Read Quer pasticciaccio brutto de via Merulana by Carlo Emilio Gadda Online

quer-pasticciaccio-brutto-de-via-merulana

"Oh, gli occhi! Dove, chi guardavano? Il volto... Oh, era sgraffiata, poverina! Fin sotto un occhio, sur naso!... Oh, quel viso! Com'era stanco, povera Liliana, quel capo, nel nimbo, che l'avvolgeva, dei capelli, fili tuttavia operosi della carità. Affilato nel pallore, il volto: sfinito, emaciato dalla suzione atroce della Morte"Dal più celebre "giallo" della letteratura"Oh, gli occhi! Dove, chi guardavano? Il volto... Oh, era sgraffiata, poverina! Fin sotto un occhio, sur naso!... Oh, quel viso! Com'era stanco, povera Liliana, quel capo, nel nimbo, che l'avvolgeva, dei capelli, fili tuttavia operosi della carità. Affilato nel pallore, il volto: sfinito, emaciato dalla suzione atroce della Morte"Dal più celebre "giallo" della letteratura italiana non verremo mai a sapere chi è il colpevole: come tutti i romanzi di Gadda, infatti, anche il Pasticciaccio è incompiuto, coerentemente con la visione del mondo dell'autore, che concepiva la realtà come un aggrovigliatissimo "garbuglio", tragicamente impossibile da dipanare per giungere a possederne un qualsiasi bandolo. Ma se la verità è negata, non ci si può comunque sottrarre alla ricerca, all'esercizio dell'intelligenza e dell'ironia, all'illusorio ma suggestivo esorcismo della nostra sostanziale incapacità di conoscere.Intelligenza e ironia non fanno certo difetto al commissario Ciccio Ingravallo, il quale nella fascistissima Roma del 1927 si trova a indagare su un delitto che coinvolge le sue amicizie e anche i suoi segreti affetti. Convinto seguace del dubbio programmatico, nutrito di testi filosofici molto amati, questo singolare poliziotto molisano si muove tra labili indizi e improvvise scoperte che complicano vieppiù, anziché semplificare, il quadro delle ricerche. E lo fa nella consapevolezza dell'inutilità dei suoi sforzi di mettere ordine in un contesto insensato, cui corrisponde drammaticamente l'insensatezza della storia, e del regime sciagurato che gli è toccato in sorte di dover servire.Pubblicato nel 1957, ma già parzialmente scritto fra il 1946 e il 1947, il romanzo è uno dei capolavori assoluti del nostro secondo Novecento, che si avvale di una lingua ricchissima e composita, ove dialetti centro-meridionali e italiano letterario si fondono in una miracolosa miscela espressiva, e che confermano l'indiscutibile preminenza - finalmente riconosciuta dai più - di Carlo Emilio Gadda nella letteratura europea del XX secolo....

Title : Quer pasticciaccio brutto de via Merulana
Author :
Rating :
ISBN : 9788481305425
Format Type : Hardcover
Number of Pages : 256 Pages
Status : Available For Download
Last checked : 21 Minutes ago!

Quer pasticciaccio brutto de via Merulana Reviews

  • Barry Pierce
    2019-02-04 19:43

    This novel is the perfect example of "lost in translation". Nearly every page has a footnote which has to explain a joke that doesn't work in English or tell you that Gadda is basically subtweeting Mussolini here. I'm sure in its original language this novel is a masterful critique of Italian politics that inspired both Calvino and Pasolini. However, in English, this novel is like walking into a joke and only hearing the punchline.

  • Tony
    2019-01-29 19:26

    We are introduced to Don Ciccio in the opening sentence. His real name is Officer Francesco Ingravallo, a homicide detective in 1927 Rome. So we know immediately that someone will be murdered anon and that Don Ciccio will be tasked with solving the crime. But this will not be classic noir and Don Ciccio would not be recognized by readers of P.D. James, nor by viewers of The Pink Panther. He is neither buffoon nor super-sleuth. Though young as detectives go, and envied, he mostly seems tired. He is only called when there is a mess. Remember: this is 1927 Rome. There is a mess.Yes, Don Ciccio knows: The apparent motive, the principal motive was, of course, single. But the crime was the effect of a whole list of motives which had blown on it in a whirlwind (like the sixteen winds in the list of winds when they twist together in a tornado, in a cyclonic depression) and ended by pressing into the vortex of the the crime the enfeebled "reason of the world."So, yes, Liliana gets her neck slashed, a day or two after a nearby robbery, and there is no dearth of suspects. But this is the Mess the author wants to talk about:Relics of an age dissolved into the void, with its frivolities, and its clichés, and its condoms, and its Masonic screwing around. The knife, in those years--the dear old knife beloved of every cowardly killer and smalltime gangster, the criminals and traitors, the weapon of the torturous alleyways, the pissed-on back streets--seemed truly to have vanished from the scene, never to return: except on the paunches of the new, funereal heroes, where it was now displayed, gloriously drawn out, nickel-plated, or even silver-plated, spare genital. Now the new vigor was in power, of Lantern Jaw, the bowler-hatted Death's Head, the Emir with black fez, and with plume, and the new chastity of Baroness Malacianca-Fasulli, the new law of the rods tied in a fascio. Who would ever believe that there were thieves, now, in Rome? With the humorless turkey cock in Palazzo Chigi? With Fererzoni, who wanted to clap in jail all the neckers from Lungotevere? Or everybody who did some kissing in the movies? All the randy dogs of the Lungara? With a Milanese Pope, and a Holy Year just two years before? And with the fresh brides and grooms? With the fresh chickens crowing all over Rome?'Lantern Jaw' did not kill Liliana, but you know who he is, in the mess of 1927 Rome. We are never told his real name, but Gadda offers more references, like Autarch Jawbone or just Jack-ass, or 'Papa, Pappy, the great Aleppo, the Omnipresent, who was, on the contrary, the Omnivisible pig, hailed savior of Italy.'So it's a murder mystery but it's really about other stuff. But long after I stopped caring who killed Liliana and wanted to quit playing the Guess the Allegory Game, I was still entertained by the writing.Fans of Joyce might like this kind of telling:From what Di Pietrantonio's auricular diligence managed at last to salvage from the shipwrecked text (the receiver's crackling and the line's inductance sonorized the message: various interferences, an urban crossed line, laced it with chatter, tormenting reception), it seemed more or less that the uncautious Enea Retalli or Ritalli, sive Luiginio (but obviously Luigino) had taken the scarf to be dyed . . . thirty-six quintals of Pamesan! Heddo, who's sbeaking? shipped yesterday from Reggio Emilia . . . Lieutenant-commander Racace here. Heddo? Heddo? . . . Abmiradal Mondeguggoli's house! The Bavatelli Shipping Company from Parma, yes, by truck . . . carabinieri headquarters, Marino, we have precedence. Thirty-six quintals, yes, three trucks, left at ten o'clock yesterday. No,the condessa's in the hospiddle . . . in the hordpiddle, visidding the admiradal . . via Ora-zio! Yes, sir. No, sir. I'll ask. Police here, we have precedence, Rome Police Headquaters. Get off the line. Thirty-six quintals from Reggio Emilia, Parma-type cheese, absolutely first-class! The admirabdal was obberadated on Monday: gall-bladder: bladder. Yes, yes, sir . . . no, sir, no . . .How about this sketch:La Zamira, for it was truly she, so disheveled and ungirt, pushing a broom, preceded by a conspicuous cluster of domestic fluffs and straws and indefinable rubbish, received the two men with the salivary lubricity of her professional smile and the peasant falsity of her gaze. The resultant grimace, made livid by the window and the uncertain whiteness of the weather, then kindled by a sudden dart of the sun was meant to disguise as extremely welcome this most unwelcome visit.'Chauffeur' is rendered showfurr, kind of an inside joke, because Fascist nationalism was banishing foreign words from Italian usage.Lastly, there is a character named Lavinia who figures prominently enough in the story. While not called Aunt Lavinia, I believe she has a nephew. Which makes her the third AUNT LAVINIA I've read about this year. Which: a) is a whole lot of Aunt Lavinias; and b) I think conclusively proves there's something spooky going on here!

