla storia o forse sono proprio rozza io, ma l' unico commento che posso fare è : "non pervenuta".

  • Tintinnabula
    2018-12-29 07:54

    La mia opinione su questo libro può essere riassunta in: l'ho trovato un ottimo romanzo storico. Se poi vogliamo proprio addentrarci nei dettagli, non gli ho dato 5 stelline perché è troppo rocambolesco per i miei gusti (e in particolare nell'ultimo terzo circa del libro il protagonista dai mille nomi diventa un Rambo anabattista). Mi sono molto vergognata della mia ignoranza sull'argomento, e libri come questo mi piacciono anche perché mi invogliano a informarmi. Altra piccola pecca: le lettere di Q. che a volte erano lunghissime e piene di nomi.

  • Cphe
    2019-01-03 05:17

    Other reviewers have already addressed the plot of the novel so no point in my reiterating. This is a novel that is vast in scope and whilst filled to the brim with historical detail and events it is also a mystery. Two antagonists who circle each other over the span of thirty years, each fighting for their beliefs. This is a complex and convoluted novel and I had difficulty initially until I had some further understanding of the period.I would have liked to have rated it higher simply due to the ambition of the novel but for this reader the delivery wasn't always smooth. Sometimes I found myself falling into the story and then would be jarred out. In the first part the use of modern day words, i.e "pal", "mate" I found jarring and they didn't gel with the story/ times depicted. However I loved the vastness of the novel, I haven't read anything of a similar vein. Loved the machinations of the characters and felt that although somewhat initially disappointed with the ending I felt on reflection that it was fitting.

  • Christian, Kelanth, Scala
    2018-12-28 09:16

    Questo libro è semplicemente fantastico. E devo dire che qui c'è un grosso rimando a tutti noi "Omnia sunt communia!", tutte le cose sono di tutti. E' molto difficile fare una recensione ad un libro così. Non è solo un romanzo storico, estremamente ben documentato, pieno di vicende e di personaggi, guerre, passioni, amore, morte. Questo è un "omina" del tutto, attraverso 40 anni di storia (questo è l'arco temporale racchiuso in questa opera) potrete vedere con i vostri occhi la storia. Non fatevi scoraggiare dalla prosa e dai continui flash-back, tenete duro e anche voi potrete dire "A Noi rimane il Mondo". Imperdibile.

  • Baxevanidou Faye
    2018-12-29 07:01

    3.5 * Ωραίο θέμα ενδιαφέρουσα πλοκή αλλά θα μπορούσε να είναι 300 σελίδες μικρότερο

  • Jos
    2018-12-31 12:54

    Q tells the story of a Forrest Gump of the reformation age. We never learn the real name of this unsung hero. He's an anabaptist, representing one of the radical arms of the reformation. Whenever something crucial in early anabaptism happens, he's present: Müntzer's peasant upheaval, the synode of the martyrs in Augsburg, the tragedy of Münster in 1635, Jan van Batenburg's apocalyptic riders, Eloi Pruystincks early libertarian commune. He changes identities but is always in the middle of the action - usually everybody else gets killed and only he survives the atrocities. As he gradually discovers, there is a secret adversary only known by the name of Qohelet (preacher), a papal spy who manages to foil all efforts of the anabaptists from within. He's working for Gianpietro Carafa, the head of the Roman Inquisition and later pope Paul IV. Via Basel, our Forrest ends up in Venice for the final showdown with Q, aided by Portuguese sephardim. There, things don't turn out as expected.The protagonist is driven by a lust for a self-determined life, not any sense of a spiritual mission. The papal spy is working on the mission of Carafa to maintain the fundament of the catholic church through the reformation. The fundament is fear of god which is threatened by protestantism and it's central principle "sola fide", i.e. the justification by faith alone.The whole book offers an irritating point of view for somebody who is used to lutheranism as the driving force behind the reformation in Germany. In Q, Luther is rather part of the establishment and the papacy is instrumentalizing him against the more violent arms of the reformation as well as to curb the ambitions of the emperor Karl V. Here, the anabaptist movement is the focus of the story. They are mostly militant and form the left wing of the reformation. They advocate the renouncement of private property, a liberal sexual moral and most of all don't accept any profane government. The true evil force in Q are the ones who pull the strings behind the scenes: beside the inquisition these are foremost the bankers represented by the Fuggers.This leads to the message of the book. It's authored by an anonymous Italian collective named Luther Blissett. Even before reading the book my assumption was that they want to convey that things can change on a broad level. The reformation of the church in the 16th century is a symbol for a possible change of society in the 21st century, which the authors seem to deem necessary. When the power of the Fuggers is introduced,this message becomes even clearer. It's a plea against globalization today. I would assume that the authors joined the Occupy movement later.While the development of anabaptism in 16th century Germany seems an odd choice for Italians to write about, the theme hits a home run for me, as the upheaval caused by reformation and culminating in the thirty-years war hundred years later is my favourite historic period. This carries the novel for me in spite of political messages I don't share and neglecting two central heroes which are larger than life and completely unbelievable. I enjoyed it as a historical thriller, a genre I normally don't read anymore. Considering this, 3 stars is a good rating which could have been better if the characters had been a bit more human and average.