  • Giò
    2019-02-10 16:19

    Lasciate perdere le prefazioni, le postfazioni e gli studi di Contini e soci. Ignorate gli articoli di Citati e Pasolini. Fregatevene di chi analizza il Gadda caleidoscopico, barocco e modernista. Ma leggete questa meraviglia; potete anche solo aprire il libro a caso e leggerne poche pagine per rimanerne stregati. E poi qualcuno insiste a dir che gli ingegneri sono aridi!

  • StevenGodin
    2019-02-13 17:17

    There was indeed an awful mess on the Via Merulana, unfortunately, for anyone living outside Rome's protective bubble, there is also a bit of mess, with Gadda's writing. In fact, those who don't reside in Italy as a whole will find huge lumps of this almost unreadable.A novel about Rome, for Rome (unless you know your way around it intimately) but written by a non-Roman, Carlo Emilo Gadda, a Milanese native who is closely associated with the bourgeoisie of milan, writes mostly in Roman dialect, mixed with a brand of folk expressions, artistic, philosophical prose, historical quotations and leading Italian figures (Mussolini is used in reference to a lot of the dialogue) that he alters and plays around with, even the slightest details get blown up in epic proportions, capturing the small moments, that are then enlarged onto a massive canvas. Even worse is that the novel along with most of Gadda's writing was left incomplete. If this sounds a complex web of balderdash, it unequivocally is!. Translator William Weaver, who has worked on the likes of Umberto Eco and Alberto Moravia, says it's up to the reader to interpret the meanings of where things get tricky, safe to say it gets tricky a lot.But though the unequivocal lather, there are some clearer waters, and a story to be told...Two crimes, a burglary (jewels stolen), and a horrendous murder (a lady has here throat cut) take place in the same apartment block on the Via Muralana, the victim, Signora Liliana Balducci is desolate at not being able to have children, and had this obsession with infertility, (her back story is told in places) called in to head the investigation is grumpy detective Ingravallo, a close friend of the deceased husband and also her admirer.There is an investigation, many people are questioned, and Ingravallo carries himself around under a grey cloud most of the time. but I don't want to fool anyone thinking this falls into the crime genre because much of it's concept lies in the study of Rome, it's seething melting pot of life, from the upper classes, to the underworld, Gadda wants us to to forget about who is murderer and it's reasons, and focus more on the city, as let's make no mistake, Rome itself is the protagonist here.Some have compared Gadda with James Joyce, I would would compare him with the free verse writings of someone like Pier Paolo Pasolini, in fact Pasolini was a big fan of the novel, so was Moravia, and also Calvino (who wrote a thorough introduction), that's understandable, they were, after all Italians!. Considering Gadda had the most awful upbringing, was captured by the Germans in WW1, and where he also lost his brother, the novel does have a light scattering of satire and humor (mainly aimed at the police), but any amusement on the whole feels bone dry, like a mouth full of sand.But I have to say that this work still impresses me, it's certainly different, it may be difficult, and without William Weaver adding footnotes for non-Italians (which seem to appear more often than not) god knows where that would leave us, as vast parts of the narrative are taken up by native Roman's who speak the city's expressive dialect, the contorted bureaucracy of officials, the euphemisms of the press, and the colourful way Gadda portrays the vendors and markets of Rome with deep expression.Gadda also likes to go on the attack whenever possible, considerably having a pop at Mussolini's reign of terror, this again plays a huge role in Gadda's direction, notoriously painting fascist era Italy in all it's vulgarity. Sadly the first version of the novel came in installments in 1946 but the author suppressed it's final chapter when fully published in 1957. As this was never intended as a fully blown who-done-it, Gadda may take away the meat, but does leave superior bones.3.5/5

  • Cosimo
    2019-01-22 20:34

    Gli affari tenebrosi“Perché Ingravallo, similmente a certi nostri filosofi, attribuiva un'anima, anzi un'animaccia porca, a quel sistema di forze e di probabilità che circonda ogni creatura umana, e che si suol chiamare destino”.Un romanzo poliziesco, ma anche un romanzo filosofico, scrisse Calvino introducendo il Pasticciaccio: basato sulla concezione che non si può spiegare nulla se ci si limita a cercare una causa per ogni effetto, perché ogni effetto è determinato da una molteplicità di cause, ognuna delle quali a sua volta ha tante altre cause dietro di sé; dunque, continua Calvino con un'immagine intensa, ogni fatto (per esempio un delitto) è come un vortice in cui convergono correnti diverse, mosse ognuna da spinte eterogenee, nessuna delle quali può essere trascurata nella ricerca della verità. Conoscere per Gadda è inserire alcunché nel reale, è, quindi, deformare il reale; scrivere per inseguire quella perenne deformazione chiamata essere vita, nel suo donchisciottismo: vita, ombra deforme del vero, gola infernale dell'eternità. Ma il Pasticciaccio, innervato da una simbologia bipolare verità-menzogna, valore-disvalore, logos-eros, è anche un romanzo su Roma, rinascimentale e barocca, stracciona ed eroica, estroversa e inconscia, borghese e malavitosa e mitica e plebea, in uno stregonesco e terreno inferno, dove l'autore mette in gioco una partecipazione fisiologica, un appetito di realtà smisurato, il disegno di un destino come sistema di forze e di probabilità appunto: un mondo-conoscenza che è “nodo o groviglio, o garbuglio, o gnommero, che alla romana vuol dire gomitolo”. Gadda si serve di un pastiche linguistico che è amalgama di espressioni popolari e dotte, monologo interiore e prosa d'arte, dialetti e citazioni letterarie. Scrive ancora Calvino che Gadda vuole rappresentare ”il ribollente calderone della vita, la stratificazione infinita della realtà, il groviglio inestricabile della conoscenza”. In uno stile dove il grottesco è necessario e la parola ha tanta tensione simbolica e analogica da svilupparsi in un uso spastico della lingua, la materia romanzesca di Gadda è “pensiero materiato”, come scrive Roscioni: enumerazione, catalogo, smontaggio, provvisorietà, vibrazione, meraviglia e orrore sono elementi costruttivi del racconto e tutto nella sua narrazione enciclopedica è polivalente e multilaterale, la realtà e la natura sono ritratte in prospettiva rovesciata, in un gioco carnevalesco di differenze semantiche indefinite; ogni cosa segue l'istinto della combinazione. Gadda scrive in maniera alchemica, secondo un'ossessione del duplice, negando i dati dell'esperienza, eccedendo nella teatralità delle connessioni, descrivendo un pulsare delle cose irretite in se stesse, grazie a un uso sapiente e eclettico di elisione, allusione, paradosso, ossimoro e metafora. Arruffio, babele, baraonda, caos, magma, guazzabuglio, imbroglio: un reale refrattario alla sistemazione dove lo scrittore cerca il punto debole, come in una rete che si smaglia verso dimensioni infinite. Ma la Storia è una sola! Be’, sono capaci di spaccarla in due: un pezzo per uno: con un processo di degeminazione, di sdoppiamento amebico: metà me, metà te. L’unicità della Storia si deroga in una doppia storiografia, si devolve in salmo e in antifona, s’invasa in due contrastanti certezze. I personaggi non hanno frontiere, sono atomi disgregati, associazioni di organi compositi, anomali, ineletti, vittime di un male invisibile. Di endemica pazzia. Si smarriscono aspirando riluttanti verso un buio indistinto, un ritorno all'abisso. “La morte gli apparve, a don Ciccio, una decombinazione estrema dei possibili, uno sfasarsi di idee interdipendenti, armonizzate già nella persona. Come il risolversi d'una unità che non ce la fa più ad essere e ad operare come tale, nella caduta improvvisa dei rapporti, d'ogni rapporto con la realtà sistematrice”. Nella sua essenza discontinua, l'io gaddiano si arrende alla difficoltà delle scelte, alla poliedricità dell'esperienza, ma nel mondo robustamente esterno egli crede, cercando di restituirne un dato integro, e per questo si danna, e nella rabbia si vergogna. Ed ecco che la soluzione possibile o un eventuale dénouement liberano l'esito del delitto nelle nere ombre del testo, mentre nella funzione del lettore resta un qualcosa di inspiegato, quel nodo metafisico che dice l'impossibile chiusura di un sistema. “Avea veduto nel sonno, o sognato.... che diavolo era stato capace di sognare?... uno strano essere: un pazzo, un topazzo. Aveva sognato un topazio: che cos'è, infine, un topazio? La marchesa lo voleva lei, il topazio, era sbronza, strillava e minacciava, pestava i piedi, la faccia stranita in un pallore diceva delle porcherie in veneziano, o in un dialetto spagnolo, più probabile. […] E s'era involato lungo le rotaie cangiando sua figura in topaccio e ridarellava topo-topo-topo-topo: […] Fintantoché avvedutosi come non gli bastava a salvezza chella rotolata pazza lungo le parallele fuggenti, il topo-topazio s'era derogato di rotaia”.http://www.gadda.ed.ac.uk/Pages/resou...

  • William1
    2019-02-09 19:30

    The only problem is that the novel is so Italian that the English-language reader's at sea most of the time. There simply aren't enough footnotes. This reminds me of reading Martin Amis's Lionel Asbo: State of England. The problem there was British slang. Half a dozen slang references per page — with all the Googling — made for tough sledding. Same problem with Vladimir Nabokov's Glory. I know a bit about Russian history but not enough to plumb that book in a single reading. So a problematic read due to the many Italian cultural references. May the novel be Penquinized with plentiful endnotes soon.

  • Marica
    2019-02-02 19:36

    L'anello col topaccioQuesto è il mio primo libro di Gadda ed è stata una bellissima sorpresa! Poiché ha fama di essere un autore difficile, me ne ero sempre tenuta lontana, ma l'ho trovato piacevolissimo. Dirò di più: mi fa ridere. E' un libro insolito, che parte come un giallo e tratteggia delitto e commissario. Ma è molto di più: il lato poliziesco risulta poi trascurabile. E' un fantastico documentario nella provincia di Roma dell'anno 1927, a partire dal capo di stato che è una macchietta ineguagliata, passando per la buona società fino al popolo più misero. Ad onor del vero, bisogna dire che la prima bozza dell'opera venne pubblicata nel 1946/47, quando detto capo di stato non poteva più risentirsi.La scrittura di Gadda è uno spettacolo pirotecnico di ironia, sarcasmo, romanesco, citazioni latine, inglesi e dettagli tecnici derivati dalla professione di ingegnere. Gadda doveva essere un grande snob e in effetti le vittime principali dei suoi lazzi sono quelli che affettano modi che non appartengono loro. Bellissimo il furto dell'anello col topazzio (sic), giallazio, ma, meglio, topaccio. Sembra un'assurdità ma mio padre citava una donnina della sua infanzia, abbastanza incolta ma con qualche pretesa, che usava la parola faccioletto. Altre vittime, le madame borghesi e attempate che leggevano la cronaca nera, beandosi dei furti di gioielli con sevizie: soprattutto delle sevizie (brivido erotico). Molto interessante la descrizione del popolo romano e della campagna limitrofa, visitata da Ingravallo nella sua indagine: piuttosto amara quando riguarda le condizioni dei poveri, nullatenenti nel senso letterale del termine: non sapere dove ripararsi, quale sarà il pasto successivo, cosa fare per procurarselo: cucire, prostituirsi, coltivare verdura in un ritaglio di terra, tutte e tre le cose, vestirsi di stracci. Il commissario Ingravallo fa la voce grossa con queste ragazzette dai capelli sudici sospettate di furto o ricettazione, ma Gadda compatisce la loro giovinezza di persone che non hanno avuto un'occasione per vivere decentemente. Anche Ingravallo è un bel personaggio, commissario molisano con lucente capigliatura di agnello d'Astrakan, sano appetito, sani principi: quasi il nonno di Montalbano.

  • Neva
    2019-01-25 19:21

    I've waited for so long to be able to read this one in original. It was worth learning Italian language and culture for decades to be able get to know this book in all its dialectal and cultural richness. Intelligent, inventive, passionate prose: I am so sorry a huge part of it is impossible to turn into other language, otherwise I would gladly translate it into Bulgarian."Raccolte a tulipano le cinque dita della mano destra, altalenò quel fiore nella ipotiposi digito-interrogativa tanto in uso presso gli Apuli.""Il male affiora a schegge, imprevisto, orribili schegge da sotto il tegumento, da sotto la pelle delle chiacchiere... Da sotto la copertura delle decenti parvenze, come il sasso, affiora, che nemmeno si vede: come la buia durezza della montagna, in un prato."