  • Amaranta
    2019-01-15 12:06

    Questo libro mi aspettata. L’ho comprato molto tempo fa e c’era sempre un motivo per rimandarlo, non leggerlo e farlo scorrere in fondo nella fila dei pazienti che attendono che io mi decida. Mi aspettavo un libro completamente diverso, lento, pesante, difficile da seguire, ma che alla fine avrebbe dato le sue soddisfazioni. Ho trovato tutt’altro. Il ritmo è velocissimo fin dall’inizio, concitato in mezzo alle battaglie, tanto da dare la sensazione al lettore di essere proprio lì in mezzo, e di dover scansare qualche colpo. L’azione è rapida. Il viaggio prosegue sostenuto, sia fra le lettere che sul campo. Si potrebbe riassumere dicendo che è una ricostruzione ben fatta del periodo della Riforma di Lutero che tocca un po’ tutti gli stati dell’Europa e che arriva fino in Italia, attraverso un giovane studente guerriero, ma così non si renderebbe onore al libro. Il nostro eroe è un uomo senza nome o con tutti i nomi del mondo “chi non ha un nome deve averne avuti almeno cento...e una storia che vale la pena di essere ascoltata”. Combatte arso dalla voglia di cambiamento che la Riforma sembra portare, per sentirsi poi deluso dalla stessa e rivoltarsi contro, contro chi scende a patti per convenienza, affari, interesse. Non ci sta. E si sposta seminando chicchi contro lo strapotere, e morte, e cadaveri. Una sola cosa lo fa ardere. Il suo nemico Q. Quello che all’inizio sembra un romanzo in cui da una parte abbiamo Lutero e dall’altra la Chiesa Cattolica diventa un altro tipo di battaglia, personale, senza esclusione di colpi: la battaglia dell’uomo senza nome contro Q. Si rincorrono, nel tempo e nello spazio e nel frattempo il mondo attorno a loro muta. Scopriremo chi è Q? Più lo lascio decantare più penso che questo sia un libro denuncia che perfettamente si presta a sintetizzare il periodo che viviamo. E considerando le sue origini e la sua pubblicazione credo sia un libro sottile e potente come pochi.“ In questa vita ho imparato una cosa sola: che l'inferno e il paradiso non esistono. Ce li portiamo dentro dovunque andiamo”.

  • Bettie☯
    2019-01-10 07:09

    Bettie's Books

  • Elle
    2019-01-12 07:05

    “Noi solchiamo i meandri della storia. Noi siamo ombre di cui le cronache non parleranno. Noi non esistiamo”.Q è uno di quei libri che ti si imprimono nella mente. Q è uno di quei libri che ti lascia dentro qualcosa. Q è uno di quei libri che non finiscono quando volti l’ultima pagina, ma continuano a perseguitarti per giorni: frasi, personaggi, luoghi. Mi capita spesso di provare a immaginare quella Venezia di metà sedicesimo secolo così com’è descritta nel libro, quella città che era il centro del mondo e degli affari e che ospitava centinaia di lingue e di culture diverse. A volte potrei persino giurare di averla vista davvero.Ripenso a Münster e a com'è finita, ripenso a quella frase: “Quello fu l’ultimo ordine del Capitano Gert dal Pozzo”.Non so di preciso perché, ma questa frase mi ha spezzato il cuore. Anzi, in realtà lo so: è perché rappresenta la sconfitta in una guerra per una giusta causa, un sogno infranto, la fine di tutte le speranze e la fine dell'ennesima vita.Q è uno di quei libri che raccontano mille storie in una sola storia, che in questo caso è la storia di un solo uomo che ha vissuto mille vite: Gustav Metzger, Lucas Niemanson, Lienhard Jost, Gerrit (Gert) Boeckbinder, Lot, Hans Grüeb, Ludwig Schaliedecker, Tiziano, Ismael Il-Viaggiatore-Del-Mondo.La storia del grande eretico dai mille nomi inizia con l’opposizione di Lutero alla Chiesa romana e si snoda nel corso dei successivi trent'anni, anni fatti di guerre e di battaglie, anni nei quali si susseguono nomi, luoghi e compagni diversi, dove il nemico nascosto nell'ombra è sempre lo stesso: la Chiesa, il cardinale Carafa e la spia di quest’ultimo, Q, che sembra perseguitarlo e fare a pezzi tutte le sue vite una dopo l’altra, distruggendo amici, compagni e maestri, facendo di lui un sopravvissuto.Ma la guerra di Gert non è stata solo una guerra di religione, perché una guerra di religione non è mai solo una guerra di religione: da una parte c’è il gioco di potere di re, principi e duchi, a contendersi l’Europa; dall'altra c’è Carafa e i cardinali “Zelanti”, roccheforti inespugnabili della cattolicità. E poi ci sono tutti gli altri, poi c'è il popolo. Poi ci sono quelli che hanno combattuto in nome di una causa nella quale credevano, quelli che hanno lottato per la libertà dall’oppressione.“Non mi spaventava sapere che l'avventura si sarebbe trasformata in guerra, poiché sarebbe stata l'unica che sia mai valsa la pena combattere: quella per liberarsi dall'oppressione”.La storia di questo libro e del suo indimenticabile protagonista mi si è appiccicata addosso come pochi: romanzo storico dettagliatissimo e appassionante, scritto in maniera magistrale.Q è uno di quei libri che, quando li finisci, sei felice di averli letti.“Non rinnegare mai a te stesso ciò per cui hai combattuto. La sconfitta non rende ingiusta una causa”.