  • ferrigno
    2019-01-16 21:22

    Ce vulisse uno caa stentorea boce der buce in fez che me sbraitasse dinta n'orecchio: "Leggi, a disgraziato: leggi!"So' appena sciuto, agghiummolato e abbacinato, ma pe' gnente allettato, dalla stolida computazione de' caratteri a stampa su carta - e pure cartaccia de stracci de quelli usati daa portinara de via Merulana (mannaggia a li morti de l'editore tirchio) - de mezzo Pasticciaccio der Gadda.Mezzo: che ppe leggello tutto mi ce vulisse 'na fornitura de mafarde col rosbiffe: congrua e costante.E ce vulisse pure un brain coach che co la stentorea boce del buce in fez me sbraitasse dinta n'orecchio: leggi! leggi! nun te fermà, a disgraziato! Leggi che c'hai davanti er capolavoro daa letteratura.IL PERCHE' DEL VOTOIl voto è 2 stelle. Visto che non sono un critico e non ho gli strumenti critici per un'analisi dettagliata, mi tocca puntualizzare che il voto è riferito alla mia capacità di lettore di GODERE di quest'opera.Ebbene, la mia capacità di godere di quest'opera è NULLA. Ho letto 175 pagine di Pasticciaccio senza mai provare piacere. E visto che per me la lettura è PIACERE (non rilassamento: piacere), per me questo è un libro di merda.L'uso del dialetto: non è quello. Il problema è quando Gadda NON USA il dialetto, perché passa ad un italiano paradossale e grottesco.Mi sembrava inizialmente che il grottesco si accentuasse nei brani di critica al regime, e questo poteva starci. Ma proseguendo mi sono reso conto che il registro aulico-grottesco è usato in modo assolutamente indiscriminato e che fagocita tutte le 175 pagine che ho letto.SULLA SPERIMENTAZIONE E LA NARRAZIONEPotrei sbagliarmi, ma a me Gadda pare terribilmente compiaciuto. Gode oltremodo nell'usare parole inusitate, neologismi, arcaicismi, curiosità e stranezze. «Sul fatto che goda non hai le prove!». Forse no, però l'uso indiscriminato di un registro, senza apparenti motivi narrativi, mi sembra più che un indizio.La storia passa in secondo piano. Invece, per me ROMANZO, è innanzitutto raccontare una storia. Sperimentazione: che sia, ma sempre al servizio della narrazione. Nel saggio sul New italian epic, wuming scrive che la sperimentazione dovrebbe essere INVISIBILE e finalizzata a uno scopo narrativo. In Manituana leggi "polvere di sangue" e non ti accorgi che è un'espressione priva di senso, perché UN SENSO LO COGLI. Inoltre, l'uso di questa sintassi "sperimentale" è contestualizzato e funzionale alla narrazione. "Polvere di sangue" potrebbe essere un'espressione usata da una persona turbata e confusa nel bel mezzo della battaglia.Così non è nel pasticciaccio, dove invece la sperimentazione non è funzionale alla narrazione ma al gusto di Gadda (e secondo me al suo compiacimento).Io, di queste 175 pagine di osannato pasticciaccio ho colto veramente poco, e quel poco a fatica e a costo di riletture, ri-riletture e uso intensivo del dizionario: uso frustrante, perché molte di quelle parole non ci sono neanche, sul dizionario.AGGIORNAMENTO 15.6.2010SULL'USO DEL LINGUAGGIODai commenti al commento, evinco che da molti "difficile" è percepito come un valore letterario. Non sono d'accordo. Dalla mia tiro Borges, che rispetto a Gadda è esattamente speculare: mentre Gadda ricerca una lingua complicata (pantagruelica, bulimica) ricca di riferimenti oscuri, neologismi, arcaismi, per raccontare cose -tutto sommato- comuni (nella suburra ci hanno già portato in molti: Dickens tra tutti, che di vecchie sdentate ne ha ritratte a iosa), Borges affina la lingua fino a renderla limpida come cristallo, e la usa come mezzo per veicolare contenuti strabilianti. Parafrasando Morgan, se "Finzioni" e "L'Aleph" non esistessero, sarebbe difficile immaginarli. (Al contrario, se ripuliamo il Pasticciaccio dei tic linguistici, resta una storia non memorabile).Borges diceva che uno scrittore, nello scegliere tra due termini equivalenti, dovrebbe SEMPRE usare quello più comune. Perché? Perché usare quello meno comune è sempre antieconomico per il lettore e a volte antiestetico.Tra i due approcci preferisco quello di Borges, per motivi etici, perché Il Pasticciaccio mi sembra un pelo misogeno. E anche per motivi estetici, sicuro. Certo, c'è chi all'apollineo preferisce il dionisiaco e Gadda del dionisiaco è un campione: io preferisco l'apollineo. Ma per favore, non mi si dica che la mia è un'opinione personale mentre quella dei gaddiani una profonda analisi critica.Aggiornamento febbraio 2011Da "Di qua dal faro" di V. Consolo:"Ad un letteratino che manifestava antipatia nei confronti del romanzo poliziesco, per la mancanza di scrittura, diceva, o meglio per la presenza di una scrittura funzionale che questo genere letterario ha di solito, per il prevalere in esso del contenuto sulla forma, della comunicazione sull'espressione, per il suo meccanico ingranaggio che lascia fuori la poesia, Leonardo Sciascia, sorridendo di un sorriso tra l'enigmatico e il divertito, cercava di far capire che il romanzo poliziesco è importante, a volte necessario, e pazienza se risulta privo di forma e carente di poesia (peggio per la forma e peggio per la poesia, avrebbe detto). [...]Capì allora il giovane letterato che cosa nascondeva il sorriso di Sciascia, capì cos'era per lo scrittore il racconto poliziesco: uno strumento-il più opportuno e il più valido, il più robusto e più appuntito, il più lucido senz'altro- per affrontare la realtà, la oscura, terribile realtà siciliana. [...]Lo scrittore si calava con la sua lampada da minatore nei sotterranei del potere e, illuminando, ecco che si aprivano allo sguardo, si scoprivano nuove, occulte gallerie, insondabili, paurosi meandri. I suoi polizieschi non erano dunque che amare e dolorose metafore della realtà politica italiana."Ovvero: per alcuni la scrittura è un faro che fa luce su una realtà oscura, per altri... no.

  • Calandrino_Tozzetti
    2019-02-03 23:29

    Non starò qui a ripetere parole altrui: un giallo senza un finale non può definirsi tale; un poliziesco senza assassino non è un poliziesco. Semplicemente, è altra cosa: e altra cosa vuole essere Il pasticciaccio. Ecco quindi che mi accingo a scrivere su di uno dei romanzieri prediletti della mia giovinezza, il Gadda da Milano, che qui ambienta nella Roma fascista quello che è il suo ingorgo di parole per eccellenza; il significante portato alle sue estreme conseguenze pur non rinunciando al suo significato, un vero prodigio d'ingegneria scrittoria e di ricerca del vero, del sublime, del parodico, dell'agro, del riso e dell'amaro, rigorosamente Del Capo. Un capo che qui è il Mascellone che tutti ben conosciamo, poi anche sbeffeggiato nell'irriverente e geniale pamphlet "Eros e Priapo", dove, anche in quel frangente, la ricerca linguistica andava di pari passo con una vena satirica e dissacrante degna del miglior Bombolo. Capolavoro di ieri, di oggi, di domani.Se volete il finale, citofonate il signor Pietro Germi, abile rimestatore di trame e fotogrammi, nonché amante del decoupage classico.

  • Maru Kun
    2019-01-27 18:44

    A modernist murder mystery set in fascist Italy. Fantastic - what could possibly go wrong? Untranslatability, that's what.If you don't speak the language it's tricky to tell whether or not something is untranslatable, but when, half way through a somewhat bizarre three-page one-paragraph digression the footnotes informed me that the whole passage was a play on the similarity between the Italian words for light (la luce) and big toe (l'alluce), I begun to suspect my lack of colloquial Italian meant I may not be getting the most out of the work.An Italian Ulysses? In translation more of an Italian Finnegan's Wake. A great premise and there may be a three or four star book lurking underneath the Italian original but not in the English version. An interesting case study on why some books are untranslatable while others lose little in the process. Recommended for modernist completists or fluent Italian speakers only.A warning for readers of the NYBR edition: the not immediately obvious but rather graphic cartoon erection on lower right corner of the cover makes the work of questionable suitability for reading on crowded public transport; expect some unusual looks in your direction.Note to self: rewrite as a conventional Italian murder mystery set in fascist Italy while there's still a gap in the market; retire on proceeds.

  • Roberto
    2019-01-26 00:40

    Gnommeri e garbugliUn fantastico esercizio di stile, geniale, interessante e sorprendente. Un utilizzo delle lingue (dialetto romano, napoletano, veneto, lombardo, latino, francese, inglese) impressionante, ricercatissimo e magistrale. Una ironia studiata, nascosta tra le righe, latente, irresistibile in molto passi. Alcune pagine sono memorabili.La trama è volutamente complessa, stratificata e aggrovigliata per far risaltare ancora di più lo stile linguistico. Un romanzo senza protagonisti, un omicidio senza colpevoli, un giallo senza tensione, in cui il filo del discorso viene frenato continuamente da metafore, descrizioni, considerazioni, galline che girano, rumori di popolo, invettive.L'ho letto? No, ci ho provato più volte, ma non ci sono riuscito, troppo complesso, troppi dialetti, troppo intricato, troppo... soporifero (accidenti, quanto son limitato).Ma me lo sono fatto leggere da Fabrizio Gifuni (in audiolibro) e ne sono rimasto estasiato. Di Gifuni, intendo. Bravissimo, espressivo, strepitoso! Musicale, divertente, interessante. Bellissimi certi passaggi, come per esempio questo sulla burocrazia:"Là, là, da più lune, la sua pratica risognata attendeva, attendeva. Come delle pere, delle nespole, anche il maturare d'una pratica s'insignisce di quella capacità di perfettibile macerazione che la capitale dell'ex-regno conferisce alla carta, si commisura ad un tempo non revolutorio, ma interno alla carta e ai relativi bolli, d'incubazione e d'ammollimento romano. S'addobbano, di muta polvere, tutte le filze e gli schedari degli archivi: di ragnateli grevi tutti gli scatoloni del tempo: del tempo incubante. Roma doma. Roma cova. In sul pagliaio de' decreti sua. Un giorno viene, alfine, che l'ovo della sospirata promulga le erompe alfine dal viscere, dal collettore di scarico del labirinto decretale: e il relativo rescritto, quello che abilita il macilento petente a frullar quel cocco, vita natural durante a frullarlo, vien fulgurato a destino."O questo, sulle abitudini alle telefonate gerarchicamente a cascata tipiche dell’Italia (del tempo ma anche odierna), tanto inevitabili quanto inutili:"La cascatella delle telefonate gerarchesche, come ogni cascatella che si rispetti, era ed è irreversibile in un determinato campo di forze, qual è il campo gravidico, o il campo ossequenziale-scaricabarilistico".Gadda è stato un grandissimo scrittore e questo libro ne è la dimostrazione. Anche se il libro, a mio parere, non è per tutti. Se qualcuno facesse fatica (come me) a leggere il libro per conto suo, consiglio vivamente l'audiolibro; è una esperienza di lettura diversa ma in questo caso estremamente soddisfacente.

  • Giovanna
    2019-02-02 18:22

    Francamente orribile.

  • charta
    2019-02-13 18:22

    Lo gnommero della vitaIl "Palazzo degli Ori", allocato nella centralissima via Merulana del periodo fascista è perno di questo pasticciaccio.In nomen omen, per citare gli antichi, la narrazione non ha ordine né linearità e svicola dai consueti canoni del giallo.A dispetto di una formazione prettamente scientifica e dei luoghi comuni a ciò connessi (Gadda era ingegnere) questo romanzo racchiude il caos del mondo e, caoticamente, lo dispiega ai nostri occhi attraverso un pastiche linguistico raffinato e insieme genuino, in cui cadenze, allocuzioni, lirismi trovano materica ed esatta allocazione.Tramite un'aggettivazione immediata, come rapinose pennellate di colore, si esprime la concezione dell'umano vivere, la deprecazione della dittatura fascista e dei suoi addentellati: il burocratismo stolido ed ottuso, la femminilità fattrice, la virilità quale unica espressione di maschilità.Ma la critica sociale e storica è solo uno degli aspetti di quest'opera complessa.Cio che preme all'autore è mostrare l'impossibilità di ricondurre i fatti a cause univoche. Rigetta il principio lineare di azione-reazione ed il bozzolo protettivo che esso costituisce per (di)mostrare l'esistenza di una molteplicità di fili che si intrecciano inestricabilmente fra di loro, senza prevedibilità alcuna.La lingua segue tale processo spogliandosi di ogni classicità per indossare vesti duttili e barocche in cui l'alto convive felicemente col basso: lo sterco di gallina è plasticamente "intorcolato alla Borromini", la porchetta viene definita "porca d'oro".Nessuna semplificazione, dunque, bensì rappresentazione immediata e non filtrata dell'umana commedia, processo in cui la letteratura diviene strumento di conoscenza.Per coerenza Francesco Ingravallo (Don Ciccio), il protagonista della storia, che Gadda rende depositario della sua poetica, non addiverrà a compiuta soluzione, il giallo resta aperto come labbra splancate su un urlo.Dimostrazione della impossibilità di decrittare con certezza il vivere. Solo ci è data occasione di tentarne l'analisi in un'operazione di mimesi interna ad esso, fusione ed abbandono, accettando, consapevolmente, l'eventuale sconfitta.