  • Jfk
    2019-01-18 12:18

    Recommending this book to me was perhaps the high water-mark in Justin's life. He has neither before nor since done a single thing worthy of note by anyone. This book is eclectic, well-written, beautifully disorganized, and other ridiculous things people say about good books. It is in fact a veritable tour de force.

  • Diletta
    2019-01-12 09:59

    Questo libro. Questo libro è fenomenale. È così pieno, strapieno di volontà, di emozione che ti attanaglia. Non so scrivere una recensione sensata mi spiace. Perché va semplicemente letto e sentito con tutta la forza che si ha.

  • Tiarnan O
    2018-12-22 12:14

    I was surprisingly underwhelmed by this book, a supposed contemporary classic of radical lit/fiction. The jumpy style and narrative bear witness to the multiple authors, with a lack of overall thematic coherence and plot tightness. The characters are two-dimensional, including the protagonist, and very rarely are we moved to identify with any of them. Nor are we given sufficient descriptive detail or contextual political-theological information in order to fully comprehend the stakes of the struggles at the heart of the text between the radical Protestant reformers and their orthodox Catholic opponents. There are long stretches of the book that really don't go anywhere, with most of the book relying on a tiresome formula of, "protagonist arrives in location, meets flimsy supporting cast, carries out theological agitation, is persecuted and flees to next backdrop location". While it is understandable that the un-named protagonist is constructed as a cipher for the reader's own engagement with the themes of the text, there is no excusing the crappy characterisation of the supporting personalities - the female characters in particular are portrayed in a manner that would fail the literary equivalent of a Bechdel test. Maybe this worked better at the original time of release, at the height of the 'alter-globalisation' movement of summit-hopping super-protestors (an assessment I believe the authors are sympathetic to), or maybe it's a 'lost in translation' question as regards certain Italian (or wider 'continental') radical tropes that are being critiqued or interrogated. Either way I didn't get it.There were certain redeeming qualities - great action scenes, key politico-theological issues of the Reformation were at times tackled really well, and immensely detailed description of the European cities of the early modern era. The revolt and siege of Muenster are brilliantly depicted, a fantastic middle section of the book that almost redeems the baggy second half. It's a shame, if the book was cut to a sixth of the size (it's 600+(!) pages long for what is basically an extended political metaphor) it would be an immediate 5 star rating. Read if you have the spare time or a keen interest in the relevant subject matter (Early Modern Europe, the radical Reformation, history of communism) - otherwise, avoid.

  • Doris
    2019-01-03 06:57

    Things I liked about this book:- the team of writers has done an amazing lot of research and must have peeped into quite some historical documents to be able to write in such a detailed way. This is also reflected partly in the language. - I learned a lot about a part of history I did not know much about before. What happened in Middle Europe from 1500-1550? Plebs vs. Pope, farmers vs. princes, the Catholic Church vs. various sects... An interesting setting and an interesting time period. Things I did not like: - Generally, I am not into fat books. 800 pages - come on! Plus, it was hard to get into the reading process because we are leaping in time from the beginning on. - The first-person narrator is somehow psychologically dubious. Most people would be traumatized after the first experiences of battle, torture and war. Not him! He will never stay out of any event that might be historically significant. Obviously, the reader is to experience the entire social and religious history of the first half of the 15th century through his eyes. So we follow him through battles and following several religious trends, a baptism here, the Fuggers there... It all seems a bit too much for one single life. - The women figures are not worth mentioning. They are either prostitutes, nuns, helpless victims of rape, devoted companions of preachers, or rich sponsors for some cause. It felt they were far more sketchy than the male protagonists. - The central thrilling question "Who is Q?" loses its power after about a third of the novel. - I'm not a fan of violence; there sure is a lot of it in this book, though. - I had expected "Q" to be a novel in Zinn's sense of "people's history". It starts out in this sense, but in the end, it turns out to be about the struggle of the powerfull - once more. To sum up:- Too long, psychologically questionable, no thriller qualities, but amazingly well researched and dealing with an interesting part of European history.