  • Val
    2019-02-12 18:26

    Readers here seem to either love or hate this book, which means that it will not be bland.Italo Calvino thinks it is great. Well, I have read Calvino's If on a Winter's Night a Traveler and it is brilliant, but is also possibly the most frustrating book ever written.So, now we have a police procedural where we don't find out who committed the crime: an interesting concept. (That is not a spoiler from me, it is in the blurb for the book.)It is a rambling book, but not random or confusing. We get the characters' and the author's thoughts along with the progress of the investigation, plus a few incidents which distract from it. The diversions bring the characters to life and add to the richness of the book, but they rarely move the plot forward, so some readers might find them distracting. There is a two page riff on toes, light and a famous painting, which must have taken a fraction of a second in the detective's head and has no relevance to the investigation whatsoever. I loved it.I can imagine there were some interesting editorial conferences on the way to publication. ("I think we should leave out this rant about road signs." "But it gives an insight into how this upholder of the law really thinks about the proliferation of so many new rules and regulations. How else will I show that?") Gadda is openly very rude about Mussolini.This version has a few footnotes to explain who contemporary politicians are, plus a few cultural references, but there are versions with more comprehensive notes, if anyone wants them. I really liked this, but if you are looking for a crime novel I wouldn't recommend it.

  • Michael Mcloughlin
    2019-01-29 22:33

    A deeply philosophical, truly profound, novel, about the investigation of a crime in Rome in the early fascist period. The author, Carlo Emilio Garda, was an electrical engineer who, according to Italo Calvino, "tried to master his hypersensitive, anxious temperament with a rational, scientific mentality, but he simply exacerbated it instead; and in his writing he gave vent to his irascibility, his phobias, his fits of misanthropy, which in his everyday life he repressed behind the mask of ceremonious politeness belonging to a gentleman of another age." "That Awful Mess, Introduction, p. ix). Apart from the author's humanity, tormented by the insidious evil and corruption of the time, most interesting is his notion of causality, in which cause and effect is not linear and simple but essentially non-linear and complex. Again in the words of Calvino, "nothing can ever be explained if we confine ourselves to seeking one cause for every effect. Every effect is determined by multiple causes, each of which has still another, numerous causes behind it. Every event, a crime for example, is like a vortex where various streams converge, each moved by heterogeneous impulses, none of which can be overlooked in the search for the truth." (ibid, p. v.) "What determines a crime is the 'field of forces that emanates from the victim's situation as it relates to the situations of others in the complicated web of events\\; 'that system of forces and probabilities which surround every human creature, ans which is customarily called destiny'". (ib., x1v)In sum, a classic of modern literature, a must read for those who wish to explore how literature might represent the complexity and mystery of life.

  • Paola
    2019-01-20 18:35

    Tre stelle, forse tre e mezza ma non ne sono sicura... Troppe considerazioni contrastanti: da una parte si tratta di un libro che, nella sua assoluta mancanza di immediatezza, quando finalmente ti riesce a rapire ti porta persino a pensare con il gergo dei suoi personaggi, con quel "romanesco" arricchito da un linguaggio a tratti molto ricercato e perfino tecnico (nel quale traspaiono completamente gli studi ingegneristici di Gadda); dall'altra parte, invece, questo suo essere così difficile mi ha portato a non trattarlo come un romanzo vero e proprio ma come una lettura più ricercata. La caratterizzazione così dettagliata dei personaggi è ciò che mi ha più colpito: descrizioni soprattutto a livello caratteriale che si manifestano anche nella descrizione fisica del personaggio.Infine posso dire di essere contenta di aver superato lo scoglio dei primi capitoli ed aver portato a termine la lettura.

  • Ubik 2.0
    2019-02-15 21:33

    “Meglio tacere che esprimersi debolmente”Ovvero, non mi sento in grado di formulare un parere articolato su un’opera così invadente: piacere, fatica, vertigine, divertimento, sconcerto, curiosità, smarrimento si sono alternati nella mia mente durante queste due settimane di lettura. Imperdibile, comunque.

  • Simon
    2019-02-02 22:19

    A very distinctive book. I don't know that I liked it exactly, but it's ingenious. I won't grade it.

  • Andy Weston
    2019-01-22 20:28

    Within this lurks a fine novella. Gadda’s descriptions of everything are lengthy and after a while verge on boring. This is one of the New York Review of Books classics which I have recently embarked upon. It could be that there series of classics has become so successful that in the attempt to find more there are one or two sneaking on to their lists that are not quite at the standard. I have read maybe ten and it is the first that I haven’t given 5 stars to. This is the story of an apartment block at 219 Via Merulana in Rome that suffers two crimes within a few days and the policemen assigned to solve the case (s). The characters are particularly well described, as I have said above, perhaps too much so, but Gadda succeeds if he is trying to ensure that we become familiar with and identify to them. He also gives the reader an exceptional insight into the Roman culture of the day (published in 1957), but overall the book is short on action and ultimately disappointing.

  • SurferRosa
    2019-01-16 21:44

    Il topaccio, il topazzio e il topazio1.Lo inseguo per la campagna, per i campi e dentro ai tuguri, lungo i binari della ferrovia, infinitamente convergenti. Non lo acchiappo. Lo inseguo per i piani del palazzo – scala A e scala B – nell'appartamento della Menegatti, o Menecazzi, o Menegazzi, è lo stesso, nell'appartamento della Liliana, ma non lo acchiappo. Lo inseguo per le strade dell'urbe, nei vicoli sudici, al mercato. Non lo acchiappo. Mi arrendo e mi consolo con un panino col rosbiffe, o una porchetta con dentro una foresta di rosmarino che è una meraviglia e costa solo 1 e 80 l'etto.2.L'impasto, il groviglio. La lingua. Ogni parola, ogni assonanza. Ma no, più radicalmente, ogni segno. Moltiplicato alla n. Agonizzo in tutta questa ricchezza, un intreccio è in fondo una entità geometrica – quale la sua forma lo decide ogni lettore per sé – ed io ho perso il conto delle facce e degli angoli di questo solido senza nome. Mi sono perso eppure ci sono andato coi piedi di piombo. Avanzavo circospetto, ogni tanto un'occhiata all'indietro per coprirmi le spalle. Macché.3.La sentenza: sui fatti non si può fare affidamento.La narrazione: non può finire.E allora, com'è che Il Pasticciaccio trasforma la realtà in verità?

  • Anna Kramer
    2019-02-13 21:31

    In theory, this book is fascinating, a murder mystery written without a conclusion because the conclusion is irrelevant. In practice, the story is a collection of distracted ramblings, difficult to follow and without driving tension or purpose. Gadda prides himself on his elevated language, elaborate metaphors, and obscure allusions, much of which disappears in this translated text. I can sense the underlying satire, but understanding the nuance is beyond me, requiring an in-depth comprehension of obscure Italian dialect, history, and trivia. Though it may be revered as literary genius in its native language, That Awful Mess fell flat. I'm disappointed it took so much effort to finish.

  • Massimiliano Laviola
    2019-02-06 16:41

    Su una trama molto semplice, un thriller senza soluzione, Gadda costruisce un romanzo monumentale, una sorta di simbolo della complessità moderna.La parola giusta per definirlo è quella usata da Calvino nella sua ultima sesta lezione: molteplicità. Personalmente, al contrario di quello che leggo nelle varie recensioni, l'ho trovato piacevole da leggere. Certo non è un libro di intrattenimento, soprattutto nella seconda parte la lettura richiede concentrazione per seguire i mille rivoli in cui la storia si dipana. Lo sforzo è però ben ricompensato.

  • Patryx
    2019-01-18 00:21

    Di fronte alle pietre miliari della letteratura è sempre difficile esprimere un'opinione, soprattutto se la pietra in questione avrei voluto lanciarla dalla finestra più e più volte; invece mi sono armata di santa pazienza e questo romanzo l'ho letto tutto. Il pasticciaccio a me è piaciuto veramente poco nonostante alcuni spezzoni veramente notevoli, soprattutto quelli scritti utilizzando molti termini dialettali o d’ispirazione dialettale; in generale mi sembra che l’aspetto linguistico (invenzione di nuovi termini, sintassi complessa) finisca per prendere il sopravvento non solo sulla vicenda principale ma anche sui lunghissimi incisi (che mi sono abbastanza piaciuti).

  • Procyon Lotor
    2019-02-12 23:39

    Rara Recensione Remixata - armonia di P.Lotor [contrappunto di Dinahrose] L'unica scusa che avete per non leggerlo � che non leggete nulla, nemmeno la lista della spesa, nemmeno l'elenco del telefono, l'orario dei treni o il bollettino ippico. Nulla. [leggendolo scriverete pezzi di pagine, capitoli, capitolando, frammenti di frasi estrapolate, sulla pagina dell�orario dei treni, tra l�accelerato delle nove che finir� invariabilmente a via merulana, e il muy rapido notturno con tanto di ristorante per gnomi; una strana sirena (nel senso di donna pesce e non di suono da richiamo di fabbrica,) vi indurr� irrimediabilmente a strappar pagine di eurostar tronfi e luminescenti come feste di paese, sostituendoli con improvvidi impulsi omicidi, con geli inusitati, la lista della spesa avr� alimenti barocchi, abbarbicati, appollaiati, pasticciati, supremi souffl�s con deprecabili ingredienti sconsiderati, l�elenco del telefono diverr� un inquietante sequenziale collezionar nomi accavallati tra i silenzi incomprensibili,le pause ineluttabili, il chiacchiericcio degradante come un giardino terrazzato di parole, il bollettino delle corse fruller� vincenti e piazzati fermi immobili sulla linea di partenza mentre imbambolati andrete a disdire ogni scommessa, pure quella vinta, con gran gioia, disprezzo e raccapriccio dei bookmakers, restando a leggere sulle gradinate, a testa in gi�, col pi� brocco dei gareggianti a ruminarvi i capelli] Da leggere anche se non vi piacciono i gialli, n� la letteratura italiana tantomeno quella sperimentale. [Se siete letterariamente daltonici, poco tonici, non allenati, nati in epoche di sms con tanto di kappa e spada, con i nintendo e a buon nintenditor poche parole, se non amate l�italiano perch� siete armeni , se la vostra lingua madre � l�ostrogoto prima maniera, se per voi � sperimentale coehlo , la biografia di wilma de angelis, il galateo di Monsignor della Casa, il catalogo postalmarket per taglie forti, leggetelo comunque, col vostro peso fuoriforma che supera il quintale, coi vostri pantaloni modello tendone da circo, sprofondate nella lettura, anche se questo significasse arrivare al centro della terra, dal tanto sprofondare] Da leggere anche se siete di sinistra, di destra di dentro, di sopra e di sotto, di centro o di fuori. Anche se il recensore vi sta antipatico per non parlare dell'autore o dei suoi amici o dionon voglia l'editore. [Se siete mancini, se per voi una rosa � una rosa � una rosa, e una pipa non � una pipa, se rimpiangete lama pertini e bearzot, se sottosopra ci state male, se sottosotto ci state bene, se sottoposti neppure morti, se sottoscala ci si allaga, se sottocoperta dormite benissimo, se sopraggiunge un centro centro, una sinistra arco in un baleno. Se non solo il recensore � deprecabile, indecente, indecoroso, esecrabile, ripugnante, ma anche sua nonna � disdicevole, degenere, spregevole e vituperabile, se il custode del palazzo della sorella del recensore � un ballerino di latinoamericano , se l�autore non solo vi fa vomitare, ma gli brucereste volentieri la casa, l�auto dei nipoti, gli spacchereste la bicicletta sulla noce del collo, ballando la tarantella sulla sua tomba tenendovi i lembi della giacca con aria di osceno trionfo, tacendo dell�editore dato in pasto ai cani randagi, leggetelo, leggetelo ugualmente, stemperando l�odio feroce per l�Esecrabilit� all�ennesima potenza, nello sconfinato paesaggio di parole messe insieme con una mirabile armonia scombiccherata] Da leggere anche se ve lo ha consigliato la professoressa il prevosto il maresciallo o la mamma. Perfino. [leggetelo dopo quei consigli ma non prima di aver rinchiuso, legati l�uno all�altro ma non imbavagliati, cos� si tramortiscono a vicenda, professoressa, prevosto maresciallo mamma e gi� che ci siamo pure un tronista, un paio di galline, un poeta ermetista, un fotografo di moda, e un tenore rauco] Da rileggere anche se lo aveste gi� scritto voi [da ricopiare a mano con grafia arzigogolata settecentesca con la mano sinistra se siete destri e con la destra se siete mancini, con un occhio solo aperto , ma ipermetrope, da riscrivere con una lettera 25 per� col naso, parola per parola, amando ogni vocale, ogni afflato, ogni deriva intricata, ogni soffio d�anima mascherato, ogni dettaglio, apparente o sostanziale, ogni teoria sulla vicenda, e ogni pratico sollevar bandiera bianca sventolandola vinti e avvinti, avvinghiati, umiliati da tanto scrivere, offesi per averlo scritto voi col fatto che nessuno lo sa e lo hanno ignominiosamente attribuito a Gadda, in un ultimo rantolo prima di soccombere all�avvelenamento da inchiostro, al naso da pugile spappolato dalle FGTRE UIOPLAS al triste vostro destino di negro ghost patetico vittima del destino cinico e baro, in quell�ultimo, imperioso, inevitabile rantolo, leggetene ancora una , due , tutte le pagine, siate certi, sopravviverete, e vi salverete, se non altro per avere il privilegio , terribile ed invadente, splendido e temerario, di poterlo rileggere ancora]