  • Arwen56
    2019-01-15 06:56

    Un’accuratissima ricostruzione storica, che accompagna il lettore dalla riforma protestante sino alla pace di Augusta. E’ inutile che vi prendiate la briga di verificare: è tutto reale, a parte alcuni personaggi secondari che fanno parte, per così dire, della cornice romanzesca, che sostiene e costituisce la struttura su cui si regge la narrazione. In pratica, i vari “Renzo e Lucia” della situazione presa in esame. Ed è proprio qui che la storia zoppica abbastanza e soddisfa poco, perché sono personaggi non troppo curati e, direi quasi, abbozzati controvoglia, proprio perché non se ne poteva fare a meno. Con un’unica eccezione, Pietro Perna: omarino ben tratteggiato, sia nelle caratteristiche fisiche, sia nel modo di esprimersi e di comportarsi. Non lo definirei proprio un capolavoro, come hanno fatto in molti, ma un’opera più che interessante cui accostarsi certamente sì.******Ottavo GdL della “Stamberga dei lettori” - BPrima settimana, giovedì 1 agosto 2013 - mercoledì 7 agosto 2013: Prologo + Prima parteSeconda settimana, giovedì 8 agosto 2013 - mercoledì 14 agosto 2013: Seconda parte (fino a L'occhio di Carafa 1532-1534)Terza settimana, giovedì 15 agosto 2013 - mercoledì 21 agosto 2013: Seconda parte (capitolo L'occhio di Carafa 1535), Terza parte (fino a "Il diario di Q")Quarta settimana, giovedì 22 agosto 2013 - mercoledì 28 agosto 2013: Terza parte (fino alla fine)

  • Colleen
    2018-12-26 07:13

    This book covers the era when Martin Luther nailed up his criticism of the corruption of the Catholic Church, the early 1500's. It was a time when the peasants started to protest their treatment by the brigands, who called themselves nobles, and the torturers who maintained moral and civil law, who called themselves the Church. The entire book is written from the point of a young university student who must change his identity every time he gets in trouble with the two power factions running Germany. The story is very gritty. You are there in the mud and cold fighting local louts outside the inn where you've been drinking. You are stunned to find out the nobles know what your fighters are up to and have arrived with cannons. You gradually figure out there is some very clever traitor giving away your friends' secret plans and no matter where you run he's following you. You find paradise on earth in a commune in Holland where the pretty girls sleep with anyone, even you, a tired old man at 40. The story goes on and on and you have no desire to see it end. It's expertly written, enthralling. The book bounces around between the letters the traitor writes to a supremely evil ambitious cardinal and the attempts of the hero to fight this system of subjugation city by city, farm by farm. Read it.

  • Barry Mann
    2018-12-28 10:15

    Although this is the second time I've read this book I couldn't recognize any of the story, which is a surprise as it is a brilliant and thoroughly enjoyable read. Set 500 years ago the story is basically about the reformation and the interactions of two men on opposite sides of the religious divide, but the book has more depth than the Pacific Ocean and covers topics from (apart from the obvious religion): Capitalism and Communism; the power of the banks over the ruling powers, not least of which is the Catholic Church; and the subjugation of the lower classes, and I found myself wanting to read up on various aspects of that era; you could read this book a thousand times and still find interesting subjects you missed during subsequent readings. Though the main topic is religion the political intrigues and power struggles between religion and state are fascinating even to a devout atheist like myself. I will probably read it again, though not this year. I loved this book and would highly recommend it to anyone who likes to get more out of their novels than just the basic story.

  • the gift
    2019-01-20 12:23

    if you like eco’s name of the rose, you can think of this in comparison as a street-level political thriller rather than a philosophical murder mystery. i love both books. this is notably easy to read in short paragraphs and chapters, but very long, multi-voiced, similar to moby dick. i do not know the details of reformation history but this work seems credible, and it is fascinating that four writers wrote it: everyone had their special realm of expertise, everyone must have collaborated with how it goes, but it is whole and moving rather than confusing or dispersed. i will read this again...

  • Fabio Bertino
    2018-12-20 12:14

    Talmente bello che vorrei che Goodreads avesse una sesta stella...