  • Lawrence
    2019-02-08 16:37

    I was a little suspicious of "That Awful Mess, etc." because Italo Calvino, who wrote the introduction, is not one of my favorites. But, by page two, I was propelled into the book when I read the short commentary on Doctor Ingravallo's landlady and heard her say that, if anyone thought she'd rent to just anybody, "I'd throw myself in the river." This was just the right note of talkative, daily-life hyperbole for me. Then, I just enjoyed.Here is why I liked the book. First, its most immediate characteristic: the comedy. In this respect, I think, for example, of the interview with Father Lorenzo Corpi and the ruminations on his feet; or the young Valdarena, urgent in telling his intimate, family story in his distress as a prisoner; or, even better, of the whole series of adventures of the two poor carabinieri in chapters 8 and 9. These scenes, and others, have a "larger than life" quality (and good characterization, given the character's premises). This type of exaggeration is enhanced by the multiple asides by the author, whether throw-away quips or longer discourses. Here, I think of Ingravallo's pure speculations on the nature of Mrs. Balducci or of the magnificent essay on the big toe in Italian art (also reminiscent of Father Corpi's feet). This book just wants to amuse.Part of this amusement for me is the actual plot. The book describes a situation in which an entire police apparatus --- with intelligent "stars", few resources, and so forth --- maybe, just maybe, has solved the first crime at the Via Merulana, but has not really come close to any solution for the very violent second crime. Somewhere and somehow, the second crime is either laid aside or included by some "logic" in the solution to the first. The result: a depiction of rationalization through action and human comedy.Second, in my opinion, the book has excellent structure. On one level, it is extremely linear. It explicitly progresses by the calendar. However, it has two strands. This linear level is the story "on the ground". The second level is the strand of inventive fantasy asides, distractions from events (the chickens), character studies, speculations on various "irrelevant" topics, social and political commentary, and so forth. This second strand is like a heavy icing on a relatively thin cake. I find the combination very satisfying. I actually don't care that no one of the two crimes is solved in the course of the book. I don't think that solving the crimes was Mr. Gadda's purpose. I think his purpose may have been to describe the here and now from one minute to the next. And I think this here-and-now includes his own here-and-now (given the top-heavy icing) as well as the characters'. In this sense, every person in the book is accorded equal weight --- whether Ingravallo or Fumi or the Ines Cionini whom they grill in Chapter 7 or the two low-level carabinieri of chapters 8 and 9.Third, the book is genuine, and I disagree that it is satire. It is, however, comic in pointing out, for example, how the police apparatus is so under-resourced that it appears bumbling and Keystone-ish, to wit, the car that Ingravallo secures for what will be, hopefully, the bust. But, to return to genuineness, while the book is charming and funny, it has intense moments of feeling. Here, I think of the perfect and sad description of the defeat of Ines at pages 232 - 4. I also think of the perfect description of the preoccupation with heirlooms. I think of the obsessiveness of wanting a baby that will not be conceived. I think of Gadda's genuine anger at and scorn for Mussolini.To close, I wonder if the forerunners of Mr. Gadda are not writers of the twentieth century. Maybe, Mr. Gadda's literary ancestor here is someone like Henry Fielding whose work is linear and marked by multiple asides, who laughs at foolishness and ridiculousness, but cherishes goodness, and who is angry at injustice.

  • Armando
    2019-02-02 21:43

    Uno dei primi commenti letti su questo romanzo metteva in relazione la lettura dell'opera gaddiana alle fatiche dello svezzamento.Mai analogia fu più calzante.Leggere Gadda equivale a rivivere le sensazioni delle prime letture,della lenta opera di comprensione di un alfabeto e delle sue possibilità lessicali,una piccola epifania resa possibile da un gioco complicato di connessioni e potature sinaptiche.Nei suoi scritti,il professor Tolkien affermava che "la creazione di un mondo è preceduta dalla creazione di un linguaggio" e in tal senso niente esprime meglio questa massima che il Pasticciaccio.Un romanzo in cui la lingua si fa trasfigurazione di un mondo descrivendone le idiosincrasie,i manierismi,il caos multiforme che lo governa.L'arte del raccontare è infatti l'arte del divagare sembra dirci Gadda,perchè solo la divagazione,l'attenzione al dettaglio,l'apertura alle molteplici cause che governano l'universo e rendono la verità un groviglio ineludibile possono darci una fotografia sincera del guazzabuglio in cui nuotiamo.Un romanzo sicuramente difficile dunque,del quale è soprattutto complicato essere all'altezza(la stella mancante è una mancanza mia dico sempre in questi casi) e che necessita di essere gustato con calma,per poter cogliere anche solo una minima parte delle meraviglie che vi sono disseminate.

  • Russell
    2019-01-24 19:43

    That's it. I fucking give up. I got about 3/4 of the way through this disaster area before I finally did what I should have done initially and lit the fucker on fire. Chapter 8 was the final straw. Chapter 7 ends with (another) footnote identifying a certain passage as a 'typically Gaddaian aside'. I found that amusing in an irritating sort of way since Gadda only writes in asides. He includes so many asides that his book in nearly impossible to follow. (He also enjoys puns, metaphors, and painfully dated, slang-ridden, political jokes.) The vein in my forehead was already twitching when I turned the page to start chapter 8. Fortunately, chapter 8 begins with (another) 4 and a half page run-on paragraph. At this point I had a seizure, punched my own face in the nose and bit off my tongue. Don't read this god damned book. (For reference, here are the other books I started and finished while trying to wade through this quagmire: Ender's Game, Hannibal Rising, The Children of Men and Haunted. None which are on my list of all time favorites and all of which more enjoyable than this train wreck.)

  • Matt Clark
    2019-01-30 00:17

    I'm going to agree with my good friend Evan and say that I think a lot of this book was lost on me because I had to read it in English and am just not that familiar with Italian history. As a result, I think a lot of the brilliance of this book just went right over my head.Still, I found a lot to like. The first 100 pages or so were engrossing (if convoluted) and I really liked Gadda's "system of systems" theory, which I think really explains why the book is written in the sort of meandering method that it is. Also, given its high praise from Calvino, I tried to imagine what this book would be like if it was by an American writer in English and I think would have really enjoyed the play on accents, the political commentary, and the endlessly different names for the same person/place. I sort of had this epiphany while reading about the paintings of "light" and "toes," which (as the transalator insinuates) was just plain ridiculous in English, but was probably a masterful and wonderful play on words in Italian.

  • Andrew
    2019-02-02 18:20

    I wanted so badly to like this book. Calvino was a huge fan, and the idea of a detective story that gets progressively more and more complex sounds fascinating. However the tile is apropos-- so much of the book is just an awful mess. An awful mess, albeit, with long passages of gorgeous description that would function well as stand-alone pieces, but completely shambling and incoherent as a novel. I'm going to give Gadda the benefit and guess that a lot of this was lost in translation, but this still wasn't that great.